Matteo «MacGiver» Peri, quella passione per le antenne e la battaglia contro la fibromialgia

Radio, antenne e fibromialgia. Giornate scandite da una malattia che ha oltre 100 sintomi per la quale non esiste cura. Matteo «MacGiver» Peri, 47 anni, di di San Giovanni Valdarno, non si scoraggia. Anzi non perde tempo e costruisce antenne per i radioamatori, praticamente per i nipoti di Guglielmo Marconi. Sono quelli che si mettono le cuffie in testa giorno e notte, collegano il mondo via etere.

Il laboratorio di Matteo

Cavi, bobine, cacciaviti, viti, stagno, saldatore. L’officina di Matteo è ricchissima di contenuti. Quello è il suo mondo, quella è la sua vita. La produzione di antenne, di tutte le dimensioni, è curatissima. Ogni dettaglio deve funzionare come un orologio per accontentare il mercato, ma anche per regalare a lui una soddisfazione ogni volta che riesce l’impresa. Una passione quella di Matteo che è diventata anche un lavoro. Le sue invenzioni vengono proposte su Ebay per essere vendute sul mercato globale del web, ma la bellezza del suo lavoro la si può vivere, come la sua stessa passione e impegno, sul suo profilo Facebook. Video e descrizioni sono perfette, non una sbavatura.

Matteo Peri

Ma c’è un post che attira l’attenzione più di ogni altra cosa sul profilo di Matteo. Lo ha fissato in alto ed è ben chiaro. Le giornate trascorse in officina sono scandite appunto da quella malattia che Laura, una donna di 31 anni, ha ben descritto. Come Matteo anche lei deve convivere con una patologia caratterizzata da dolori muscolari diffusi associati ad affaticamento, rigidità, problemi di insonnia, di memoria e alterazioni dell’umore. Non esiste una vera cura per questo problema. Ed ecco allora che Matteo «MacGiver» ha trovato la sua dimensione, il suo mondo: l’autocostruzione di antenne nel suo laboratorio fatto in casa. Non è un passatempo, ma un modo per convivere la malattia. Ogni antenna che viene realizzata è un successo, una medaglia che lo rende felice e che lo fa emozionare. Ma si congratulano con lui anche chi ha avuto la fortuna di conoscerlo da vicino, soprattutto il suo impegno, la sua fantasia e quella battaglia che è diventata un calvario. Matteo non si arrenderà mai. Questo è chiaro. Il suo laboratorio continuerà a produrre antenne spettacolari proprio come quando Matteo ha deciso di aprirlo per non alzare bandiera bianca.

Giò Barbera

Digitale e virtuale, il gambling è sempre più nerd

È un mondo, quello del gambling, che si muove tra passato e presente, con un occhio stabilmente puntato sul futuro. Questa la ricetta vincente di un settore in costante crescita, capace di coniare la tradizione e l’innovazione, in grado di partire da capisaldi di ieri per cambiare il domani del gioco.

In questa parabola si deve leggere anche un’altra oscillazione del gambling, quella che lo ha portato da essere un ambiente di nicchia ad essere un fenomeno transgenerazionale. Lo dimostrano gli ultimi dati del report stilato dalla Business Research Company proprio su device e gioco online, che mettono in evidenza quattro grandi fattori di cambiamento. Il primo è quello di una maggiore disponibilità di rete internet migliore e illimitata, una nuova possibilità che apre grandi opportunità agli utenti. Poi la sicurezza nelle transizioni economiche, diventate più solide e controllate anche da mobile; la consapevolezza crescente delle aziende di gambling verso questo argomento, con la conseguente crescita di app e piattaforme pensate a misura di smartphone e infine proprio il ruolo centrale svolto da questi ultimi. Il report si sofferma poi sulle cifre del mercato globale del gambling che nel 2023 dovrebbe raggiungere e superare la quota dei 702 miliardi di dollari negli USA per arrivare a 847 miliardi nel 2032.

Accanto a questa dimensione mainstream, di massa, il gambling continua però a parlare ad un piccolo ambiente di riferimento, fatto di patiti del settore e soprattutto di grandi esperti di tecnologia. Sì, perché dietro a ogni singola slot machine online ci sono meccanismi e competenze che rimangono sconosciute ai più. Stiamo parlando di tecnologie immersive come il 4D e la Realtà virtuale oppure i linguaggi di programmazione HTML 5, il C++, lo Swift e tanti altri. Oppure i tanti programmi di game engine e di ingegneria informatica, elementi essenziali per fare di una slot o di gioco online un grande successo.

Forse è proprio questo il grande segreto del gambling, la capacità di aver mantenuto intatto il suo status iniziale e allo stesso tempo di ingrandire il proprio target di riferimento. È così infatti che il gioco pubblico è diventato un fenomeno di massa, tanto che presto arriverà a dominare anche la zona asiatica. Basti pensare a quanto dimostrato dal China Welfare Lottery, che ha registrato una crescita di quasi 13 punti percentuali. Una crescita incredibile, che parte da solide basi. Quelle della tradizione. Quelle di una nicchia capace di diventare massa.

Fabio Becchi: «Rivedere la direttiva europea sull’efficientamento energetico»

La nuova direttiva europea per l’efficientamento energetico in fase di valutazione presso la Commissione Energia del Parlamento UE per poi essere approvata dal Parlamento europeo rischia di mettere in atto una svalutazione dell’80% del patrimonio immobiliare. Per questo motivo la Fiaip provinciale di Savona, in sintonia con la presidenza nazionale della stessa associazione di categoria, chiede di «cambiare la direttiva». «Così impostata  – sottolinea Fabio Becchi, presidente provinciale della Fiaip  – determinerebbe gravi conseguenze per il mercato. Si rischia infatti di impoverire le famiglie italiane i cui risparmi per il 60% sono canalizzati in immobili». Da ricordare che  il testo attuale prevede che dal 1° gennaio 2030 tutti gli immobili residenziali dovranno essere in classe energetica «E» per poi raggiungere la «D» nel 2033 e arrivare a emissioni zero tra il 2040 e il 2050. Sarebbero esentate da tale obbligo le dimore di «interesse storico», gli edifici di culto, le abitazioni indipendenti con una superficie inferiore ai 50 mq e le case abitate per meno di quattro mesi l’anno. Per Fiaip «si tratta di una richiesta che si scontra con la situazione del patrimonio immobiliare provinciale costituito per il 60% da immobili nelle due ultime classi energetiche (F e G) e per l’80% nelle ultime tre classi energetiche (F, G, E)». Rispetto alla precedente versione del dicembre 2021, inoltre, è stata eliminata la sanzione dell’impossibilità di vendere o affittare gli immobili in classi energetiche non adeguate. Saranno i singoli Stati a decidere se e quali sanzioni applicare a chi non raggiungerà gli standard energetici fissati dall’UE. Ma nel frattempo Fiaip chiarisce la sua posizione: «Siamo assolutamente favorevoli all’intento di agevolare il processo di transizione ecologica immobiliare, finalizzato a ridurre drasticamente le emissioni di CO2 nell’aria dettate per il 40% da consumi per il riscaldamento domestico, ma non con questa modalità, ovvero introducendo un obbligo con inevitabile esborso vincolante di denari per i cittadini». Fiaip «è d’accordo nel rendere permanenti gli incentivi fiscali immobiliari orientati all’efficientamento energetico, su tutti il Superbonus, e prevedere tassi di interessi agevolati con l’estensione della Garanzia Consap per i finanziamenti a supporto di tali interventi sono strumenti concreti che potrebbero accompagnare la comunità nel riqualificare energeticamente i propri immobili in maniera volontaria e non coercitiva, e, soprattutto, in maniera più concretamente efficace».

Ski Price Index 2022-2023: l’indice dei prezzi delle destinazioni sciistiche più amate dagli italiani

Ami le piste innevate, il clima rigido non ti spaventa e non vedi l’ora di una vacanza ad alta quota ma hai bisogno di qualche dato per decidere dove andare? Che tu sia o meno un habitué della montagna o meno, che tu sappia sciare molto beneo che tu non sappia neanche mettere gli sci ai piedi, Holidu, portale di prenotazione di case e appartamenti vacanza tra i più noti d’Europa, ha realizzato la classifica delle top 40 destinazioni sciistiche più amate dagli italiani nella stagione 2022-2023, indicando non solo il prezzo degli alloggi ma anche degli Skipass. Il budget? Va dai 37 in Basilicata ai 248 di Zermatt.

PosizioneCittàRegione o Stato estero
1LivignoLombardia
2Roccaraso-RivisondoliAbruzzo
3Madonna di CampiglioTrentino-Alto Adige
4BormioLombardia
53Cime/3 ZinnenDolomitiTrentino-Alto Adige/Veneto
6-39 
40Kranjska GoraSlovenia


Fonte e classifica completa di posizioni e dati comprensivi dei prezzi delle case vacanze disponibile alla pagina:https://www.holidu.it/f/chalet-baite#ski-price-index

Livigno in testa, seguono Roccaraso-Rivisondoli e Madonna di Campiglio.

Chiudono la top 5 Bormio e Tre Cime Dolomiti. La località valdostana di Courmayeur si piazza in sesta posizione davanti alla trentina Canazei-Belvedere e a Cortina d’Ampezzo, prossima ad ospitare insieme a Milano le olimpiadi invernali del 2026 e ottava in questa speciale classifica. Ghiacciaio dello Stubai nei pressi di Innsbruck e Breuil-Cervinia chiudono la top 10.

Gli italiani prediligono le località italiane, ma anche le poche estere sono appena oltreconfine!

I nostri connazionali hanno una netta predilezione verso le località dello Stivale: ben 31 destinazioni su 40 sono italianee solo 8 estere, più precisamente 2 per ognuno dei 4 Paesi con cui l’Italia condivide il suo confine settentrionale. Due in Austria (Ghiacciaio dello Stubai nei pressi di Innsbruck al nono posto e Kitzbühel 11ma), due in Slovenia (il Vogel Ski Resort nel Parco Nazionale del Tricorno 15ma e Kranjska Gora 40ma), due in Francia (Charmonix-Mont-Blanc 21ma e Les 3 Vallées 34ma) e infine due in Svizzera (Zermatt e St. Moritz rispettivamente 28ma e 29ma).

Destinazioni italiane: non solo Alpi ma anche centro e sud ad alta quota

Come da copione, la regione italiana più rappresentata è il Trentino-Alto Adige con ben 9 località cui se ne aggiungono in verità altre 3 al confine traquesta ed un’altra regione; tra di esse sono 3 quelle nella top 10: si tratta di Madonna di Campiglio medaglia di bronzo, Tre Cime Dolomiti (in parte anche nel territorio del Veneto in verità) al quinto posto e Canazei-Belvedere al settimo posto.

Va forte anche l’Abruzzo con ben 5 località in graduatoria: oltre alla medaglia d’argento Roccaraso-Rivisondoli, anche Pescasseroli 19ma, Ovindoli Monte Magnola 24ma, Campo Felice-Rocca di Cambio 33ma fino ad arrivare a Gran Sasso-Campo Imperatore 36ma.

Quattro le località della Valle d’Aosta in graduatoria: Courmayeur-Mont-Blanc sesta, Breuil-Cervinia 10ma e Pila 25ma e La Thuile 38ma.

Sono altre 9 le regioni rappresentate con una o due località ciascuna.

Budget da settimana bianca? Non è tutto Cortina o Alpi Svizzere

Il concetto di settimana bianca, si sa, è facilmente associabile al concetto di ricchezza e ben pensarci, tra la costosa attrezzatura, lo skipass e l’alloggio, il costo di questo tipo di vacanza è generalmente considerevole. Lo confermano le località elvetiche come Zermatt che come prezzo medio combinato di skipass e alloggio tra alta e bassa stagione batte tutti con i suoi 248 euro al giorno, ma anche St. Moritz che si attesta a 193 euro. Non è da meno Cortina con i suoi 234 euro giornalieri o Corvara in Badia con 210 euro.

Quali sono le località più economiche per una settimana bianca a basso costo?

Nonostante i prezzi da capogiro di alcuni ski resort, molta è la scelta di località e resort con un prezzo medio inferiore ai 100 €: nella classifica di Holidu sono ben 12, tra cui spiccano La Thuile e Sestriere, Pescasseroli e Roccaraso-Rivisondoli.

Ma un esempio ancora più evidente sono le due località slovene, Kranjska Gora e Vogel Ski Resort, si attestano sui 79 €, così come la siciliana Etna Nord con 71 €.

Sono tuttavia solo 2 le località il cui prezzo medio è sotto i 50 €: si tratta di Gran Sasso Campo Imperatore con 45 € mentre la regina del risparmio è Viggiano Montagna Grande; questa località in Basilicata costa in media solo 37 € al giorno.

La classifica completa delle località più ricercate, il prezzo medio degli alloggi e degli skipass in alta e bassa stagione nonché l’ulteriore prezzo medio tra quelli delle due stagionalità per ciascuna località analizzata sono disponibili alla pagina:https://www.holidu.it/f/chalet-baite#ski-price-index

Metodologia:

Holidu ha selezionato le 40 località sciistiche più ricercate sul sito holidu.it per soggiorni compresi tra il 1 dicembre 2022 e il 30 aprile 2023. Per ciascuna località così individuata sono stati indicati il prezzo dell’alloggio e il prezzo dello skipass sia in alta stagione che in bassa stagione oltre che il prezzo finale dato dalla somma dei due. In merito al prezzo degli alloggi per l’alta stagione è stato preso in considerazione il periodo compreso tra il 27 dicembre 2022 e il 2 gennaio 2023, mentre per la bassa stagione è stato considerato il periodo tra il 28 marzo e il 3 aprile 2023.

Ottenuto il prezzo di alta e bassa stagione, è stato infine calcolato il prezzo medio finale facendo, per l’appunto, una media tra i due.

Tutti i prezzi in graduatoria sono stati arrotondati in modo da ottenere sempre cifre intere senza decimali.

Laddove i prezzi della stagione 2022-2023 non fossero disponibili, sono stati utilizzati quelli della stagione precedente maggiorati di 3-5 euro (la maggiorazione media che è stata osservata nelle principali località di cui i dati della corrente stagione fossero disponibili rispetto alla stagione precedente a seconda dell’area geografica).

La presente graduatoria è stata realizzata al netto dell’eventuale impossibilità di accesso alle piste sciistiche per cause come maltempo o modeste nevicate. In tal senso Holidu consiglia di prestare sempre attenzione alle condizioni meteorologiche poco prima dell’eventuale arrivo a destinazione.

A proposito di Holidu

La missione di Holidu è quella di consentire ai proprietari e agli ospiti di trarre il massimo beneficio da una casa vacanze rendendo semplici sia la ricezione da parte dei proprietari che la prenotazione da parte degli ospiti. L’azienda offre un ampio catalogo di case vacanza ben curate e verificate al fine di rendere la prenotazione per gli ospiti libera da dubbi e piena unicamente della gioia che ogni viaggio sa regalare. Con il marchio Bookiply, la piattaforma di software e servizi consente ai proprietari di attirare più prenotazioni riducendo al minimo gli sforzi. I fratelli Johannes e Michael Siebers hanno fondato Holidu nel 2014. L’azienda, in rapida crescita, impiega 500 persone e ha sede a Monaco di Baviera. Inoltre può contare su uffici locali nelle più gettonate destinazioni di viaggio d’Europa.
www.holidu.it e www.bookiply.it

I profili social di Holidu:

Instagramwww.instagram.com/holidu

Facebook www.facebook.com/holidu

Linkedinwww.linkedin.com/company/holidu

Boom di presenze ad Artesina durante le feste, prossimo week end tra sci, relax e intrattenimento


Ottimo bilancio per Artesina con numerose presenze durante le festività natalizie. La soddisfazione della stazione è massima, in ragione del gran lavoro svolto dagli addetti alle piste per consentire agli sciatori di frequentare i tracciati anche con le scarse precipitazioni nevose e le elevate temperature registrate tra Natale e l’Epifania. 

I turisti, in arrivo da ogni parte d’Italia e varie zone d’Europa, hanno apprezzato il calendario di eventi di fine 2022 e inizio 2023: dai tradizionali mercatini di montagna alle emozionanti fiaccolate, dai concerti live in piazza all’intrattenimento de “La piazza in…musica”, dalle fiere degli antichi mestieri fino ai momenti dedicati ai più piccini con l’immancabile baby dance con Pinky, mascotte di Artesina.

In questa prima metà del mese di gennaio, anche dopo le feste, le piste sono state prese d’assalto dai gruppi organizzati di scolaresche straniere che hanno potuto sciare ogni giorno sui tracciati messi a disposizione e lavorati ogni notte. 


Un incessante lavoro degli addetti alle piste consentirà anche per il prossimo week-end la fruibilità di buona parte degli impianti compreso il collegamento Mondolè Ski con le seguenti specifiche come direttamente comunicato dagli addetti ai lavori. 

Per sabato 14 e domenica 15 gennaio sarà, quindi, possibile sciare sulle piste della Turra utilizzando esclusivamente l’accesso tramite le Seggiovie Rastello – Borrello, in Alta Valle Ellero. Nei due giorni indicati, presso le casse di Rastello sarà possibile acquistare lo skipass giornaliero valido sulle seggiovie Rastello Borrello e le Sciovie Turra al costo di Euro 25,00. Gli utenti già in possesso di skipass valido per le due date in questione e coloro che acquisteranno lo skipass MondoleSKi, online (a  tariffe più convenienti, direttamente sul sito www.artesina.it) o alle casse di Artesina, potranno scegliere se sciare sulle piste del Colletto, Rocche Giardina e usufruire dei collegamenti con Prato Nevoso e Frabosa Malanotte o recarsi alla partenza della Seggiovia Rastello per sciare sulle piste del Pian della Turra” spiegano i responsabili di Artesina spa. 

La Seggiovia Castellino, a causa del guasto meccanico verificatosi lo scorso 6 gennaio, rimarrà chiusa e la pista Selletta dal Pian della Turra ad Artesina 1300 non sarà percorribile. La riapertura è prevista entro il week end del 21-22 gennaio e sarà tempestivamente comunicata dalla Stazione. 

Non solo opportunità di sciate e relax. Un ricco programma di l’intrattenimento caratterizzerà Artesina anche nel prossimo fine settimana con gli appuntamenti de “La Piazza in…musica”, che allieteranno i turisti della stazione con musica e divertimento, oltre all’immancabile momento con Pinky e la baby dance fissato come ogni domenica alle ore 12,00 sul palco centrale. 

Artesina e il comprensorio del Mondolèski sono a soli 30 minuti dal casello autostradale di Mondoví (Autostrada A6). Una offerta di 130 km di piste, grazie ai collegamenti con Prato Nevoso e Frabosa, adatte a tutte le esigenze. Ad Artesina si scia a 2000 metri di quota e la stazione è ideale per le famiglie con il nuovo campo scuola e gli eventi con Pinky e la musica in Piazza.

Aggiornamenti in tempo reale sulla pagina www.facebook.com/Artesina/. Per maggiori informazioni è possibile chiamare il numero 0174242000 o scrivere alla mail posta@artesina.it.

“Segni, fenomeni e icone”, Palazzo Stella inaugura una nuova stagione espositiva


Sabato 14 gennaio 2023, con apertura dalle ore 17:00, SATURA Palazzo Stella inaugura il nuovo anno espositivo. Sette nuove mostre, che riconfermano SATURA come il più grande spazio espositivo indipendente dedicato all’arte contemporanea in Liguria.

Si comincia con la mostra personale di Antonio Bettuelli “Color vibes” a cura di Flavia Motolese, in cui il gesto pittorico è un modo per relazionarsi al mondo: l’artista, prendendo spunto dalla visione del paesaggio, condensa “segno-luce-colore” in piccoli tratti e filamenti cromatici reiterati. Questi sottili elementi materializzano l’ impermanente gioco di riflessione e rifrazione della luce coinvolgendo la superficie del quadro in un’unica vibrazione.

“Segni, fenomeni e icone”, Palazzo Stella inaugura una nuova stagione espositiva

Si continua con la collettiva “Nero Integrale”, a cura di Mario Napoli, che, attraverso le opere di Stefano GrondonaCarlo Merello, Plinio MesciulamRiri Negri ed Emilio Scanavino, intende sondare le potenzialità espressive del cosiddetto “colore acromatico”. A questa mostra si affianca “Affioramenti”, esposizione a cura di Flavia Motolese in cui le opere di Guido AnnunziataClaudio ElliAngela Filippini e Luisella Grondona convivono in un orizzonte fluido dove tracce e sedimenti confluiscono le une negli altri, caricandosi di nuovi significati allusivi.

Si passa alla scultura con “Modulazioni vitali”, a cura di Andrea Rossetti, doppia personale dedicata a due raffinati interpreti del linguaggio plastico contemporaneo: Elisa Corsini e Claudio Cermaria.

Spazio, quindi, agli artisti“In permanenza”, attraverso una selezione di opere caratteristiche di sei dei noti artisti che SATURA promuove e valorizza: Gerolamo CasertanoMaria Luisa CasertanoMaurizio FornoPeter NussbaumPaola Pastura e Nevio Zanardi.

Con l’apertura della nuova stagione espositiva, infine, SATURA inaugura due spazi dedicati: “La Galleria” e “Spazio Liguria”. La filosofia del progetto “La Galleria” è presentare artisti di indiscutibile valore, ormai storicizzati, in uno spazio ad hoc, contenitore di idee e proposte, che diventi una tappa obbligata per tutti i critici, collezionisti, galleristi e appassionati che vogliano apprezzare opere esclusive come quelle di Piergiorgio ColombaraClaudio CostaWalter Di GiustoVinicio MomoliY. S. Keith Kim.

“Spazio Liguria”, invece, è un focus storico curato da SATURA che vuole esporre e far conoscere i protagonisti della scena ligure contemporanea di ieri e di oggi, attraverso i loro percorsi, gli approcci con le diverse tecniche, la storia del loro vissuto e la rappresentazione dei significati. Il progetto intende realizzare un luogo dinamico, dove ripercorrere il repertorio e la biografia di alcuni dei migliori interpreti contemporanei in territorio ligure e non solo: Giuseppe AllosiaRocco BorellaAurelio CaminatiGuido ChitiNatale De LucaBruno LibertiAttilio ManginiGiovanni ProfumoRaimondo Sirotti.

Le mostre resteranno aperte fino al 28 gennaio 2023

dal martedì al venerdì 9:30-13:00 / 15:00-19:00, il sabato 15:00-19:00

Nuova puntata di Tgevents Television interamente dedicata al «Footgolf»

Nuova puntata (la numero 621) di Tgevents Television in onda da lunedì 16 a domenica 22 gennaio 2023 interamente dedicata al «Footgolf», l’evento sportivo e goliardico che ha compiuto sette anni di vita. L’ultima edizione è andata in scena il 6 gennaio scorso ad Alassio ed è stata vinta dall’ex campione del Torino e Milan Nello Santin. Sulla spiaggia della città del Muretto si sono sfidati ex stelle del calcio e tanti volti noti della tv come Roberto «Baffo» da Crema e Antonio Razzi, l’ex senatore del sorriso. Il format tv, prodotto negli studi televisivi di Alassio e che andrà in onda su una ottantina di emittenti nazionali, è quindi uno speciale top con tutti protagonisti, con il meglio di questa edizione compresa la gustosa cena all’hotel Regina di Alassio. Nello speciale uno spazio sarà dedicato anche la storia di questo sport nato nel 2009 in Olanda. In onda tante testimonianze e curiosità raccolte in tutte le edizioni Tgevents Television rappresenta quindi una vetrina nazionale in tv per l’evento alassino in onda su Bom Channel canale 68 del digitale terrestre martedì ore 20 e venerdì ore 9.30 su Canale Italia numero 124 e 156 mercoledì ore 20 e su network di 80 emittenti regionali e sempre in onda su tgevents.it TGEVENTS TELEVISION – E’ una bella avventura nata nel 2007. Ad oggi più di 600 puntate, n.300 messe in onda (network di 80 emittenti) a puntata con più di 2 milioni di telespettatori settimanali. Numeri importanti che ci spingonoa migliorare il nostro “prodotto entertainment televisivo”. La 1° NOVITÀ 2023… da martedì 10 gennaio 2023 alle ore 20 con replica tutti i venerdì alle ore 9.30 TGEVENTS TELEVISION andrà in onda su BOM CHANNEL Canale 68 del digitale terrestre (copertura nazionale). La 2° NOVITÀ… da MARZO 2023 il programma e i singoli servizio andranno in onda su nuovi sistemi potenziati ed adeguati alle ultime realtà della rete (www.tgevents.it), sarà una vera e propria web-tv con tante finestre dedicate all’informazione. Più rapidi, dinamici, freschi e diretti, con un nuovo look, con nuove collaborazioni e quindi più opportunità di promuoverci e promuovere i nostri partners a 360°. Saremo più vicini alle esigenze di mercato. Nuove tecnologie senza frontiere che affronteremo con il consueto entusiasmo e rispetto del Planet-show. Il Network di 80 emittenti regionali riscuote sempre più interesse garantendo ogni settimana la massima diffusione del programma. Oltre i confini italiani si conferma la collaborazione con Telestar1 (Romania) e TV Capodistria (Slovenia). Il format è possibile seguirlo anche su alcune piattaforme come… Pavia Play, Nova WebTV e prossimamente su “Kamima TV”.

prodotto negli studi televisivi di Alassio e che andrà in onda su una ottantina di emittenti nazionali, è quindi uno speciale top con tutti protagonisti, con il meglio di questa edizione compresa la gustosa cena all’hotel Regina di Alassio. Nello speciale uno spazio sarà dedicato anche la storia di questo sport nato nel 2009 in Olanda ed entrato operativo nei campi da golf in tutto il mondo dal 2019. In onda tante testimonianze e curiosità raccolte in tutte le edizioni

Tgevents Television rappresenta quindi una vetrina nazionale in tv per l’evento alassino in onda su Bom Channel canale 68 del digitale terrestre martedì ore 20 e venerdì ore 9.30 su Canale Italia numero 124 e 156 mercoledì ore 20 e su network di 80 emittenti regionali e sempre in onda su tgevents.it

TGEVENTS TELEVISION – E’ una bella avventura nata nel 2007. Ad oggi più di 600 puntate, n.300 messe in onda (network di 80 emittenti) a puntata con più di 2 milioni di telespettatori settimanali. Numeri importanti che ci spingono a migliorare il nostro “prodotto entertainment televisivo”.

La 1° NOVITÀ 2023… da martedì 10 gennaio 2023 alle ore 20 con replica tutti i venerdì alle ore 9.30 TGEVENTS TELEVISION andrà in onda su BOM CHANNEL Canale 68 del digitale terrestre (copertura nazionale).

La 2° NOVITÀ… da MARZO 2023 il programma e i singoli servizio andranno in onda su nuovi sistemi potenziati ed adeguati alle ultime realtà della rete (www.tgevents.it), sarà una vera e propria web-tv con tante finestre dedicate all’informazione. Più rapidi, dinamici, freschi e diretti, con un nuovo look, con nuove collaborazioni e quindi più opportunità di promuoverci e promuovere i nostri partners a 360°. Saremo più vicini alle esigenze di mercato. Nuove tecnologie senza frontiere che affronteremo con il consueto entusiasmo e rispetto del Planet-show.

Il Network di 80 emittenti regionali riscuote sempre più interesse garantendo ogni settimana la massima diffusione del programma. Oltre i confini italiani si conferma la collaborazione con Telestar1 (Romania) e TV Capodistria (Slovenia). Il format è possibile seguirlo anche su alcune piattaforme come… Pavia Play, Nova WebTV e prossimamente su “Kamima TV”.

 

Il Weeding Kollektiv & Andrea Fritella “2084”

Da venerdì 13 gennaio è disponibile “2084”, il nuovo concept EP de Il Wedding Kollektiv, progetto ideato e guidato da Alessandro Denni (già autore, arrangiatore e produttore nella storica formazione romana Gronge, oltre che nei Sona e nei Goah) che opera tra Roma, Torino e Berlino.

“2084” è nato dalla proficua collaborazione tra il collettivo italo-berlinese e il talentuoso fumettista romano Andrea Frittella ed è un sostanzioso ed affascinante concept che coniuga musica visionaria ad altrettante immagini evocative. Il lavoro è pubblicato, oltreché in digitale sulle principali piattaforme DSP, in due distinti e pregiati supporti fisici: fumetto+cd realizzato a mano e fumetto+vinile (doppio 45 giri) in edizione limitata a 20 copie numerate e autografate dal fumettista.

Racconta Alessandro Denni: ”Gli eventi succeduti al Covid 19, con le limitazioni di libertà a cui siamo stati sottoposti, ci hanno portato a riflettere sull’evoluzione della nostra quotidianità in una prospettiva futura. I testi delle canzoni di 2084, scritti da Claudio Moneta, evocano queste riflessioni. Le storie, che raccontano di un futuro distopico, avevano bisogno di immagini che ne rafforzassero l’impatto. Abbiamo quindi cercato un disegnatore che potesse trasformare in un racconto a fumetti i testi delle canzoni. Andrea Frittella ha accettato la sfida e ha disegnato in 8 tavole una storia che ha per protagonista una donna (che ha un numero di codice/riconoscimento 2084) la quale si aggira in un mondo futuro desertificato e distrutto, accompagnata da quattro famosi musicisti che diventano i suoi ciceroni. Una storia anti-utopica che viene narrata nel fumetto attraverso i testi delle canzoni. Del lettering si è occupato Bruno Cannucciari, uno dei primi disegnatori di Lupo Alberto”.
ASCOLTA QUI

Come creare un buon piano editoriale

Come creare un buon piano editoriale

La creazione di un piano editoriale valido è il punto di partenza per mettere in atto strategie social media marketing vincenti. Indipendentemente da ciò che si vuole pubblicizzare, dalla guida per conoscere a fondo i video poker al semplice vestiario. Vendere il prodotto, aumentare i propri follower, creare una community, incentivare le iscrizioni al proprio sito sono solo la sintesi delle azioni che intendiamo compiere e degli obiettivi che vogliamo raggiungere. Si tratta di una guida per regolare le nostre azioni e di un metro di misura per capire se la pagina sta crescendo o meno.

È necessario, però, seguire alcuni step molto importanti per far sì che, comunque, il profilo non sia un semplice contenitore di contenuti ma offra un qualcosa in più. Quel qualcosa che, poi, incentiva le persone a seguire l’influencer e, quindi, creare una vera fanbase.

In estrema sintesi, gli step necessari sono cinque. Eccoli:

Stabilire gli obiettivi da raggiungere

Le mete da raggiungere sono fondamentali per valutare il rendimento della strategia in termini di ROI. Consigliamo di pensare a obiettivi specifici e raggiungibili in un arco di tempo preciso. È importante pensare a traguardi che vadano oltre il numero dei mi piace e dei follower. Perché i like e i follower non sono automaticamente soldi. Insomma, con il ‘like’ non si paga l’affitto.

Verificare i risultati sui social media

Le più note piattaforme social offrono agli utenti professionisti la possibilità di sfruttare una dashboard utile a monitorare la crescita della pagina. È possibile anche osservare nel dettaglio i dati anagrafici del pubblico che attiriamo, se è prevalentemente maschile o femminile e a quale fascia di età appartiene. L’ideale sarebbe anche utilizzare dei software a pagamento in modo da avere dati ancora più approfonditi.

Farsi ispirare

Non è detto che possiamo trovare ispirazione solo sulle pagine dei nostri competitor. Osservare i propri clienti e instaurare con loro un dialogo può donarci quella marcia in più che stiamo cercando. Anche bazzicare tra i vari forum presenti sul web può aiutarci a rispondere alle esigenze del target. Tutto fa brodo, insomma. Anche la stessa ita quotidiana.

Creare un calendario editoriale

Per procedere con la stesura di un calendario editoriale settimanale è necessario suddividere i post in tipologie di contenuti da pubblicare con cadenze regolari. Cadenze che devono essere abbastanza fisse in modo da genere una certa attesa.

Verificare, valutare e adattare il piano sui dati ricavati

Sempre ritornando alla dashboard per professionisti, è importante estrapolare periodicamente dei dati sulla crescita o sulla decrescita della pagina. In questo modo, se non ci riteniamo del tutto soddisfatti delle performance, possiamo aggiustare il tiro.

Tutto sommato, lo scopo è quello di creare dei contenuti che mettano al centro le esigenze del consumatore e che risulti accattivante dal punto di vista della grafica.

Quando si parla di social media si fa riferimento a una piattaforma attraverso cui condividere contenuti multimediali, dando spazio alla propria community. Pertanto, si differenzia dai social network che includono solamente una rete sociale fatta di persone che intrattengono tra loro relazioni di varia natura. Un aspetto molto spesso sottovalutato.

 

Come creare un piano editoriale 

Come creare un piano editoriale

Quando si ha un sito, un’attività, una impresa che si vuole pubblicizzare, è importante creare un buon piano editoriale. Si tratta, di tutta una serie di cose da fare per organizzare al meglio la propria attività on line. Una sorta di lista, per essere chiaro. E questo vale per tutti i settori, anche da quelli più di nicchia.

Ad esempio, nel settore del gioco ci sono portali che presentano un elenco aggiornato delle slot che sono disponibili. Viene creato per tempo in base a un calendario di pubblicazione. Chi non è in target può non comprendere l’importanza di ciò ma a chi interessa trovare qualcuno che abbia fatto il lavoro ‘sporco’ per sé fa guadagnare un bel po’ di tempo. È lo stesso principio dei marketplace o dei motori di ricerca per i voli.

Schematizzare e organizzare il proprio lavoro è fondamentale. Per presentare al meglio il proprio business sui social, però, è necessario seguire delle fasi. Eccole.

La frequenza della pubblicazione

La prima fase è quella che definisce la frequenza della pubblicazione, uno o più post a settimana, tenendo conto che non è importante la quantità dei contenuti ma piuttosto la qualità e la costanza. Quindi, in questo primo step si decideranno i giorni e gli orari sulla base degli insights. Se non è possibile avere accesso ai dati statistici, in particolare se abbiamo un account business sui social appena creato, si può procedere per supposizioni e valutare man mano i riscontri della community.

La contenutistica

La seconda fase è quella contenutistica. Nel concreto un piano editoriale diventerà un calendario editoriale, strutturato in giornate, orari e contenuti da pubblicare. Dal punto di vista della caption (dunque del testo) i contenuti potranno rispecchiare diverse tematiche:

  • Informazione.
  • Istruzioni/Risoluzione di problemi.
  • Vendita dei prodotti.
  • Il racconto della tua azienda.

Queste sono solo alcune delle tematiche affrontabili, basta porsi le giuste domande sul target e i contenuti verranno da sé.
Al testo, poi, dovrà essere associato un contenuto visuale accattivante che può essere sottoforma di foto, video, carosello, link a blog post o alla pagina del sito o ancora a Youtube.

Le tipologie di contenuti

La terza fase per la creazione del piano editoriale riguarda la collocazione delle tipologie dei contenuti. Immaginiamo di voler pubblicare tre tipi di contenuti in una settimana: uno informativo, uno sulla vendita dei prodotti e uno sul racconto dell’azienda. Partiamo con l’associazione di un colore preciso per una tipologia di argomento e stabiliamo il giorno e l’ora della pubblicazione. Per esempio, possiamo programmare il contenuto informativo di colore blu per il lunedì alle ore 12:00, poi facciamo lo stesso con i restanti programmandoli, però, per gli altri giorni della settimana, tipo per il mercoledì alle 11:00 e il venerdì alle 14:00. Così facendo avremo realizzato il cosiddetto calendario editoriale.

La creazione dei contenuti

La quarta fase è quella che ci interessa più nel concreto, perché riguarda la creazione dei contenuti. Stabilito il calendario editoriale non è necessario realizzare sin da subito i contenuti. Un post sui social, infatti, può essere creato al momento, sfruttando anche il vantaggio di Meta Business Suite di Facebook, un tool che permette di programmare i post anche su Instagram.

 

 

Estrattori di succo per fare il pieno di vitamine

 

La ricerca in campo nutrizionistico ci ricorda da molti anni l’importanza di assumere almeno cinque porzioni di frutta e verdura ogni giorno. Ma i ritmi sempre più frenetici e le difficoltà nel reperire frutta e verdura di qualità spesso ci impediscono di arrivare alle porzioni consigliate.

Minerali, vitamine, enzimi e componenti fitochimici naturali provenienti da frutta e verdura, come betacarotene, licopene, luteina, antocianine e quercetina, sono la base per la tutela della nostra salute e del nostro benessere.

Se si decide di ricorrere a succhi, frullati, estratti o centrifugati per raggiungere più facilmente la razione giornaliera raccomandata di frutta e verdura, è fondamentale non eliminare tali micronutrienti sottoponendoli a centrifughe troppo violente, poiché la qualità, la bontà del succo e la biodisponibilità di queste sostanze sono direttamente proporzionali alla lentezza dell’estrazione.

A tal proposito si parla già da alcuni anni, anche nel nostro Paese, di estrattori di succhi vivi, o slow juicer, elettrodomestici innovativi che rappresentano un vero e proprio fenomeno culturale di notevole rilevanza nella nostra società, in quanto permettono di assumere il giusto quantitativo giornaliero di frutta e verdura e di godere appieno delle proprietà nutrizionali e dei benefici che tali alimenti apportano all’organismo.

Gli estrattori di succhi vivi sono in grado di estrarre succo a 40 giri al minuto da frutta e vegetali, anche complessi, come melograni, fichi d’India, acini e vinaccioli d’uva, così come il latte vegetale direttamente dalle mandorle, dal riso e dalla soia. Si tratta di alimenti ricchi di vitamine, con cui puoi familiarizzare anche giocando alle slot machine su https://casino.netbet.it/, come per esempio Fruit Shop, 6 Fruits Deluxe, Fruit Party, Turbo Hot 40 e Fruits & Clovers 20 Lines.

Riducendo al minimo l’attrito che si forma durante il processo di estrazione del succo, un estrattore di succo a 40 giri al minuto consente di conservare una quantità maggiore di micronutrienti come vitamine, enzimi, sali minerali ed antiossidanti. La riduzione dei giri non è inversamente proporzionale al tempo di spremitura, che rimane invariato rispetto a quello degli estrattori a 80 giri al minuto.

L’estrattore di succo vivo è un elettrodomestico che non dovrebbe mancare nelle case di chi desidera alimentarsi consapevolmente e seguire uno stile di vita più sano. Malgrado i costi proibitivi dei primi modelli lanciati sul mercato, che arrivavano a sfiorare addirittura i mille euro, gli estrattori hanno fin da subito conquistato le fasce di consumatori più esigenti e attenti a un’alimentazione sana, in quanto offrono gli strumenti necessari per potersi finalmente curare con i principi attivi della frutta e della verdura.

Come tutti settori tecnologici, anche quello degli estrattori di succhi vivi si sta rapidamente evolvendo verso una sempre maggiore efficienza ed un minor prezzo ed è ora possibile reperire in commercio diversi tipi di prodotti, anche se, per essere certi di mantenere un livello ottimale di qualità dei materiali e del motore, è consigliabile evitare di scendere al di sotto dei 300 euro.

Benché abbiano indubbiamente rappresentato una vera e propria rivoluzione rispetto ai tradizionali frullatori, gli estrattori di prima generazione risultano essere essenzialmente ingombranti, costosi e difficili da pulire, in quanto composti da numerose componenti da smontare ed assemblare. Gli estrattori orizzontali, più adatti ad un uso professionale in ristoranti e bar, sono stati infatti soppiantati dall’avvento degli estrattori verticali, più compatti, economici e facili da gestire in quanto composti da pochi pezzi, assemblabili facilmente ed in modo intuitivo, ovverosia la base, il gruppo di estrazione in acciaio inox, il coperchio ed il pestello. Gli estrattori verticali hanno rapidamente conquistato l’80% del mercato, garantendo comunque una spremitura a freddo a 80 giri.

In molto casi vengono forniti nella confezione anche uno spazzolino per la pulizia, un paio di recipienti per raccogliere il succo ed un manuale sui succhi freschi di frutta, oltre ovviamente al libretto delle istruzioni.

Negli ultimi tempi, il lancio degli estrattori a 40 giri al minuto, in grado di lavorare più lentamente e produrre un succo ancora più ricco riducendo al minimo gli scarti ed assai competitivi anche da un punto di vista economico, sta rendendo obsoleti anche gli estrattori verticali ad 80 giri.

Il succo ottenuto dagli estrattori a 40 giri, con spremitura con filtro a maglie strette, contiene circa il 30% in meno di fibre, risultando più omogeneo, limpido, digeribile e decisamente più gustoso anche per i più piccoli. Non sono infatti presenti i fastidiosi residui ed i filamenti fibrosi che la maggior parte degli estrattori generalmente lascia.

 

Nuovo orario Trenitalia con tante novità per chi viaggia

Promozioni per chi viaggia in treno con la bici, con il proprio cane, per chi vuole fare un tour dell’Italia, spendendo poco e lasciando l’auto a casa. Sono tante le novità della Winter Experience 2022. Una nuova offerta di mobilità integrata, confortevole e sostenibile per gli spostamenti di tutti.

LE PROMOZIONI PER LE FRECCE

Si parte dalle Frecce di Trenitalia. Numerose le novità, a cominciare dall’estensione alle giornate del 9, 25, 27, 28, 29 e 30 dicembre dell’offerta Speciale A/R in giornata, che consente di ricevere uno sconto del 70% sul prezzo Base per raggiungere i propri cari durante le festività dell’Immacolata e di Natale in tutta convenienza.

Grandi sconti anche con la promo Speciale Frecce: chi viaggia su Frecciarossa e Frecciargento nei livelli di servizio BusinessPremium Standard può ricevere una riduzione del 60% rispetto al prezzo del biglietto Base dal venerdì al lunedì e fino al 70% dal martedì al giovedì.

Chi si sposta per lavoro tra due città può scegliere il risparmio e la flessibilità iscrivendosi al programma Trenitalia for Business e acquistando il Carnet Biz più adatto alle proprie esigenze, grazie al quale sarà possibile viaggiare sulle Frecce con sconti fino al 40% e avere cambi illimitati gratuiti.

Con la promo Speciale Insieme Senior i soci CartaFRECCIA che hanno compiuto 60 anni, dall’11 gennaio al 28 febbraio 2023, possono usufruire di sconti fino al 70% rispetto al prezzo Base sui Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca, in 1^ e in 2^ classe, nei livelli di servizio Business, Premium e Standard

Si amplia il ventaglio di tratte scontate con il Carnet Smart, l’offerta che consente di risparmiare oltre il 60% e di effettuare 10 viaggi per partenze dal lunedì al venerdì nelle classi 1°/Business e 2°/Standard, utilizzabile entro 30 giorni dalla data di emissione e riservato ai titolari di CartaFRECCIA.

TIRIMBORSO

Per chi invece ha necessità di spostarsi tra due città con meno frequenza, ci sono i Carnet da 15, 10 o 5 viaggi, che sono acquistabili ottenendo una riduzione del 30, 20 e 10% sul prezzo Base. Le promozioni per contrastare il caro vita garantiscono il risparmio per tutti. Infatti, l’opzione tiRimborso finora valida per le sole tariffe Economy e Super Economy è stata estesa anche alle offerte Young, Senior, Me&You e Insieme che diventano rimborsabili al costo di 1 o 2 euro.

PASSIONE DUE RUOTE SULL’INTERCITY

Per un viaggio all’insegna della sostenibilità arriva la Promo Bici gratis. Spostarsi in treno portando con sé la propria bicicletta è un’esperienza di viaggio non solo comoda e green, ma anche conveniente: il Gruppo FS, con Trenitalia, rende gratuito in via promozionale il supplemento del trasporto della due ruote per chi acquista fino al 31 dicembre 2022 un biglietto per l’Intercity Giorno e procede con la prenotazione del servizio, che resta obbligatoria così da viaggiare in massima tranquillità con il posto bici riservato. Nella carrozza 3 degli Intercity sono predisposte sei postazioni e due punti di ricarica elettrica per le e-bike, in cui è possibile agganciare la bici alla rastrelliera, in posizione verticale. 

Biciclette

LE NOVITÀ DEL REGIONALE DI TRENITALIA

Non mancano le promozioni dedicate a chi sceglie di viaggiare con il Regionale.

Per l’inverno, infatti, è stata riattivata la promo Weekend Insieme, per viaggi illimitati a 22 euro il sabato e la domenica. 

Dal 25 dicembre i viaggiatori potranno acquistare in diverse regioni d’Italia la nuova promo FULL, che permette un mese di viaggi illimitati all’interno della regione. Un’offerta pensata per chi ha esigenza di spostarsi con grande frequenza per ragioni di lavoro o studio. 

Le due promo si affiancano alle già attiva promo Italia in Tour che permette di viaggiare 3 o 5 giorni consecutivi a partire dal giorno in cui si decide di dare inizio al viaggio, e che consente di effettuare un numero illimitato di viaggi in seconda classe sui treni regionali, regionali veloci e metropolitani di Trenitalia e Trenitalia Tper indipendentemente dall’origine e destino del viaggio.

IN VIAGGIO CON GLI AMICI ANIMALI

Il Polo Passeggeri del Gruppo FS conferma, inoltre, la grande attenzione verso gli amici a 4 zampe. Cani e gatti viaggeranno gratis tutti i giorni dal 1° dicembre all’8 gennaio 2023 su Frecce e Intercity. A bordo dei treni Regionali il cane al guinzaglio viaggia, dalla scorsa estate, senza più limiti di fascia oraria, con un biglietto, acquistabile anche sui canali digitali di Trenitalia, ridotto del 50% rispetto alla tariffa ordinaria. Gli animali di piccola taglia viaggiano gratis nel trasportino a bordo di tutti i treni di Trenitalia. 

Viaggiatrice in treno con cane

CARTA REGALO 

Chi è a corto di idee su cosa regalare per Natale può puntare su un’esperienza di viaggio con la Carta Regalo Trenitalia. Quest’anno tutti i clienti che – dal 7 dicembre all’8 gennaio – ne acquistano una di importo pari o superiore a 100 euro ricevono un buono sconto aggiuntivo di 10 euro. Il buono può essere utilizzato per acquistare, dal 7 dicembre al 30 marzo, un biglietto di corsa semplice a tariffa Economy o Super Economy, per viaggi a partire dal 9 gennaio al 31 marzo sulle Frecce. 

Per info e prenotazioni www.trenitalia.com