HomeIl personaggioEnzo Salvi, il romano doc al Pigalle di Albenga

Enzo Salvi, il romano doc al Pigalle di Albenga

Al «Pigalle» di piazza Corridoni ad Albenga arriva domenica sera alle 21 Enzo Salvi, attore e cabarettista di successo. Ha una carriera alle spalle all’insegna della comicità. Lui, romano doc, dopo essersi diplomato, ha iniziato a lavorare come giardiniere ma allo stesso tempo, insieme ad alcuni amici di scuola, ha provato a sfondare come comico iniziando dalle piazze proprio di Roma. Il suo spiccato senso dell’umorismo lo ha portato a fare molti spettacoli nei teatri per poi esordire sul grande schermo nel 1999 nel firm di Carlo Vanzina «Vacanze di Natale» 2000, per poi l’anno successivo prendere parte a «Body Guards – Guardie del corpo», iniziando un sodalizio artistico con Massimo Boldi e Christian De Sica. Salvi è diventato famoso soprattutto per la scena in cui canta la canzone rap «Vomito in Natale in India», con il video che ha spopolato su Youtube: in quella scena interpreta un rapper con una canzone demenziale dalle rime cafone. Iconica la sua frase «Mamma mia come sto!».

E’ un volto noto che ha accompagnato gli italiani in molti cinepanettoni anche quando l’accoppiata storica Boldi De Sica si è sciolta, confermando il suo talento nell’interpretare personaggi sopra le righe, in grado di suscitare la risata con estrema facilità. Su Italia 1 negli ultimi anni è andata in onda la tetralogia dedicata all’esuberante sacerdote Don Donato, da lui interpretato in Din Don, insieme ad altri due baluardi della comicità romana come Maurizio Mattioli e Maurizio Battista. In televisione ha partecipato ai reality show «Isola dei Famosi» e a «Notti sul ghiaccio». Ha pubblicato tre divertenti canzoni tra cui «La danza della egna» diventata virale in Internet. Ha dimostrato di essere un attore a tutto tondo con la sua prima parte drammatica nel cortometraggio «Solamente tu» in cui ha interpretato un manager in rovina e per il quale ha ricevuto il premio come miglior attore protagonista al festival Cortinametraggio e al Castelli Romani Film Festival Internazionale.

Da leggere