Franck Ribery è il giocatore di settembre del campionato di Serie A

L’ex campione e centravanti della Nazionale Luca Toni non ha dubbi: “Il colpo del mercato prima dell’inizio della stagione 2019 – 2020 lo ha fatto la Fiorentina. I viola hanno scoperto le enormi potenzialità di Franck Ribery”.

Già punto di forza del Bayern Munchen il giocatore francese ha accettato la proposta della Fiorentina. Un contratto biennale da quattro milioni di euro più un bonus di qualche centinaio di migliaia di euro, forse mezzo milione, che sarà legato alle partite giocate dal nuovo arrivato.

Ribery ha già fatto vedere quanto vale. “Può dare un grande contributo alla squadra ed è lui il punto di riferimento per tutti”, ha detto Luca Toni a Novantesimo minuto. Ma era chiaro da subito che il campione francese fosse un grande acquisto. Una mossa importante non solo a livello mediatico, ma per i tifosi che lo osannano e poi Ribery si è innamorato di Firenze. Come poteva essere altrimenti?

Il Grifone ha preso per le corna il Diavolo Milan

Genova. Si sapeva che non era una partita facile. Il Genoa di Juric (tornato in pachina dopo una giornata da squalificato ndr) ha spinto fin dal primo minuto. Buona partita del Grifo che ha messo ko il Milan secondo in classifica.

E’ stato Ninkovic al 10′ ad aver sbloccato la partita con un gol capolavoro e da quel momento il Grifo ha preso per le corna il diavolo arrivato a Marassi con l’idea di fare punti e superare la “vecchia signora”. E il primo tempo è continuato con il Genoa sempre molto aggressivo e un Milano che ha costruito poco. Una nota: l’arbitro Banti ha espulso Fabrizio Preziosi per proteste.

E dopo una serie di falli del Milan è stato espulso Paletta, all’11 del secondo tempo per un brutto fallo su Rigoni che era lanciato verso la porta di Donnarumma. Il Genoa regala spettacolo per tutta la partita con un Rincon scatenato. Rossoblu che fanno divertire il tifosi che hanno continuato a cantare per tutta la partita. E al 35 minuto autorete dell’ex genoano Kucka. Passano altri sei minuti ed è super Pavo ad aver infilato il pallone dietro le spalle di Donnarumma. E il Grifo porta a casa tre punti d’oro.

E domenica prossima il Grifo andrà a Bergamo. C’è l’Atalanta di mister Gasperini, ex allenatore del Genoa. Non sarà una partita facile, ma i rossoblù devono riprendere fiato e la corsa che si è fermata dopo il pareggio con l’Empoli e la Samp. C’è sempre quella partita in meno contro la Fiorentina bloccata al 10 minuto sotto un diluvio univerale di settembre. Se ne riparlerà a dicembre. Ma quei dodici punti fino a sabato scorso erano davvero troppo stretti.