HomeCulturaNicola Sguera con la silloge “Spes contra spem”   e Paola Maccario con...

Nicola Sguera con la silloge “Spes contra spem”   e Paola Maccario con “I migranti del tempo i vincitori del Premio Letterario Internazionale Casinò di Sanremo

Applausi scroscianti per  la prolusione sul linguaggio calviniano  del Prof. Francesco Sabatini,  che ha ricevuto  il Premio  alla Carriera Casinò di Sanremo Antonio Semeria” in un teatro dell’ Opera gremito.

La giuria popolare ha decretato la vittoria di  Nicola Sguera con la silloge “Spes contra spem” per la sezione “poesia”   e Paola Maccario con “I migranti del tempo  con    per la sezione Narrativa Inediat”.

Queste la graduatoria finale  della sezione “Poesia Inedita”

Nicola Sguera  con la silloge: “   Spes contra Spem “  (Benevento )

Stefano Baldinu : con la silloge:”  Storie”  ( San Pietro in Casala Bologna)

Nunzio Festa    con la silloge:”   Piantine”   (La spezia)

Per la sezione Narrativa Inedita:

Paola Maccario     I migranti del tempo   (Prelà)

Agnese Berardini    Storia d’amore di una famiglia    ( Montesilvano  Pescara )

Tiziana Piro   L’elisir del dott. Fred Kilder   (Francavilla Brindisi)

Le opere vincitrici verranno pubblicate dalla Casa Editrice De Ferrari editore.

Menzione  per la sezione Poesia a   Daniela Burò Ghiglione per la silloge:  “Colori Veri”   e per la sezione Narrativa  a Pier Paolo Neggia per l’opera: “ Cronache della transizione”.

Questi  i  primi sei racconti scelti per la sezione calviniana, che andranno a formare l’antologia dedicata al centenario calviniano che verrà editata nel 2023. ( Quattro liguri)

Athena Barbera  con     “Samoha”

Fulvio Belmonte  con     “Il sentiero che supera il crinale”

Marco Candida                  con “La tela bianca”       (Tortona)

Daniele Naselli          con     “ Dall’alba al tramonto”

Giacomo Revelli    con   “Il migliore dei sentieri”

Pasquale Vitaliano  con                 “Una passeggiata”         (Bari)

La cerimonia del nostro Premio Letterario ci emoziona sempre. E’ il momento del confronto la sintesi di un percorso di opus letterario  che abbiamo condiviso con tanti scrittori e poeti. “ Sottolinea  il consigliere del Cda del Casinò di Sanremo Dott.sa Barbara Biale-“ Questa edizione è stata ancor più coinvolgente perché abbiamo nel nostro albo d’onore il nome del prof. Francesco Sabatini, presidente emerito della Crusca,  vessillo della miglior tradizione linguistica italiana, una vicinanza che ci onora, che ci fa ancor più apprezzare la bellezza delle nostre parole, anche di un linguaggio che evolve ma che non dimentica  le sue radici. Ringrazio tutti i componenti del Comitato d’onore, il prof. Stefano Zecchi, il signor Prefetto Armando Nanei, della giuria tecnica di quella popolare  per la passione con cui hanno partecipato e partecipano a questo evento, augurando  ai vincitori e ai finalisti i migliori risultati a cui aspirano”.

La motivazione del Premio alla carriera Al Prof. Francesco Sabatini :

Per aver ricomposto il Sapere intorno alla lingua non come manifestazione letteraria ma come componente essenziale della potestà comunicativa dell’uomo nella consapevolezza che il linguaggio è dentro di noi in senso fisico e metafisico.

 Ha saputo trasferire la passione verso la conoscenza  che parte e non prescinde da ogni parola che nel suo universo  di espressioni di significati e di significanti recita  emozioni attraverso molteplici sfumature semantiche.

 Nella tutela e nella valorizzazione della lingua il prof. Francesco Sabatini ha insegnato la pregnanza di un espressione che avvicina e che esalta la cultura di secoli di vita e di storia, testimoniandone l’ universalità nell’afflato di chi crede profondamente al Sapere  come strumento di  elevazione della persona e delle comunità. 

Il Prof Francesco Sabatini, illustre  Linguista italiano (n. Pescocostanzo, L’Aquila, 1931)  si è laureato in Letteratura italiana, per poi intraprendere la carriera di docente; negli anni ha insegnato Filologia romanza, nonché Letteratura e Storia della lingua italiana presso gli atenei di Lecce, Genova, Napoli e Roma. Alla guida della Società di Linguistica Italiana dal 1977 al 1981, nel 2000 è stato scelto come presidente dell’Accademia della Crusca promuovendo  l’italiano all’estero mediante il progetto “ Settimana della Lingua Italiana nel Mondo” e  intensificando  i rapporti dell’Accademia con le istituzioni scolastiche. E’ stato nominato presidente onorario dal 2008. Tra le sue pubblicazioni il celebre Dizionario della lingua italiana (Il Sabatini Coletti, con V. Coletti), L’italiano nel mondo moderno (2011) e Lezione di italiano (2016).

Il premio, che si onora della presidenza del prof. Stefano Zecchi, e della presidenza del Comitato d’onore del signor prefetto dott. Armando Nanei,  è stato intitolato a Antonio Semeria, illustre personalità sanremasca,  eccellente professionista, amministratore pubblico, editore,  scomparso nel 2011 che nominato presidente del Casinò negli Anni 80, sostenne la nascita dei Martedì Letterari,  come prosecuzione de “I Lunedì letterari” di Luigi Pastonchi. Semeria promosse  le iniziative culturali  ben conscio  di  come la Casa da Gioco dovesse tutelare e conservare la sua eredità e  la sua immagine di salotto letterario internazionale e centro ludico.

 

 

 

Da leggere