Tutti i vincitori del premio “Acqui Edito & Inedito”

Federico Goglio e Massimiliano Longo, con “Yukio Mishima. Ultimo Samurai”, edito da Ferrogallico Edizioni, si aggiudica il Premio Acqui Edito & Inedito per la sezione edita nel graphic novel. Per la sezione inedita Narrativa – Romanzo familiare vince Alessandro Pepè con Quattro soldi a battimuro, che sarà pubblicato da De Ferrari Editore, per la sezione inedita Tesi di laurea –  saggio storico si aggiudica il premio Marco Liguori con Caterina Costa, la nave dei misteri, che sarà pubblicato da De Ferrari editore, e per la sezione inedita Romanzo storico si aggiudica il premio Corrado Palmarin, con In mezzo ai girasoli e sotto le betulle, che sarà pubblicato da Impressioni Grafiche.

Ricevono una menzione speciale Alice De Matteo, con Giuseppe Elia Benza. Pensiero e azione di un repubblicano ligure, per la sezione inedita Tesi di laurea – saggio storico e Natale Pace, con Alex. Una storia di caporalato per la sezione inedita nel romanzo storico.

Nel premiare il vincitore della sezione edita, la giuria si compiace inoltre di aver potuto valutare quest’anno un certo numero di opere di grande valore grafico e narrativo, fra le quali segnala l’adattamento a fumetti del romanzo “La luna e i falò” di Cesare Pavese (Marco D’Aponte, Marino Magliani, Ed. Tunuè), “Lucille degli Acholi”, biografia del chirurgo Lucille Teasdale (Ilaria Ferramosca e Chiara Abastanotti, Ed. il Castoro) e infine “Una vita per Pola. Storia di una famiglia istriana” (Stefano Zecchi, Federico Goglio e Giuseppe Botte, Ed. Ferrogallico).

Nel premiare i vincitori delle sezioni inedite, la giuria ha sottolineato il buon livello dei seguenti lavori: per la sezione inedita Narrativa – Romanzo familiare “La felicità è una lunga pazienza” (Maria Teresa Cusumano), “L’ultima estate dei gabbiani” (Vittoria Caiazza) e “Il fervore” (Serena Perasso); per la sezione inedita Tesi di laurea –  saggio storico “L’intervento civile in Italia nelle disposizioni del ministero dell’interno: il caso degli anglo – maltesi 1940 – 1945” (Pierluigi Bolioli), “Quella croce a Cefalonia l’eccidio della divisione Acqui” (Martino Danilo Di Biase) e “La toponomastica femminile in Italia tra retaggi del passato e sfide del presente” (Camilla Zucchi); e per la sezione inedita Romanzo storico “La luce di Pirano” (Valentino Quintana).

Il Premio Acqui Edito & Inedito è nato dall’esigenza di ampliare il Premio Acqui Storia aprendo le porte a nuove tipologie di opere storiche che diano voce a scrittori emergenti.

I vincitori sono stati selezionati dalle giurie del concorso, composte come segue: Luca Cremonesi, Gianluca D’Aquino, Danilo Poggio, Emanuele Mastrangelo, Mariapaola Pesce, Elisa Rocchi per la sezione degli editi; Fabrizio De Ferrari, Vito Gallotta, Paolo Lingua, Aldo A. Mola, Vittorio Rapetti per le sezioni degli inediti.

I vincitori riceveranno i premi durante la cerimonia conclusiva della 4a edizione del Premio Acqui Edito & Inedito, che si svolgerà sabato 3 dicembre alle ore 17.00 presso la Sala Consiglio del Comune di Acqui Terme, piazza Levi 12.

La manifestazione è promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, massimo ente finanziatore del premio, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, dalla Regione Piemonte, dalla CTE S.p.A., dall’Istituto Nazionale Tributaristi, dall’AMAG S.p.A., dalla BRC S.p.A., dal Gruppo Benzi Srl, e dal Comune di Acqui Terme.

MOTIVAZIONE VOLUMI VINCITORI 2022

SEZIONE EDITO

Sezione Graphic Novel

“Yukio Mishima. Ultimo Samurai” di Federico Goglio e Massimiliano Longo – Ferrogallico Edizioni (vincitore)

“Yukio Mishima. L’ultimo samurai”, di Federico Goglio con alle chine Massimiliano Longo (Ed. Ferrogallico), è la biografia a fumetti del più famoso e controverso scrittore giapponese del XX secolo. Con un tratto che mostra l’ottima padronanza della scuola argentina e la lezione di Sergio Toppi e una sceneggiatura che ci conduce nei meandri della mente di Mishima, il lettore si immerge nella vicenda umana, artistica e politica di un uomo che non si è rassegnato alla fine del suo mondo, facendo della sua stessa vita un’opera d’arte con un finale tragico nel nome di un disperato amore per un Giappone che stava scomparendo. Il volume è arricchito da un saggio dello stesso sceneggiatore e dalla prefazione di Mario Vattani, diplomatico (attuale ambasciatore italiano a Singapore), musicista e scrittore, profondo conoscitore del Giappone.

SEZIONE INEDITO

Sezione Narrativa – Romanzo familiare

Quattro soldi a battimuro di Alessandro Pepè

Una vicenda vivace e un moderno affresco della Calabria, superando schemi banali, con un intreccio degno d’un geniale “giallo” che si sovrappone a rappresentazioni socio-economiche e familiari. Scrittura moderna vivace e agile.

Sezione Tesi di Laurea / Saggio Storico

Caterina Costa, La nave dei misteri di Marco Liguori

E’ una ricostruzione scrupolosa e originale d’un tragico episodio dell’ultima guerra mondiale, rimasto, come emerge dai fatti e dai documenti, ancora avvolto nel mistero. La motonave “Caterina Costa”, appartenente all’armatore “Giacomo Costa fu Andrea”, adibita al trasporto di rifornimenti con la Tunisia, il 28 marzo 1943, mentre è attraccata nel porto di Napoli viene distrutta da una esplosione improvvisa che provoca un gran numero di morti e di feriti oltre che disseminare carburante e proiettili nel porto e nella città. La ricostruzione non tralascia alcun particolare dai verbali alle testimonianze dei protagonisti. Seguono tutte le ricostruzioni successive che però non hanno mai portato a una identificazione di responsabilità e di precise motivazioni. E’ la storia d’un autentico “mistero” scritta con grande chiarezza e riccadi stimoli e di provocazioni.

Giuseppe Elia Benza. Pensiero e azione di un repubblicano ligure di Alice De Matteo (menzione)

Avvocato di Porto Maurizio, esponente d’una famiglia di facoltosi commercianti d’olio, Benza è stato un esponente del movimento democratico ligure, sia pure meno noto, ma oggetto di studio da parte di importanti e prestigiosi studiosi del Risorgimento. L’amicizia con Mazzini è stata fondamentale e feconda, anche se non c’è stata una visione politica omogenea, così come non c’è stata con Cavour. Benza è stato ed è rimasto un democratico più progressista nettamente di Cavour e però meno “rivoluzionario” di Mazzini, anche se il loro dialogo non si è mai arrestato. Il saggio che lo recupera alla nostra memoria mette in evidenza come sia stata numerosa e tutt’altro che trascurabile quella parte della borghesia risorgimentale democratica e moderata. La ricerca è dettagliata e rigorosa e apre un faro sul mondo ligure che si schierò per l’unità d’Italia.

Sezione Romanzo Storico

In mezzo ai girasoli e sotto le betulle di Corrado Palmarin

Il testo presenta una elaborazione narrativa, descrittiva e realistica, ricavata dai documenti (lettere, rapporti, racconti, immagini) di Umberto Montini (1922-2003), un giovane soldato di leva che partecipa alla spedizione della spedizione italiana in Russia nel 1941-43. Il racconto si snoda dagli anni dell’adolescenza del protagonista, cresciuto nelle parole d’ordine del regime, che via via deve misurarsi con la realtà della guerra, con la tragedia dell’ARMIR e poi della prigionia, con l’instaurarsi di rapporti con i russi e gli altri prigionieri, con la vita dell’ospedale da campo. Affiorano temi politici e religiosi, ma il racconto disegna soprattutto un percorso di consapevolezza e di scoperta di umanità, che resta indelebile nella memoria del reduce e lo portano a ricercare quelle relazioni aldilà dei “muri” delle ideologie e dei confini. Così la ricerca e poi la corrispondenza diviene sostegno alla memoria. Il linguaggio dell’autore restituisce l’immediatezza e l’essenzialità della documentazione utilizzata.

Alex. Una storia di caporalato di Natale Pace (menzione)

In “ALEX. Storia di caporalato” Natale Pace fonde la sua personale esperienza politico sindacale, ispirata dal magistero civile e letterario di Leonida Repaci, con l’urgenza di proporre all’attenzione, nella forma di romanzo, il perdurante dramma dello sfruttamento del lavoro: una piaga irrisolta nel Mezzogiorno (ove quello dei “migrati” si interseca con l’altro, arcaico, del sottoproletariato locale).

La narrazione conduce dalla plaga di Lamezia Terme, non lontana dalla sua nativa Palmi, a Torino e viceversa, con le tensioni e le contraddizioni dei due protagonisti “narranti”, ALEX, una focosa sindacalista e giornalista, e Luca, due volti e due voci di un’Italia ansiosa di riscatto.

Elena Ballerini si qualifica prima delle donne a “Tale e quale show”

Quarto posto nella classica generale e prima nella classica delle donne per la loanese Elena Ballerini nel fortunato format di Carlo Conti “Tale e Quale Show”, che venerdì sera raggiunge il 28,1% di share interessando 4.454.000 spettatori nella serata finale di questa dodicesima edizione. 
Semaforo verde, quindi, per la conduttrice ligure, che accede al torneo dei campioni che andrà in onda venerdì 18 novembre su Rai 1. Un risultato che le consentirà anche di ritornare sul palco di “Tale e Quale Show” nel 2023, nella futura edizione del torneo. Ogni anno, infatti, i campioni dell’anno prima tornano a sfidare i qualificati dell’edizione in corso. 
Elena Ballerini si è cimentata con imitazioni difficilissime (fra le quali quella di Barbra Streisand, Celine Dion, Antonella Ruggiero, Christina Aguilera) ottenendo sempre la standing ovation del pubblico in studio per le sue apprezzate abilità canore, raggiungendo il massimo consenso con una magistrale interpretazione di Maria Callas. 
Il prossimo appuntamento sarà quindi venerdì 18 novembre, in attesa di seguirla nei prossimi appuntamenti televisivi.

«Il dosso del paradosso», doppio spettacolo della Libera Compagnia Teatro Sacco sabato 19 novembre alle 21 e domenica 20 novembre alle 18

Doppio spettacolo con la Libera Compagnia Teatro Sacco sabato 19 novembre alle 21 e domenica 20 settembre alle 18 che al Teatro Sacco di Savona mette in scena «Il dosso del paradosso»  da un’idea di Mario Ficarazzo su testi di Achille Campanile. Saranno protagonisti sul palco Sandro Battaglino, Guglielmo Bonaccorti, Antonio Carlucci, Alessandra Crescini, Alessio Dalmazzone, Mario Ficarazzo, Lorenzo Morena, Ivano Nicolini, Manuela Salviati, Monica Schiavini, Elena Tura, Rosa Zerboni. L’adattamento e la regia sono di Mario Ficarazzo e Antonio Carlucci.

In questo spettacolo che viene rappresentato, attraverso episodi apparentemente svagati, ma in realtà orchestrati con preciso senso della misura e del ritmo, vi mostreranno tutto  l’estro inventivo e la tecnica narrativa di Achille Campanile , come il rovesciamento di situazioni e comportamenti.

Il ricorso a equivoci e contrattempi sorprendenti. L’assunzione di frasi fatte e di luoghi comuni per esiti paradossali o assurdi. Iterazione di motivi con effetti grotteschi di accumulo e moltiplicazione.. Invenzioni e combinazioni linguistiche.  Divagazioni o digressioni su note di costume. Varietà di registri stilistici con ricorso a colpi di scena o mutamenti improvvisi Capacità mimica e abilità nell’impostare dialoghi serrati tra i personaggi facendoli muovere ed agire con vivacità e immediatezza.

Il Teatro Sacco ha una disponibilità di posti a sedere limitata pertanto la prenotazione è consigliata .

INFO E PRENOTAZIONI

TEL: 331.77.39.633 

EMAIL: info@teatrosacco.com