Imperia aderisce al World Cleanup Day con la pulizia delle Ratteghe 

Sabato 17 settembre, in occasione della giornata mondiale ‘World Cleanup Day’, il Comune di Imperia aderisce al movimento che unisce milioni di volontari in ogni angolo del Pianeta al fine di contrastare l’inquinamento ambientale con l’iniziativa World Clean-Up nel Blu.

L’Assessorato all’Ambiente della Città di Imperia e il CEA – Centro di Educazione Ambientale – supportati dall’Associazione Delfini del Ponente APS, hanno in programma un momento di sensibilizzazione che coinvolgerà bambini e ragazzi con le proprie famiglie nella pulizia di un luogo simbolo della Città: l’area di tutela marina locale ‘Le Ratteghe’. Se da una parte questa sarà l’occasione per prendersi cura del nostro territorio, dall’altra contribuirà a far conoscere sempre di più quest’area caratterizzata da una ricchissima biodiversità. World Clean-Up nel Blu sarà, inoltre, un’opportunità per affrontare temi di sostenibilità ambientale e contrasto all’inquinamento tramite l’esperienza attiva di una Comunità che si mette in gioco per un cambiamento sempre più urgente e necessario.

World Clean-Up nel Blu alle Ratteghe si terrà sabato 17 settembre dalle 14.00 alle 16.00 circa con ritrovo presso l’ex Tiro a Volo dove avverrà la registrazione dei partecipanti.
L’evento si concluderà con una merenda preparata dalla SLA Foce Beach, oltre a un piccolo gadget destinato ai bambini.

La giornata sarà coordinata da Delfini del Ponente APS in sinergia con il CEA e con l’Assessorato all’Ambiente della Città di Imperia.
Per la realizzazione dell’evento importante sarà la partecipazione delle Associazioni: Imperia Surf e Diano Surf ASDYacht Club ImperiaMonesi Young ASD e m’Importa fare la differenza, oltre al supporto di SLA Foce Beach e De Vizia.


L’evento è accreditato sul sito ufficiale dell’iniziativa World Cleanup Day 2022 e rientra tra le Ocean Initiatives di Surfrider Foundation Europe.

Ancora una volta ci occupiamo di ambiente e delle Ratteghe, area di tutela marina fortemente voluta dal Sindaco Claudio Scajola così come tutto il ripristino dell’ex Tiro a Volo. Con piacere noto che questo intervento, volto alla salvaguardia di una parte di costa, è diventato esempio virtuoso anche emulato in altre zone d’Italia.
Quello per il mare è un impegno costante che, grazie alla collaborazione con l’Associazione Delfini del Ponente, cerchiamo di perseguire con il coinvolgimento di tanti bambini, che diffondono sempre ottimismo per il futuro” così l’Assessore all’Ambiente Laura Gandolfo.

Per maggiori informazioni:  Delfini del Ponente APS
348 5675479
delfinidelponente@gmail.com.

Il marsupio di “Neve”, la neonata vissuta 10 mila anni fa nella grotta di Erli

Scavando all’Arma Veirana, una grotta ligure nel comune di Erli (Savona), un gruppo internazionale di ricercatori ha scoperto la più antica sepoltura fino ad oggi mai documentata in Europa relativa a una neonata mesolitica, denominata “Neve”, risalente a circa 10.000 anni fa. La sepoltura ha restituito, insieme ai resti del piccolo corpo, un corredo formato da oltre 70“perline” in conchiglie forate (Columbella rustica), da quattro pendenti, sempre forati, ricavati da frammenti di bivalvi (Glycimerissp.), nonchéda un artiglio di gufo reale, ma deposto separatamente, in una fossetta a lato.

La scoperta permette di indagare un eccezionale rito funerario della prima fase del Mesolitico, di cui sono note poche sepolture, che testimonia un trattamento apparentemente egualitario di un loro giovanissimo membro. La comprensione di come i nostri antenati trattassero i loro morti ha un enorme significato culturale e consente di indagare sia i loro aspetti comportamentali sia quelli ideologici. Il ritrovamento, avvenuto alla fine del 2017, è stato oggetto di una pubblicazione, nel 2021, sulla rivista Scientific Reports, del gruppo Nature (https://www.nature.com/articles/s41598-021-02804-z).  Ora un nuovo articolo, pubblicato sul Journal of Archaeological Method and Theorydallo stesso team diricercatori, presenta lo studio del ricco corredo di conchiglie, gettando nuova luce su pratiche e costumi degli ultimi cacciatori-raccoglitori liguri del primo Olocene (https://link.springer.com/content/pdf/10.1007/s10816-022-09573-7.pdf).

Sebbene i ricercatori non sappiano ancora quando i primi uomini anatomicamente moderni (Homo sapiens) abbiano iniziato a usare i marsupi per i loro neonati, è quasi ovvio pensare che tali “borse”fossero un indumento comune durante la preistoria, almeno quella più recente, per la necessità da parte dei genitori di poter svolgere le più diverse attività mentre si occupavano della prole. Poiché i materiali utilizzati per la loro fabbricazione non si conservano e le sepolture di neonati preistorici si contano sulla punta delle dita, le prove dell’uso preistorico dai marsupi sono quindi estremamente rare.

Il nuovo studio appena pubblicato avanza nuove ipotesi sull’uso preistorico di questi particolari “sacchi per neonati”. L’analisi delle diverse conchiglie ritrovate nella sepoltura si è avvalsa di modelli fotogrammetrici 3D ad alta definizione, nonché di osservazioni al microscopio e con microCT, al fine di documentare in dettaglio come queste siano state manipolatedalla comunità a cui apparteneva la piccola neonata e il perché siano state poi depostenella sua tomba.

I risultati di questa ricerca mostrano che le conchiglie marineerano state cucite su un supporto in pelle (o stoffa?) che ancora avvolgeva Neve al momento della sua sepoltura. La maggior parte di queste presenta marcati segni d’usura, che non possono certamente essere stati prodotti durante la breve vita della neonata. Ciò dimostra che queste conchiglieerano state indossate per un periodo di tempo considerevole da qualcuno della stessa comunità dell’infanta prima di essere poi cedutea lei, quali“gioielli di famiglia”otalismani.Considerando lo sforzo necessario a mettere insieme un tale gruzzolo di “perline”, accumulate e riutilizzare nel tempo, è notevoleosservare come il gruppo di cacciatori-raccoglitori mesoliticiabbia poi deciso di separarsi da questipreziosi oggettiin occasione della sepoltura di un individuo così giovane, lasciandoli cucitia quello che, verosimilmente, era il marsupio della piccola Neve.

Basandosi su alcune osservazioni etnografiche ovvero su come, in alcune società contemporanee di cacciatori-raccoglitori, i marsupi per neonati vengano ornati e adoperati, si è anche supposto che la comunità di Neve potesse aver decorato l’indumento con conchiglie destinate a proteggere la giovanissima lattante dalle“forze del male”. In occasione della sua morte prematura, però, si preferì forse abbandonare nella tomba questi amuleti che avevano fallito nella loro funzione protettiva, allontanandoli per sempre dalla comunità.

Questo nuovo studio, a cui seguirà un lavoro più generale sul sito, nel quale verranno illustrate anche le evidenze più antiche, riferibili alla fine del Paleolitico superiore (Epigravettiano) e al Paleolitico medio (uomo di Neandertal, Musteriano), contribuisce ad ampliare le nostre conoscenze su come queste antiche comunità umane si prendessero cura della loro prole e su quali riti, in vita e in morte, venissero praticati.

Fabio Negrino, Docente di Preistoria e Protostoria presso il Dipartimento di Antichità, Filosofia, Storia

 

 

“Sanremo Rock”, edizione dedicata alla memoria di Vittorio De Scalzi

Al Teatro Ariston di Sanremo si sono svolte le finali di Sanremo Rock, Sanremo Trend, Baby Voice e Gran Galà dei Festival a cura di Nove Eventi Srl.

La 35esima edizione di Sanremo Rock è stata dedicata alla memoria di Vittorio De Scalzi, giurato al Festival per diversi anni. Il Maestro Angelo Valsiglio (Presidente Nove Eventi Srl) ha omaggiato l’artista genovese recentemente scomparso con una risivisitazione inedita al pianoforte de “La carezza della sera” e ha consegnato una targa alla moglie Mara De Assis insieme a Walter Vacchino e all’assessore Rossano del Comune di Sanremo.

La seconda edizione di Sanremo Live in the city è stata vinta da The Kippes (Reggio Emilia), premiati da Ilenia De Sena (presentatrice) e Gianni Errera (socio Nove Eventi)

Matilde Montanari (Forlì) e Gabriele Fiorio (Imola) vincono il Gran Galà dei Festival, mentre Viola Rosato si classifica al 1°posto per il Festival Baby Voice.

Per Sanremo Trend si è classificano al terzo posto Scramble & The Cats (premiati da Giordano Tittarelli, socio della Nove Eventi Srl), al secondo posto Giovanni Peluso (premiato da Gianni Errera, socio della Nove Eventi Srl) e al primo posto Tsunami (premiati da Angelo Valsiglio, presidente della Nove Eventi Srl). La giuria era formata da Ettore Diliberto, Luca Barone, Andrea Fresu, Andrea Pratesi, Massimo Benini, Matt Backer e Carlo Parodi.

Per Sanremo Rock si è classificano al terzo posto Dramalove (premiati da Giordano Tittarelli, socio della Nove Eventi Srl), al secondo posto Jade (premiato da Gianni Errera, socio della Nove Eventi Srl) e al primo posto Dionysian (premiata da Angelo Valsiglio, presidente della Nove Eventi Srl). La giuria era formata da Danila Satragno, Ray Heffernan, Andrea Pratesi, Carlo Parodi, Pino Scotto, Matt Backer, Massimo Benini.

Durante la serata sono stati assegnati numerosi premi tra cui quello dell’Hard Rock Cafè di Firenze che ha consegnato una targa alla band vincitrice, i Dionysian, e quello di Assomusica che ha consegnato sempre alla band vincitrice un bellissimo microfono.

Si ringraziano gli Sponsor: Vivaticket spaHard Rock Café, Mc Donald, SIAE, PMIEvolutionNuovo Imaie, Assomusica, DophixMamely, Vinilificio. Teatro Ariston.

Si ringraziano inoltre le radio partner: Radio Bruno, Radio Latte miele, Radio Gamma, Radio Vetrina, Radio Irene, RadUni, Radio Sabbia, Ciao Radio, Radio Italia anni 60.

Un ringraziamento speciale va al Dr. Walter Vacchino per il Teatro Ariston, al Casinò di Sanremo S.p.a. e al Comune di Sanremo.

NOVE EVENTI SRL

Nove Eventi SRL è una società che organizza Festival e che opera, da oltre 20 anni, nel mondo dello spettacolo. Tra i suoi soci si annoverano produttori artistici, teatrali e televisivi, gruppi operanti nel marketing strategico e creativo e nella distribuzione discografica.

Nove Eventi SRL è una realtà nel mondo della musica che promuove e distribuisce Artisti di grande livello nazionale ed internazionale, mantenendo però sempre un occhio di riguardo anche per i giovani Artisti che desiderino intraprendere un proprio cammino nel mondo musicale e dello spettacolo. La Mission è quella di produrre  contenuti per Eventi artistici ma anche tecnici, prendendosi cura di ogni singolo particolare: dalla direzione artistica di un Festival, alla consulenza (anche in campo legale) ed alla progettazione di Rassegne, all’organizzazione di Convention ed alla realizzazione per le aziende di progetti legati al mondo musicale.

Il riscaldamento del Mar Ligure provocato dal riscaldamento globale e il preoccupante aumento delle meduse

Il CNR (Consiglio Nazionale della Ricerca) ha documentato come negli ultimi dieci anni, nel Mar Mediterraneo, il numero delle meduse autoctone sia aumentato di dieci volte.
Fatto molto preoccupante, provocato dal progressivo riscaldamento del mare (5 – 6 gradi) che ha creato le condizioni ideali per uno sviluppo di questi animali marini planctonici, insieme al proliferare sempre più grande di nuove specie ittiche aliene (pesce palla maculato, pesce scorpione, ecc.), entrate soprattutto dal canale di Suez e dallo stretto di Gibilterra (rivista scientifica “Global change biology”).

Nel nostro Mar Ligure, dallo scorso mese di luglio, vengono segnalati consistenti banchi di meduse urticanti.

La loro presenza massiccia è un sintomo visibile del progressivo aumento di temperatura delle masse d’acqua. I biologi hanno dimostrato come la riproduzione abnorme di questi celenterati sia anche facilitata dal ridursi progressivo del numero di specie marine antagoniste.

Le meduse sono esseri viventi importanti per l’ecosistema marino perché filtrano e puliscono le acque, rappresentando fonte di cibo per numerosi animali (tartarughe, pesci palla, cetacei ecc.).
ed è prudente prestare attenzione alla loro presenza, tenendo conto che è sbagliato, oltre che contro la legge, catturarle o ucciderle.

La maggior parte di questi Cnidari (dal termine greco “knide” che vuol dire “ortica”) non rappresenta un pericolo per la specie umana ma, siccome alcuni di questi possono essere effettivamente pericolosi, è consigliabile, in caso di dubbio (specialmente per i non esperti) evitarne il contatto. Quando possibile è utile fotografarli, segnalandone la presenza al più vicino centro di ricerca (in Liguria l’ARPAL o l’Acquario di Genova).

Le meduse presenti nel Mar Ligure generalmente non sono pericolose e l’ irritazione cutanea può essere mitigata con l’applicazione di apposite pomate.
In caso di contatto con specie più aggressive è bene rimuovere dalla pelle gli eventuali filamenti dei tentacoli e lavare bene con acqua di mare (non con acqua dolce).

Tra queste specie, che è bene non incontrare, possiamo segnalare la “Pelagia noctiluca” (medusa luminosa), urticante e con tentacoli lunghi alcuni metri.
Molto più pericolosa è la “Physalia physalis” (Caravella Portoghese), fortunatamente rarissima. Questa medusa non è mortale, ma può causare vomito, svenimento e lasciare cicatrici : difficile da vedere, si rende pericolosa con i suoi tentacoli urticanti, sottili, quasi invisibili e lunghi fino a trenta metri.

Nei giorni scorsi nel mare di Finale Ligure (tra il porto turistico e Varigotti) sono stati avvistati molti esemplari di medusa “Cassiopea Mediterranea” (Cotylorhiza tubercolata), celenterato bellissimo (di circa 40 cm.), non pericoloso per la specie umana, con colori sgargianti (foto) e generalmente accompagnata da piccoli pesci pelagici. Si muove appena sotto il pelo dell’ acqua ( seguono il movimento delle correnti marine per le limitate capacità motorie), il suo veleno è solo leggermente urticante, innocuo per gli esseri umani.

In conclusione è provato come anche l’ abbondanza delle meduse nei mari sia una conseguenza diretta dell’aumento globale delle temperature sul nostro pianeta. L’ennesimo segnale che
dimostra ancora una volta l’urgenza di contrastare l’effetto serra ed evitare la “tropicalizzazione” dell’ ecosistema marino.

Gabriello Castellazzi – Europa Verde – Verdi del Finalese

Sì ai cani in spiaggia, Bertorello: il Tar della Calabria ha sancito un sacrosanto diritto anche la Liguria vada in questo senso

Il Tar della Calabria-Catanzaro (sentenza n.1430/2022), ha annullato un’ordinanza  che vietava di condurre sugli arenili “cani o altri animali, anche se muniti di museruola e/o guinzaglio”, durante la stagione balneare.

La  scelta di interdire sempre l’ingresso dei cani o di altri animali  domestici sulle spiagge destinate alla libera balneazione è illogica.

La pubblica amministrazione ha il dovere di dare ai cittadini la  possibilità di frequentare le spiagge libere con i propri animali  domestici, dando delle regole che garantiscano la pulizia e il decoro  degli spazi pubblici, e anche l’incolumità, ma senza giungere  all’estremizzazione di un divieto assoluto di frequentazione degli
arenili.

Il Tar della Calabria ha sancito un sacrosanto diritto per  gli animali e i loro proprietari. Mi attiverò perché anche a Genova e  in Liguria, dove invece le spiagge libere sono interdette ai cani, si  vada in questo senso”. Lo dichiara in una nota il capogruppo della Lega in Consiglio comunale Federico Bertorello.

Pubblicato in Pets

Andora, “Dante e la Meteorologia” secondo il tenente colonnello Alessandro Fuccello

Nell’ambito delle attività programmate per il 70esimo anniversario dell’insediamento a Capo Mele del Distaccamento Aeronautica Militare ad Andora, venerdì 16 settembre, alle ore 18.00, nella sala Polivalente di Palazzo Tagliaferro si svolgerà la conferenza “Dante e la Meteorologia”. Il Tenente Colonnello Alessandro Fuccello proporrà pubblico una interessante relazione sugli aspetti meteorologici nella Divina Commedia e l’evoluzione della fisica dell’atmosfera dai tempi di Dante a oggi. Contenuti già molto apprezzati in numerosi incontri realizzati in Italia. Nel corso della conferenza, il presidente del Consiglio Comunale, professor Daniele Martino leggerà agli studenti presenti alcuni passi della Divina Commedia, insieme alla giornalista Monica Napoletano dell’Ufficio stampa del comune di Andora

Nel 70° anniversario della presenza dell’Aeronautica Militare nel Comune di Andora, l’Arma Azzurra con questa iniziativa celebra il padre della lingua italiana, facendo conoscere alle nuove generazioni un contributo insolito sulla cultura a tutto campo del poeta fiorentino. Alla conferenza, aperta al pubblico,  saranno presenti anche gli studenti di alcune Classi della 3^ della Scuola Secondaria di Primo grado dell’Istituto comprensivo di Andora – Laigueglia che hanno realizzato un’attività di ricerca e studio della strumentazione metereologica messa a disposizione dal Nucleo Meteo di Capo Mele che sarà esposta durante la conferenza, insieme ad alcuni modelli di aerei storici.

Laureato in fisica, Alessandro Fuccello è Capo della 1^ Sezione Analisi e Previsioni a brevissimo termine dell’Aeronautica militare.

Genoa-Modena, quanti pareggi tra il Grifone e la squadra emiliana

Genoa e Modena hanno pareggiato 15 delle 30 sfide in Serie B; completano il bilancio nove vittorie del Grifone, tra cui l’ultima nel febbraio 2007, e sei successi emiliani.
Il Grifone  ha vinto sette delle 15 partite interne giocate contro il Modena in Serie B (6N, 2P), le due sconfitte in casa sono arrivate nelle prime due partite tra le squadre nel campionato cadetto tra aprile e novembre 1952.
I rossoblù vinto l’ultimo confronto contro il Modena in Serie B (1-0 nel febbraio del 2007) e potrebbe tornare a vincere due partite di fila contro i canarini per la prima volta dal novembre 1986.
Fonte: Gazzetta.it

Voce Spettacolo Film Festival, evento da non perdere a Matera

La rassegna cinematografica, ideata e diretta dall’attore materano Walter Nicoletti, è prodotta da Voce Spettacolo.

Il VSFF222 focalizza l’attenzione sulla scoperta di giovani talenti ed ha l’obiettivo di promuovere il lavoro di autori di cinema provenienti dall’Italia e dal resto del Mondo.

Numerose le celebrità nazionali ed internazionali che compongono la Giuria della kermesse, presieduta dal tre volte premio Oscar Jim Rygiel, Supervisore degli Effetti Speciali de Il Signore degli Anelli.

Tra i membri anche Stephen Castor (Produttore, Visual Effects Spiderman: No Way Home), Jami Philbrick (Hollywood Critics Association, Moviefone), Peggy Marie (Satellite Awards, International Press Academy), Don Shanahan (Critics Choice Association, Chicago Indie Critics), Josè Alberto Hermosillo (FestivalinLA.com), Jason Kerin (Critico Cinematografico Statunitense), Nicola Timpone (Patron Marateale), Antonella Salvucci (Attrice, Presentatrice), Lorella Ridenti (Direttrice Settimanale Voi, Ora, Lei Style), Francesca Piggianelli (Romarteventi Cinecittà), Francesco Fiumarella (Autore e Direttore Artistico Premio Vincenzo Crocitti), Tommaso Martinelli (Giornalista, Autore Tv), Valeria Altobelli (Presentatrice, Cantante), Cinzia Diddi (Stilista), Berta Corvi (My Smart Ecole), Silvia Silvestri (Giornalista), Danilo Leo Lazzarini (Consulente storico Ben Hur), Jeannine Marie Guillard (Giornalista New York), Joanna Longawa (Giornalista Polonia) e Manuela Donghi (Giornalista)

Sono suddivisi in sei sezioni i film, documentari, cortometraggi, webseries, videoclip e drone video pervenuti per la 5ª edizione del Voce Spettacolo Film Festival da Stati Uniti, Canada, Francia, Messico, Giappone, Cina, Malta, Italia e Australia. Un risultato straordinario che premia la qualità di una iniziativa internazionale dedicata alla relazione tra Cinema e Cultura, alla contaminazione tra differenti linguaggi espressivi e creativi per raccontare la settima arte.

Per questa 5ª edizione non mancano sorprese, a partire dalla partnership tra il Voce Spettacolo Film Festival con la rivista d’intrattenimento hollywoodiana Hollywood Newsweek e con i Celebrity Film Awards, l’evento internazionale che celebra l’industria cinematografica e i migliori film e artisti della stagione e che si inserisce nella celebre Award Season, la stagione dei premi della settima arte.

La giuria dei CFA è composta da professionisti del settore, facenti parte delle più celebri organizzazioni di cinema al mondo: Hollywood Critics Association, Critics Choice Awards, Chicago Indie Critics, Satellite Awards, Seattle Film Critics Society, Online Film Critics Society, Online Film and Television Association.

Sabato 17 settembre alle ore 21:00 presso il Cineteatro Guerrieri di Matera prevista la proiezione speciale del pluripremiato cortometraggio Red Market di Walter Nicoletti, vincitore come miglior film drammatico ai New York Cinematography Awards e che vede l’attore materano premiato ad Hollywood agli Actors Awards e ai Los Angeles Cinematography Awards come miglior attore non protagonista. Si chiude il sipario con la cerimonia di premiazione. Ingresso Gratuito.

Daniela Spalletta i tournée tra Italia e Ungheria

Dopo una stagione estiva fitta di impegni e grandi riscontri di pubblico, fra i quali l’”Impossible Tour” di Gegè Telesforo 5et, tournée di oltre venti date, il memorabile concerto in omaggio a Lelio Luttazzi dove Daniela Spalletta, solista della FVG Orchestra, ha interpretato gli intensi arrangiamenti di Glauco Venier, Valter Sivilotti e Michele Corcella, oltre alla nascita di un nuovo progetto in duo con la pianista Stefania Tallini, ecco che la talentuosa artista siciliana tornerà a calcare i palchi all’estero e in Italia durante il periodo autunnale. L’Ungheria, precisamente Budapest, sarà la prima tappa di questa serie di date nell’ambito di una residenza artistica promossa da Midj in collaborazione con l’IIC di Budapest.

Domenica 18 settembre, infatti, Daniela Spalletta sarà ospite (in duo) insieme al pianista e compositore Mario Marianiin seno al Jòzsefàvros Jazz Festival. Sabato 24 settembre, invece, tornerà al fianco di Gegè Telesforo 5etper il “Roma Unplugged Festival” al “Parco Archeologico dell’Appia Antica”. Mercoledì 28 settembre Daniela Spalletta sarà di ritorno in Ungheria, al Budapest Jazz Club, con Jùlia Karosi, Krisztiàn Olàh, Adam Bogothy, Bendegùz Varga, per poi tenere alcune masterclass presso il conservatorio di “Bela Bartok” di Budapest e il conservatorio di Vàc. A ottobre, venerdì 14, ancora una volta con Gegè Telesforo 5et a Camogli, in terra ligure, per poi scendere a Roma, dal 21 al 23ottobre, in occasione delloEuropean Jazz’Cool. Infine, sabato 29 ottobre al “Moncalieri Jazz Festival”, Daniela Spalletta condividerà il palco con Albert Hera. Dunque, una serie di live per la cantante sicula, che esporterà il suo inestimabile talento anche oltre i confini nazionali.

Biografia

Cantante, compositrice e arrangiatricetotale, Daniela Spalletta è un’artista dalla toccante sensibilità. Magistralenel controllo del mezzo vocale, mirabile nell’intonazione, nella gestione del diaframma e chirurgica nel timing, nonché sopraffina compositrice, ascoltare Daniela Spalletta (nei dischi e dal vivo) è una pura leccornìa per l’udito, balsamo per l’anima. La sua estasiante vocalità, soulful, pregna di pathos, rappresenta un’esplosione di colori: dal jazz alla musica mediterranea, dal contemporary jazz alla musica colta, dall’ethno jazz al soul, fino alla world music. La sua poliedricità timbrica, grande valore aggiunto, la rende riconoscibile e molto personale nell’interpretazione dei brani che lei affronta condisarmante naturalezza. Talentocristallino, Daniela Spalletta è una stella luminosa del firmamento musicale italiano, a prescindere dall’ambito stilistico nel quale si muove.Negli ultimi anni si è classificata ai primi posti, tra le voci femminili italiane, dei Jazzit Awards della rivistaJazzit. Annovera collaborazioni con blasonati musicisti del panorama jazzistico italiano e internazionale (fra cui Urban Fabula, Seamus Blake, Giovanni Mazzarino, Gegè Telesforo, Enrico Intra, Fabrizio Bosso, Max Ionata). Ha all’attivo tre album da leader (D/BirthAlfa Music 2015,SikaniaJazzy Records 2017e Per Aspera ad Astra TRP Music 2021) e numerose collaborazioni (fra questi, il nuovo disco di Gegè TelesforointitolatoIl Mondo in testaJando Music 2020). Molti i premi internazionali vinti: fra questi, il Premio Claudio Abbado, Premio Nazionale delle Arti, Lucca Jazz Donna 2014, Multiculturita Europe Contest, AIR – Artisti in Residenza. Nel 2019 si classifica al secondo posto del prestigioso“Sarah Vaughan International Jazz Vocal Competition”, esibendosi al New Jesey Performing Art Center (Newark, NJ) dinanzi a una giuria composta da Christian McBride, Dee Dee Bridgwater, Jane Monet Monifa Brown e Matt Pierson. Nel 2021 è stata inserita nella “Top Jazz 2021” di Musica Jazz per la categoria “Nuovo Talento Italiano”, nella classifica“Dieci Dischi Degni di Nota del 2021” per Musicabile (Tgcom24), a cura del giornalista musicale Beppe Ceccato, con il suo nuovo disco Per Aspera ad Astrae, ancora, questo suo album, che ha riscosso un eccellente successo di critica, è entrato nei “100 Greatest Jazz Album-Jazzit Awards 2021”, quindi scelto da “Jazzit” come uno fra i migliori cento dischi jazz internazionali del 2021.  Molti i festival in cui si è esibita in tutto il mondo, fra i quali il NJPAC, Rendez Vous de l’Erdre, IIC in Nice, Jazz al Piccolo, Umbria Jazz, Django World Music Festival. Affianca, all’attività artistica, quella di docente di Canto Jazz in diversi conservatori italiani.

Official Website: www.danielaspalletta.it

Facebook:www.facebook.com/danielaspallettamusica

Instagram: www.instagram.com/danielaspalletta27/

www.ctbox.it

www.diyticket.it

 

 

 

A Imperia il 1° Trofeo Nuoto in Mare, in gara Andrea Imperiale e Alessandra Biscotti

Parte sabato mattina, alle ore 12:00, dalla spiaggia di Borgo Foce il 1° Trofeo Nuoto in Mare Città di Imperia. In gara atleti master di caratura internazionale come Andrea Imperiale e Alessandra Biscotti.
I nuotatori affronteranno, in un percorso ad anello di 3 km, il tratto di mare che parte dalla spiaggia di Borgo Foce e arriva al faro rosso di Banchina Medaglie d’Oro, per poi rientrare alla Foce. Per il pubblico il punto di osservazione ottimale è la Passeggiata degli Innamorati.

Una prima competizione di nuoto in mare che mira a valorizzare la costa e le acque Bandiera Blu di Imperia.


La gara è organizzata grazie a una fattiva collaborazione tra il Comune di Imperia e Rari Nantes Imperia, con il supporto della Federazione Italiana Nuoto Comitato Ligure, di Go Imperia, dello Yacht Club di Imperia e con la collaborazione della spiaggia Foce Beach.

“Un altro appuntamento che dimostra la capacità di Imperia di ospitare eventi sportivi durante tutti i mesi dell’anno, anche all’aperto. Crediamo tantissimo nella vocazione di Imperia come città dello sport e, insieme al Sindaco Claudio Scajola, stiamo lavorando per portare a termine ulteriori investimenti sugli impianti sportivi per attirare eventi di primo piano” così l’Assessore allo Sport Simone Vassallo.

“L’Italia nella bufera”, i professori Ricciardi e Cama a confronto alla Stella Maris di Savona

Sabato 17 settembre, alle ore 17:30 presso la sala Stella Maris – Piazza Rebagliati 2B, Savona – l’Associazione Rossini, in collaborazione con la Fondazione Centofiori e La Feltrinelli Point di Savona, organizza la presentazione del volume n. 2/2022 della rivista “Il Mulino” dal titolo “L’Italia nella bufera”.

Interverranno i Professori Mario Ricciardi (direttore della rivista “Il Mulino” e Professore
Ordinario presso l’Università Statale di Milano) e Giampiero Cama (Professore Ordinario presso l’Università di Genova), oltre ad Andrea Ruggeri, savonese, Professore Ordinario all’Università di Oxford e autore di uno dei saggi del volume, nonché socio dell’Associazione Rossini.

Come sottolineato nel sommario del numero della Rivista, “tra pesanti incertezze sulla scena politica interna e crisi internazionale, l’Italia si trova a dover affrontare un periodo tra i più delicati della sua storia recente. La fine della legislatura si accompagnerà a un contesto tutt’altro che lineare: come saprà cavarsela il nostro Paese nella bufera?”.

Le realtà promotrici sono liete di poter contribuire con questa iniziativa a un dibattito – reso ancora più urgente della prossima scadenza elettorale – circa le diverse direzioni che l’Italia potrebbe intraprendere nel futuro prossimo, in un contesto in cui le incertezze legate alla sfera economica, energetica e politica richiedono risposte urgenti, ma al contempo meditate e articolate, da parte della classe politica e di tutto il paese.

Forte di Bard – Marché au Fort: in scena i sapori della Valle d’Aosta

Ritorna il Marché au Fort, l’evento che ogni anno promuove e valorizza le produzioni agricole del territorio valdostano. La manifestazione si terrà sabato 8 e domenica 9 ottobre 2022, dalle ore 9.00 alle 18.30, nel Borgo medievale di Bard, ricalcando la formula dell’edizione dello scorso anno su due giornate. L’evento è promosso da Assessorato all’Agricoltura Regione autonoma Valle d’Aosta, Comune di Bard, Chambre Valdôtaine e Forte di Bard. I produttori saranno suddivisi in tre aree mercatali lungo il borgo. La più grande mostra-mercato dedicata all’enogastronomia e alla vendita di prodotti tipici della Valle d’Aosta consentirà ai visitatori di poter conoscere e assaporare i fiori all’occhiello della tavola valdostana. Una settantina le aziende partecipanti all’evento, che presenteranno le produzioni delle filiere agroalimentari della regione: dai salumi ai formaggi, dal miele ai prodotti da forno, dalle carni ai vini e alle produzioni ortofrutticole, prodotti sotto regimi di qualità DOP, DOC, IG, prodotti agroalimentari tradizionali (PAT), prodotti trasformati e biologici.

I visitatori, completando l’apposita Tessera Punti della Chambre Valdôtaine in distribuzione presso gli espositori aderenti all’iniziativa, potranno usufruire di un Buono Prodotti del valore di 10 euro ogni 50 euro di spesa effettuata al Marché.

PROGRAMMA

Sabato 8 ottobre

ore 9.00 Piazza Cavour, apertura ufficiale e saluto delle autorità

Nel corso della giornata: esibizioni gruppi musicali ed escursioni guidate

ore 18.30 chiusura del mercato

ore 20.00 Cena del Marché, Ristorante La Polveriera, Forte di Bard

Domenica 9 ottobre

ore 9.00 apertura del mercato

Nel corso della giornata: esibizioni gruppi musicali ed escursioni guidate

ore 18.30 chiusura del mercato

LA CENA DEL MARCHE’

Il Forte di Bard organizza e ospita negli spazi del ristorante La Polveriera, una cena con piatti tipici del territorio sabato 8 ottobre, alle ore 20.00. I piatti saranno abbinati ai vini dell’azienda agricola Pianta Grossa di Donnas; il titolare Luciano Zoppo Ronzero presenterà gli abbinamenti nel corso della serata. Il costo della cena è di 60,00 euro. Per prenotare: prenotazioni@fortedibard.it o chiamare il numero 0125 833811.

COSA FARE AL FORTE

All’interno del Forte di Bard sarà possibile visitare il Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere, il Museo delle Alpi, il percorso sulla storia del Forte all’interno delle Prigioni, le esposizioni in corso del progetto Save the glacier, che contempla ben tre mostre dedicate al tema del cambiamento climatico sulle aree glaciali, ed un’esposizione dedicata al re del Parco nazionale del Gran Paradiso: lo stambecco.

INFO UTILI

L’accesso all’evento è gratuito.

. Ingresso al Forte di Bard gratuito (resta a pagamento ingresso agli spazi espositivi)

. Navette

Un servizio navette gratuito collegherà per l’intera giornata, dalle ore 8.30 alle 19.30, i parcheggi periferici dislocati lungo la statale 26 della Valle d’Aosta, nei Comuni di Bard e Donnas con l’area della manifestazione. Nel vicino Comune di Hône saranno a disposizione diverse aree parcheggio da cui sarà possibile raggiungere l’evento a piedi. Area camper a pagamento nel Comune di Hône.