Albenga in festa per il premio Fionda di Legno e Ottobre De André

L’ autunno ad Albenga è nel nome della… Fionda! I Fieui di caruggi, in collaborazione con il Comune, presentano una serie di eventi degni di una grande città e, soprattutto, di una potente macchina organizzativa dimostrando ancora una volta la forza della loro Fionda e la validità delle amicizie che hanno saputo stringere e consolidare nel corso degli anni. Si comincia alla grande sabato 24 settembre al Teatro Ambra dove, alle 17 precise, Antonio Ricci consegnerà la diciannovesima Fionda di legno a Sigfrido Ranucci “per avere tirato buone fiondate”.

Il conduttore di Report, trasmissione che ha festeggiato da poco i 25 anni, sarà premiato per la sua capacità di raccontare la realtà senza sottomissione ai grandi poteri e per la difesa del servizio pubblico, un vero punto di riferimento del giornalismo libero. Sigfrido Ranucci aggiunge così il suo nome su un albo d’oro davvero di straordinario rilievo: Antonio Ricci, Balbontin – Ceccon – Casalino, Fabrizio De Andrè, Paolo Villaggio, Milena Gabanelli, Roberto Vecchioni, Don Gallo, Carlìn Petrini, Don Mazzi, Fiorella Mannoia, Javier Zanetti, Brunello Cucinelli, I Nomadi, Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno, Enrico Brignano, Don Ciotti, Antonio Albanese, Medici-infermieri-volontari in lotta contro il Covid. Il pomeriggio al Teatro Ambra sarà condotto, come di consueto, dall’attore Mario Mesiano. Il Premio Fionda di Legno sarà realizzato dall’artigiano-artista Andrea Zanini.

Gli eventi legati alla Fionda si concluderanno domenica 9 ottobre con CorriAMO la fionda, in collaborazione con Albenga Runners, una spettacolare corsa-passeggiata che nelle passate edizioni ha visto un fiume colorato di oltre duemila persone invadere le vie di Albenga. E quest’anno il Premio Fionda e CorriAMO la fionda si intrecciano con Ottobre De André, l’attesa manifestazione che gode del patrocinio morale della Fondazione De André, a sostegno della Comunità di San Benedetto al Porto creata da don Gallo, l’indimenticabile prete degli ultimi. Primo appuntamento, a grande richiesta visto il successo dello scorso anno, sabato 1 ottobre con Piazzetta De André.

L’intero centro storico di Albenga, dalle ore 16 alle 18, sarà invaso dalle canzoni di Faber. Questo l’elenco dei musicisti partecipanti e i luoghi dove si esibiranno. Largo Doria: Il ClanDestino, Piazza San Francesco: I tre gotti, Piazza San Michele: Tributo a O.D.A., Piazza San Domenico: Corbe de coi, Piazza Rossi: Aeroplani di carta, Porta Molino: Duo acustico, Piazza Torlaro: Roberta Monterosso & amici. Ospite d’onore Enzo Iacchetti che, grande appassionato di Faber, regalerà ai presenti la sua simpatia e le sue improvvisazioni. Nell’occasione, e per tutto il mese di Ottobre, i commercianti del centro storico ingauno aallestiranno vetrine a tema De André.

Gli appuntamenti proseguiranno domenica 16 ottobre alle ore 17 al teatro Ambra con la dolcezza musicale di Grazia Di Michele accompagnata dalla sua chitarra, con la verve e la trascinante simpatia di Paki de I Nuovi Angeli (Donna felicità, Singapore) e l’energia straordinaria della band Lucio Fabbri & friends. Lucio Fabbri, violinista della PFM, ha infatti raccolto attorno a sé un gruppo di musicisti straordinari: Massimo Germini, chitarrista storico di Roberto Vecchioni, Roberto Gualdi, batterista della PFM, Paolo Bonfanti, blues man apprezzatissimo e per anni front man del Big Fat Mama, Antonio Petruzzelli da tempo collaboratore dei più noti musicisti italiani e stranieri. Sicuramente il Teatro Ambra vibrerà di forti emozioni. Ottobre De André si concluderà come di consueto con l’appuntamento dei Trafficanti di Sogni, quando sabato 29 ottobre, sempre al Teatro Ambra e sempre alle 17, Dori Ghezzi e Antonio Ricci apriranno ai loro ospiti le porte della cantina dei Fieui di caruggi ricostruita sul palco. Sarà un ritrovarsi tra amici vecchi e nuovi.

In attesa di qualche improvvisata dell’ultimo momento hanno già assicurato la loro presenza Franco Fasano, ormai Fieu di caruggi a tutti gli effetti, Fausto Leali che ha scelto di festeggiare proprio all’Ambra il suo compleanno, Giorgio Conte fresco del Premio Tenco, Dario Baldan Bembo e il suo celebre Amico è. Il pomeriggio sarà impreziosito da tre musicisti “storici” di Fabrizio De André che lo haanno accompagnato in tanti concerti: Giorgio Cordini, chitarra e voce, Laura De Luca, flauto e voce e l’insuperabile Ellade Bandini alla batteria.

I tre saranno ancora protagonisti di un piccolo concerto che, il giorno succesivo, Domenica 30 ottobre alle ore 10, 30 accompagnerà sul Lungomare di Albenga l’inaaugurazione di Piazza De André, alla presenza di Dori Ghezzi, del Sindaco, delle più importanti autorità e di tanti amici.

Gatteo Mare Capitale del Liscio: Spiaggia chiama Liscio per l’Unesco, sta arrivando il MEI

L’appello per l’Unesco Prosegue dopo una grandissima Notte del Liscio da oltre 1500 spettatori e il sold out in tutte le altre serate, il ricco programma della Settimana del Liscio che ha coinvolto oltre 100 tra artisti e ballerini del mondo del liscio e del foklore romagnolo con migliaia e migliaia di presenze a Gatteo Mare all’ Arena Lido Rubicone e Piazza della
Libertà

“Nella Capitale del Liscio, nel paese che ha dato i natali a Secondo Casadei la lunga programmazione la lunga settimana del
liscio e’ stata un successo ed e’ andata a tutto sold out con oltre 100 tra artisti e ballerini che vi hanno partecipato e migliaia e migliaia di spettatori provenienti da tutta Italia e dall’Estero che hanno riempito ogni sera l’Arena di Gatteo Mare e confermato Gatteo come la Capitale del Liscio” dichiara il Sindaco di Gatteo Roberto Pari soddisfatto.”

Infine, Arriva anche la Generazione Z del Liscio, promossa dal Meeting delle Etichette Indipendenti, che ha creato questa estate il movimento “Birichina” a Gatteo Mare, un evento di grande successo che ha portato tanti giovani sul palco di Gatteo Mare a riproporre il liscio suonato dalle giovani generazioni, a dare man forte all’appello per il Liscio patrimonio
dell’Unesco e a confermare Gatteo come Capitale del Liscio anche per le nuove generazioni.
Il cantautore indipendente Lorenzo Kruger, il dj Max Monti, il gruppo faentino delle Emisurela, il cantautore di Savignano Edgar, il gruppo de I Limoni, i mitici Dal Vangelo Secondo da Santa Sofia, il trio romagnolo dei Sunador, la Banda Vinaccia di Federico Maestri, i faentini Quinzan, i mitici folk rock dell’Orkestra Pazzesca con Moreno Lombardi e anche i giovani di
CosaFolk guidati da Luca Medri e Giordano Giannarelli sono solo alcuni dei nomi piu’ giovani che hanno aderito all’appello dell’avvio dell’iter per il riconoscimento del Liscio per l’Unesco. “Tale riconoscimento avrebbe una risonanza internazionale tale che porterebbe un ritorno di immagine, economico, culturale e turistico di grande impatto per la nostra terra” dichiarano in coro “Oltre alla grandissima potenzialita’ di portare molta piu’ occupazione nel settore musicale con particolare riferimento alle piu’ giovani generazioni, oggi tornate in tante citta’ e paesi, agriturismi e
poderi, borghi e frazioni della nostra Romagna alle feste di giovani con il nuovo liscio della tradizione del folklore romagnolo innovata dai giovani d’oggi che si sono ritrovati tutti insieme a Gatteo Mare per Birichina”, dichiarano tutti i giovani artisti insieme affiancando il lavoro di Gatteo e del Sindaco di Gatteo Roberto Pari a favore del liscio da sempre.

Da Airnb un milione di euro alle dimore storiche

Sostenere il patrimonio storico e culturale del nostro Paese e renderlo al contempo più accessibile: è l’obiettivo del nuovo bando Adsi (Associazione dimore storiche italiane) reso possibile da una donazione di Airbnb.

Il contributo – ben 1 milione di euro – consentirà ai proprietari di dimore storiche di accedere a finanziamenti per interventi di recupero di immobili già convertiti o da convertire all’ospitalità o per il miglioramento dei servizi ricettivi già presenti. L’annuncio è stato dato, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, da Adsi e Airbnb nel corso del convegno Abitare nella storia, guardare al Futuro, tenutosi a Palazzo Taverna a Roma, con il saluto della Sottosegretaria di Stato al Ministero della cultura Lucia Borgonzoni.

La donazione effettuata da Airbnb si inserisce in un più ampio progetto di valorizzazione del patrimonio culturale europeo promosso dalla piattaforma. In Europa, le prenotazioni di dimore storiche nella prima metà del 2022 sono più che raddoppiate rispetto al 2019, mentre il numero di host in questa categoria è aumentato di oltre il 50%.

«Le dimore storiche, oltre a rappresentare un importante asset per il turismo, ricoprono un ruolo fondamentale nella diversificazione dei flussi – ha dichiarato Giacomo Trovato, country manager di Airbnb Italia – La possibilità di estendere questa esperienza al soggiorno potrebbe permettere di compiere un salto di qualità a diverse destinazioni rurali o borghi, rilanciando l’economia locale a beneficio dell’intera comunità».

Secondo i dati dell’Osservatorio sul Patrimonio Culturale Privato promosso dalla Fondazione Bruno Visentini, vi sono in Italia oltre 37.700 immobili storici privati, di cui oltre la metà (54%) in comuni con una popolazione inferiore a 20mila abitanti e, nel 26% dei casi, addirittura sotto i 5mila residenti. Ciò rende le dimore storiche non solo un polo di attrazione turistica fondamentale per il nostro Paese, ma anche il perno di un’economia circolare che pone al centro i borghi. Si tratta di un enorme potenziale che va dalle visite all’organizzazione di eventi, passando per l’accoglienza e la promozione evalorizzazione delle peculiarità enogastronomiche dei singoli territori, ma anche nell’accompagnamento alla transizione ecologica e digitale.

«I proprietari si impegnano quotidianamente a custodire e valorizzare la rete unica delle dimore storiche, un vero e proprio museo diffuso dall’immenso valore sociale, culturale ed economico – ha commentato Giacomo di Thiene, presidente nazionale di Adsi – Una rete di immobili distribuita capillarmente sul territorio che, generando lo stesso numero di visitatori dei musei nazionali, costituisce il patrimonio del Paese al pari dei beni culturali pubblici in termini di memoria, presente e sviluppo futuro. Eppure l’importanza che rivestono molto spesso non è accompagnata da un adeguato sostegno da parte delle istituzioni locali e nazionali, che lasciano ai soli proprietari l’incombenza del mantenimento: un onere gravoso che grazie al contributo di Airbnb sarà più facile da fronteggiare».

Fonte adnkronos.it

Enzo Salvi, il romano doc al Pigalle di Albenga

Al «Pigalle» di piazza Corridoni ad Albenga arriva domenica sera alle 21 Enzo Salvi, attore e cabarettista di successo. Ha una carriera alle spalle all’insegna della comicità. Lui, romano doc, dopo essersi diplomato, ha iniziato a lavorare come giardiniere ma allo stesso tempo, insieme ad alcuni amici di scuola, ha provato a sfondare come comico iniziando dalle piazze proprio di Roma. Il suo spiccato senso dell’umorismo lo ha portato a fare molti spettacoli nei teatri per poi esordire sul grande schermo nel 1999 nel firm di Carlo Vanzina «Vacanze di Natale» 2000, per poi l’anno successivo prendere parte a «Body Guards – Guardie del corpo», iniziando un sodalizio artistico con Massimo Boldi e Christian De Sica. Salvi è diventato famoso soprattutto per la scena in cui canta la canzone rap «Vomito in Natale in India», con il video che ha spopolato su Youtube: in quella scena interpreta un rapper con una canzone demenziale dalle rime cafone. Iconica la sua frase «Mamma mia come sto!».

E’ un volto noto che ha accompagnato gli italiani in molti cinepanettoni anche quando l’accoppiata storica Boldi De Sica si è sciolta, confermando il suo talento nell’interpretare personaggi sopra le righe, in grado di suscitare la risata con estrema facilità. Su Italia 1 negli ultimi anni è andata in onda la tetralogia dedicata all’esuberante sacerdote Don Donato, da lui interpretato in Din Don, insieme ad altri due baluardi della comicità romana come Maurizio Mattioli e Maurizio Battista. In televisione ha partecipato ai reality show «Isola dei Famosi» e a «Notti sul ghiaccio». Ha pubblicato tre divertenti canzoni tra cui «La danza della egna» diventata virale in Internet. Ha dimostrato di essere un attore a tutto tondo con la sua prima parte drammatica nel cortometraggio «Solamente tu» in cui ha interpretato un manager in rovina e per il quale ha ricevuto il premio come miglior attore protagonista al festival Cortinametraggio e al Castelli Romani Film Festival Internazionale.

Genoa-Modena, dimenticare Palermo e conquistare tre punti d’oro

Dimenticare Palermo. Il Genoa di mister Blessin ci prova. Al Ferraris troverà un duro Modena pronto a fare la partita. Ma anche i rossoblù sono ben motivati per conquistare tre punti che fanno morale e riprendere il cammino verso la testa della classifica della serie B che è quello che chiedono e vogliono i tifosi sin dalla prima giornata di campionato.

Blessin dovrà fare a meno di Gudmundsson ed Ekuban. Blessin userà un 4-2-3-1. In difesa è confermata la difesa con Hefti, Hefti, Bani, Dragusin e Pajac. Poi il duo Frendrup e Badelj. Il trio di trequartisti saranno Yalcin che dovrebbe giocare dal primo minuto assieme a Portanova e Jagiello. Davanti Coda. Ad arbitrare l’incontro Zufferli con fischio d’inizio alle  16:15

Ecco le probabili formazioni di Genoa e Modena

GENOA: Martinez; Hefti, Bani, Dragusin, Pajac; Frendrup, Badelj; Yalcin, Portanova, Jagiello; Coda
MODENA: Gagno; Oukhadda, De Maio, Cittadini, Silvestri, Azzi; Armellino, Magnino, Gargiulo; Tremolada, Diaw

Andrea Salini è il lupo del rock

Una BAND CONDIVISA (la prima ed unica al mondo) a nome di ANDREA SALINI, è una delle iniziative che avranno l’obiettivo di dare continuità alla persona (ai suoi valori e principi) ed all’opera artistica – musicale di ANDREA SALINI, IL LUPO DEL ROCK.

Musicisti e band, condivideranno la propria musica, le proprie canzoni, con la musica e le canzoni di ANDREA SALINI.

La condivisione della musica come BENE COMUNE, affinché un progetto, un cammino, un sogno, non sia interrotto, a prescindere da TUTTO quello che può accadere.

Questa, l’anima, l’essenza ed il messaggio di questa iniziativa.

La ANDREA SALINI Shared Band/ Band Condivisa/ Banda Compartida, (saranno le 3 lingue con le quali verranno cantati i suoi brani) farà il suo esordio:

SABATO 17 SETTEMBRE ORE 20.00 – ROMA – NUOVO TEATRO SAN PAOLO – VIALE DI SAN PAOLO 12.

(Tutte le info sulla pagina artista di Facebook e Instagram ANDREA SALINI IL LUPO DEL ROCK sul sito www.andreasalini.com  o contattando i numeri 347 82 86 727 o 349 648 91 72)

Hanno aderito e parteciperanno:

THE GANG (MARINO e SANDRO SEVERINI), SIMONE GIANLORENZI, ENRICO GHEDI, GERRY DUNI, JOHN MACALUSO, DIEGO GARBUGLIA, ALESSANDRO GABRIELI, DANIELE SIGNORINO, FRANCESCO MARIANETTI, DOMENICO DI GIROLAMO, FABIO PESTILLI, EROS CATTARIN e FABIO ROSSETTI

La ANDREA SALINI Shared Band, avrà l’ulteriore obiettivo di raccogliere fondi che saranno destinati a finanziare progetti di contrasto alla SOFFERENZA e per garantire diritti umani primari ed universali.

Per tale motivazione, tra i promotori e sostenitori di questa iniziativa, sarà protagonista l’Associazione di volontariato umanitaria-culturale onlus, LA LOKOMOTIVA.

LA LOKOMOTIVA per l’occasione ha ideato un nuovo progetto, “ARTE e MUSICA per DIRITTI e DIGNITÀ” per l’organizzazione di eventi che abbiano lo scopo di sensibilizzare e promuovere la solidarietà, la cooperazione, l’attività ed i progetti umanitari dell’associazione, oltre a raccogliere fondi. Tali eventi, in primis, avranno la partecipazione della ANDREA SALINI Band Condivisa.

Per info : www.andreasalini.com

facebook: ANDREA SALINI IL LUPO DEL ROCK (pagina artista)

instagram: ANDREA SALINI IL LUPO DEL ROCK

emailbandcondivisa@andreasalini.com

Fernando Alba e Noemi Smorra saranno in concerto in full band, il 22 settembre all’Hoppio Festival

Fernando Alba e Noemi Smorra saranno in concerto in full band, il prossimo 22 settembre alle ore 21:00 a HOPPIO FESTIVAL – Voci dal mondo (Parco del Colle Oppio a via delle Terme di Tito, angolo via Nicola Salvi) a pochi passi dal Colosseo.

Un viaggio attraverso le loro più belle canzoni vestite con arrangiamenti folk e brith/pop. Due artisti che hanno scritto tanto e composto insieme, ma in questa occasione condivideranno lo stesso palcoscenico. Ad accompagnarli sul palco Alberto Lattuada al piano e synth, Fernando Pantini alla chitarra elettrica, Fabio Greco alla chitarra acustica, Nicolò Pagani al basso, Matteo Di Francesco alla batteria e special guest Fabrizio De Melis alla viola e violino.

Noemi Smorra, cantautrice, attrice ed interprete dei più grandi musical italiani e Fernando Alba, cantautore e compositore di colonne sonore, si raccontano e ci raccontano, attraverso le loro canzoni, storie che ci rappresentano, che ci coinvolgono ed emozionano.

Hoppio Festival è festival interdisciplinare, internazionale, multiculturale e intergenerazionale che vedrà alternarsi musica e arti performative, incontri, dibattiti, visite guidate e laboratori per i più piccoli.

Locasciulli torna sul luogo del delitto. E “Intorno a trentanni” è ancora un capolavoro  

Una manciata di canzoni possono fare un capolavoro. Meno sono e meglio è. Nel 1982, Mimmo Locasciulli lo sa bene e ci consegna un album perfetto: “Intorno a trentanni”. Quarant’anni fa, il poco più che trentenne medico e sodale di De Gregori, confeziona un gioiello. Talmente bello e perfetto che, dopo quarant’anni, dunque ad un’età intorno ai settanta, ha deciso di riproporlo (quasi) tale e quale.

Lo abbiamo ascoltato.

“Svegliami domattina” – la ballata che introduce il disco – perde in questa versione le chitarre ma acquista, grazie al lavoro del piano, in intimità e dolcezza.

Il blues “Due ore” – reso con fedeltà melodica – passa da un arrangiamento pianistico vagamente vaudeville ad un lounge-jazz di gran classe con un organo Hammond in gran spolvero.

“Gli occhi”, una delle più belle canzoni di Locasciulli, che ancora oggi mi chiedo perché non abbia cantato Vasco, è resa con un arrangiamento di maniera, così da non danneggiare il capolavoro. Un arrangiamento, a dire il vero, non troppo distante dall’originale.

L’irrestibile “Buoni propositi”, canzone dedicata ai vizi difficili da debellare, nella nuova versione – davvero bella, jazzly e piena di chitarre – eseguita insieme a Brunori Sas, acquista freschezza e attualità.

Il cuore del disco è ovviamente la title-track “Intorno ai trentanni” proposta in modo fedelissimo all’originale, non fosse per la voce Eugenio Finardi e una chitarra in levare che conferisce, a tratti, un suono decisamente ska al pezzo.

”Cala la luna”, già bellissima nell’originale dell’82, sembra acquistare qualcosa, dalla nuova versione e dall’intervento di Stefano di Battista.

Un bellissimo pianoforte arricchisce la nuova versione de “Lo zingaro”. Una ballata tra De Gregori, ancora una volta, e Stefano Rosso.

L’ultima canzone del disco, la più suggestiva allora e oggi, si chiama “Natalina”. Parla della guerra ed è una delle più belle canzoni scritte in Italia sull’argomento. Straziante e dolcissima. Semplice e terribile.

Riproporre il disco di quarant’anni fa, per Locasciulli, potrebbe avere un senso solo per fare risentire questa meravigliosa canzone. Forse il suo capolavoro assoluto nel capolavoro (l’album). Anche se la versione dell’82 è, probabilmente, inarrivabile.

Ferdinando Molteni

La canzone da sentire: https://www.youtube.com/watch?v=huxaxTMvFkA

 

 

Garlendella, ecco tutte le informazioni sull’evento

Garlenda ospiterà per 3 giorni un festival particolare, l’Unconventional Luppolo Festival, un evento dedicato al cibo e alla birra di qualità, chiamato anche Garlendella.

La musica, i balletti e i canti tradizionali animeranno tutte le serate dalle 17.00 all’ 1.00, permettendovi di trascorrere momenti magici in una location molto suggestiva.

Da venerdì 23 a domenica 25 Garlenda ospiterà questo spettacolare evento, dove sarà possibile mangiare ottimi piatti e bere birre artigianali.

Venerdì 23 settembre, il festival ospiterà anche l’iconico Strobe Party, che ha fatto divertire i giovani della Riviera tutta l’estate.

Ma si ballerà e canterà tutte le sere, tutti insieme, grazie ai due affermati dj Samuel Love e Dj Ferix, accompagnati da Giacomo Aicardi, vocalist eccezionale. Ad animare la serata anche l’inconfondibile Duffman e le sue birre!

In seguito sono riportati i luoghi dove si potrà mangiare e dove parcheggiare per accedere al meglio all’evento.

La piazza infatti ospiterà diverse cucine tra cui:

  • Bocchio, che delizierà i palati con le sue empanadas
  • Pro Loco Garlenda, con i suoi panfritti dolci e salati
  • Barcana e il Ristorante 6punto0 che prepareranno succulenti tagli di carne
  • Bar Plaza, con gamberi fritti e patate
  • Bar Sci Bon e Pasta Fresca Morena, dove si potranno assaggiare diversi tipi di pasta
  • Re del Chicco, per gustare un buon caffè

Sarà possibile lasciare auto e moto negli appositi parcheggi in Borgata Ponte, Piazza dei Partigiani, Via Roma e presso il Fiat Club 500.

Tutto questo è possibile grazie all’Amministrazione Comunale, al Sindaco, al vice Sindaco Alessandro Navone, che afferma: “Siamo orgogliosi di portare nel nostro Comune un evento per i giovani, vogliamo organizzare qualcosa dove sia possibile mangiare buon cibo e ascoltare bella musica. Inoltre si tratta di un festival volto a rilanciare le attività commerciali dell’area, duramente colpite in questi anni. Grazie all’impegno e alla collaborazione con Strobe Srl abbiamo creato qualcosa che, siamo certi, resterà impresso nella mente di ognuno”.

Quest’evento si puó svolgere anche grazie all’impegno delle Associazioni della zona tra cui la Pro Loco di Garlenda, Soccorso Cinofilo Liguria, le attività commerciali di Garlenda, la Protezione Civile e le Forze dell’Ordine.

STROBE SRL

INFORMAZIONI

☎️ 392.1854443

🎫 www.Italianticket.net

Tutte le news e le anteprime potranno essere seguite su Areamediapress, partner ufficiale di Strobe Srl