E’ uscito “Deja vu”, il nuovo singolo di Maronna

Tra bassi impellenti, synth groovy e cantautorato italiano, ecco Deja vu, il nuovo singolo di Maronna, per l’etichetta Orto Records. L’artista latinense, membro anche del collettivo artistico Bayou Lovers, ha scritto il brano in una giornata invernale bevendo tè matcha: “suonando un po’ sui tasti del mio synth, ho trovato questo giro che continuava a ritornare nella mia testa. Una vera e propria ossessione ha dato vita a un beat basato sulla ripetizione, ma al tempo stesso a una canzone con due anime opposte”, racconta Gianmarco Bellardini. Una metà del brano è infatti ispirata all’italo disco degli anni ’80 e un’altra metà dagli ascolti di quelle giornate fredde nelle quali il brano ha trovato la propria origine, in particolar modo Aventura e Post Nebbia.

Il testo è stato scritto in collaborazione con il cantautore Etio (Orto Records), ed enfatizza le  ripetizioni sonore del beat, parlando quindi della sensazione di déjà vu che tutti abbiamo provato spesso nel quotidiano, soprattutto nel periodo monotono del lockdown, leggendo le solite notizie sui giornali e sui social.

ETICHETTA: ORTO RECORDS – CODICE ISRC: QZPJ32165646

si autorizza utilizzo per trasmissione radiofonica

Prodotto e arrangiato da Andrea Parascandolo
Registrato presso Bayou Lovers Studio
Mix: Bayou Lovers Collective
Master: Riccardo Gruppuso

Compositore: Andrea Parascandolo
Autore: Andrea Parascandolo ed Ezio Codastefano

BIO
Maronna è il progetto musicale nato dalla collaborazione di Gianmarco Bellardini (voce e synth) e Andrea Parascandolo (basso), già attivi nel collettivo di Latina Bayou Lovers. I due condividono il palco in diverse occasioni con molti artisti fino al 2020, quando durante la pandemia pubblicano i propri primi singoli con l’etichetta Orto Records, tra cui No Mare, Sparirai e Contromano. Il 4 maggio 2022 esce il nuovo singolo Deja vu.
MARONNA

Instagram  |  Spotify  |  TikTok  |  Facebook

“I Spegassi”, una mostra oltretempo per tramandare l’arte Finalese

Dal 6 al 31 maggio, presso l’Oratorio De Disciplinanti a Finalborgo la Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari distretto di Finale Ligure allestirà la mostra su “I
Spegassi” i pittori di Piazzetta Doria. Un tuffo nel passato per ricordare la storia della loro
terra.

Con l’arte de’ I Spegassi tutto è morbido: le ali dei gabbiani, i profili nebbiosi della Caprazoppa, paesaggi luminosi e solari, colori tenui. Molti sono i richiami al mare, tramite le loro tele si coglie l’amore di questo gruppo di artisti per Finale Ligure.
Un movimento pittorico nato nel Finalese durante gli anni Settanta del Novecento. Il loro luogo di ritrovo era Piazzetta Doria, dove allestivano mostre e collettive. Tutto questo fino al 1983/84 quando poi vennero sfrattati.

L’associazione FIDAPA – Finale Ligure ha tra i suoi progetti anche quello di portare avanti la storia del territorio, il grande desiderio e l’attenzione de I Spegassi e tramandare quest’arte ai giovani d’oggi, tramite laboratori e mostre.
Laddove sarà possibile i nostri Spegassi racconteranno la loro carriera e la loro arte, per non perdere questo grande pezzo di storia Finalese.

Durante l’apertura della mostra saranno diversi gli eventi che si susseguiranno:

– Venerdì 06.05 Conferenza stampa alle ore 16.30 e vernissage con aperitivo

– Giovedì 12.05 Un thè con gli artisti alle ore 17.00 gratuito su prenotazione con posti
limitati 3489047906

– Dal 16.05 al 21.05 Laboratorio Pop-Art in collaborazione con l’Istituto secondario di
1° grado Aycardi – Ghiglieri. I nostri Spegassi spiegheranno le loro opere ai giovani
artisti dell’istituto.

– Giovedì 26.05 Un thè con gli artisti alle ore 17.00 gratuito su prenotazione con posti
limitati 3489047906

– Sabato 28.05 Finissage
Presidente FIDAPA Bpw Distretto Nord Ovest Sezione Finale Ligure – Maria Gabriella Tripepi

A Nizza per presentare la Destinazione Alassio

Più che un gemellaggio una vera occasione di promozione del nostro territorio in terra francese. Prosegue la collaborazione del Comune di Alassio con la Camera di Commercio Italiana a Nizza che nella giornata di ieri si è concretizzata in un incontro tra analoghe realtà di Nizza ed Alassio.
Al Lawn Tennis Club di Nizza una delegazione alassina è stata accolta da istituzioni e giornalisti della Costa Azzurra.
“Sia Alassio, sia Nizza hanno un circolo di tennis storico, di grande tradizione sportiva – commenta Fabio Macheda, Assessore al Commercio e alle Politiche Scolastiche, che ha avviato la partnership con la Camera di Commercio italiana a Nizza –  come pure una scuola alberghiera riconosciuta sul territorio per la formazione di personale altamente professionale. Di qui l’idea di creare un momento di incontro nel quale abbiamo coinvolto l’Hanbury Tennis Club e l’Istituto Alberghiero Aicardi, Galilei Giancardi, con la Fabbrica delle De.Co. Abbiamo organizzato un wellcome cocktail con i nostri prodotti della tradizione: piccoli panini con l’acciugotto, sardine ripiene intinte nella tumatetta, focaccia e, naturalmente gumeletti e baci di Alassio”.
Su tutto anche il San Pietro Tonic, il drink inventato dai barman dell’Alberghiero, lo scorso anno in occasione di The Alassio Drink. “Un pestato di erba San Pietro, raccolta tra gli scogli di Passeggiata Cadorna – spiegano – su zucchero di canna, amaro Tosolini e Acqua Tonica: poco alcolico, fresco, dissetante e, anche in questo caso con un ingrediente tipico del nostro territorio”
“E’ stato un successo straordinario – il commento della Prof di francese dell’Alberghiero Cristina Moraglia e di quella di Cucina Katiuscia Giuria – le nostre Deco, nella loro semplicità hanno incontrato il gusto del pubblico che si è intrattenuto per ricevere le informazioni sulla storia delle singole ricette”.
Ad accogliere la delegazione composta dall’Assessore Macheda e da docenti e studenti dell’Alberghiero il Presidente del circolo Franck Balabanian; Patrizia Dalmasso e Agostino Pesce, rispettivamente presidente e direttore generale della Camera di Commercio Italiana a Nizza, Caterina Gioiella, Console Generale d’Italia a Nizza e dell’Assessore al Commercio della Città Metropolitana di Nizza, Franck Martin.
“L’occasione – aggiunge Macheda – per illustrare la destinazione Alassio: le vie dello shopping, le peculiarità della nostra offerta esperienziale, dalla marcia acquatica ai percorsi di trekking in collina, ma anche attraverso i nostri prodotti tipici e le pubblicazioni realizzate ad hoc per il pubblico francese. Importante aver coinvolto i ragazzi delle scuole in un’attività dinamica e di relazione extrascolastica. Con noi, ha preso parte al progetto, anche un ragazzo, proveniente dal Liceo Albert Camus sezione Alberghiera temporaneamente distaccato ad Alassio nell’ambito di un progetto Erasmus. Mi ha molto colpito l’estrema naturalezza con cui tutti si sono organizzati, e, con grande professionalità, in poco tempo hanno allestito un perfetto wellcome cocktail”.
“Molto interessante – la conclusione di Macheda – la visita successiva al Greta una vera e propria cittadella scolastica dove trovano spazio scuole medie di primo grado e superiori professionali per un totale di circa quattromila studenti. AL suo interno, tra le altre realtà scolastiche, anche un Istituto Alberghiero che si è strutturato anche con un ristorante aperto al pubblico. Abbiamo già messo in programma di organizzare un momento di incontro e scambio con i loro studenti, magari proprio sui reciproci prodotti tipici”.​

In piazza San Michele la premiazione di “Fior d’Albenga 2022”

Venerdì 6 maggio in Piazza San Michele alle ore 10.30 si terrà la premiazione di Fior d’Albenga 2022 con la consegna dei premi aiuole vincitrici dell’edizione 2022 e del premio speciale Genova Liguria Film Commission.

Interverranno: Questore di Savona, Dott.ssa Alessandra Simone,Sindaco di Albenga, Riccardo Tomatis, Vicesindaco di Albenga, Alberto Passino,Presidente Ass. Fior d’Albenga, Giuseppe Rossi, Presidente GLFC, Dott.ssa Cristina Bolla quindi la giuria tecnica con Prof.ssa Caterina Mele, Dott. Agr. Marco Ottonello e Dott. Agr. Pietro Pensa.

A seguire, fino alle ore 13.00, si terrà lo showcooking realizzato grazie alla preziosa collaborazione dell’Istituto Alberghiero a recupero delle due giornate annullate a causa maltempo dell’evento “Albenga in Tavola”.

Per l’occasione sarà possibile degustare piatti e preparazioni a base asparago violetto e carciofo spinoso.

Superga 4 maggio 1949, impossibile dimenticare il Grande Torino

SUPERGA, 4 MAGGIO 1949

Erano le 17.03 quando l’aereo Fiat G. 212 della compagnia aerea ALI, che riportava a casa l’intera squadra del “Grande Torino” dopo la trasferta a Lisbona si schiantò per la fitta nebbia contro il muraglione posteriore del complesso architettonico di Superga, causando la morte di tutti i 31 passeggeri.
Nessuno ha mai dimenticato, nessuno dimenticherà mai.
Trentuno campioni quel giorno, in un secondo sono diventati leggenda, per sempre.
Russ cume ‘l sang
fort cume ‘l Barbera
veuj ricurdete adess, me grand Turin.
En cui ani ‘d sagrin
unica e sula la tua blessa jera.
T’las vinciù ‘l Mund.
a vintani t’ses mort.
Me Turin grand
me Turin fort.
Sempre, per sempre Valerio Bacicalupo, Aldo Ballarin, Dino Ballarin, Emile Bongiorni, Eusebio Castigliano, Rubens Fadini, Guglielmo Gabetto, Ruggero Grava, Giuseppe Grezar,
Ezio Loik, Virgilio Maroso, Danilo Martelli, Valentino Mazzola, Romeo Menti, Piero Operto, Franco Ossola e Mario Rigamonti.

“Percfest”, le leggende della musica fanno rotta su Laigueglia

Le date sul calendario sono già fissate: dal 16 al 19 giugno. Nessuno prenda impegni, torna il «Percfest», il Festival delle percussioni.

Da sempre rappresenta l’evento clou dell’estate del borgo marinaro. A promuovere la kermesse con la partecipazione delle leggende della musica internazionale è Rosario Bonaccorso, un musicista di grande esperienza.

Ecco il programma completo del «Percfest 2022»

Mercoledì 15 Giugno dalle 21.30
-Gianni Cazzola 4tet “Three for one”
-“Trio Bobo” Christian Meyer, Faso e Alessio Menconi

Giovedì 16 Giugno dalle 21.30
-Roberto ed Eduardo Taufic -Olivia Trummer Trio, special Guest Fabrizio Bosso “For You”

Venerdì 17 Giugno dalle 21.30 -Nicola Angelucci 4tet feat Gabriele Mirabassi
Italia-Austria Jazz Connection Joris Dudli, Rosario Bonaccorso, Flavio Boltro, Gregor Storf, Tommaso Perazzo

Sabato 18 Giugno dalle 21.30
-Enzo Pietropaoli 4tet in collaborazione Cristina Renzetti
“Yatra Songs” – Tullio De Piscopo 4tet Feat. Emanuele Cisi e Andrea Pozza

Domenica 19 Giugno dalle 21.30
-Massimo Faraò 5tet special Guest Ernesttico Danny Grissett e Jim Rotondi Duo

E’ già possibile acquistare i biglietti per assistere ai concerti in calendario grazie a Italianticket.it.

Il «Percfest» laiguegliese vanta il supporto del Comune di Laigueglia e il patrocinio della Provincia di Savona e della Regione Liguria.

Stoccarda, città verde: torri panoramiche, eleganti giardini e vigneti a perdita d’occhio

Fra le città più verdi della Germania, Stoccarda è adagiata in una conca e contornata da dolci colline coltivate ad uva, che ne fanno l’unica città europea, insieme a Vienna, i cui vigneti giungono fino al centro urbano.

Il cuore della città è un’area verde composta da giardini e parchi, collegati fra loro da ponti e vialetti: questa conformazione favorisce un dialogo aperto e continuo fra gli spazi urbani e la natura, dove è estremamente piacevole perdersi e passeggiare.

Molteplici sono anche i punti panoramici per godere di viste meravigliose sulla città e sulla regione circostante: vere e proprie occasioni di escursioni, dai quali scoprire lati inediti e sorprendenti della città.

Stoccarda dall’alto
Cammina cammina, a Stoccarda si raggiungono alture da dove godere di incantevoli panorami. Utilizzate un tempo dai contadini per raggiungere i terrazzamenti coltivati a vite, le “Stäffele” sono scalinate composte da centinaia di gradini che partono dal centro città e conducono a luoghi d’osservazione speciali.

La fontana della bella ninfa Galatea, costruita in stile classicheggiante alla fine dell’800, attende chi percorre il 175 gradini della Eugenstaffel, che porta direttamente ad Eugensplatz. Da qui i gitanti hanno letteralmente la città ai propri piedi, e possono ammirare bellissimi scorci sul castello vecchio, il castello nuovo e i grandi parchi di Stoccarda, riparati dal sole dal fogliame dei grandi alberi.

Sono 407 i gradini che dalla piana di Stoccarda portano invece alla collina della Karlshöhe, uno dei punti panoramici più incantevoli del capoluogo. Arrivati in cima, ci si immerge in un parco in stile romantico inglese, tra alberi dal fitto fogliame, piccoli corsi d’acqua e belle fontane in pietra. L’ariosa terrazza del Biergarten Tschechen & Söhne, ombreggiata da grandi alberi e dove i locali vengono per uno spuntino o un aperitivo, è il luogo ideale per rifocillarsi e assaggiare un piatto della cucina locale.

Un piccolo idillio urbano dal sapore romantico: vialetti e gradinate conducono al Weissenburgpark, luogo di pace e di ristoro immerso nel verde, con vialetti fioriti e grandi alberi. Per una pausa c’è la bella casa da tè: un padiglione in stile neoclassico con decorazioni Jugendstil, dove concedersi un’ottima limonata o uno dei dolci della tradizione.

A piedi o in cremagliera: la piacevole passeggiata in salita che dall’area meridionale di Stoccarda porta al quartiere Degerloch e alla piazza Santiago de Chile può essere sostituita da un giro sulla Zahnradbahn, affettuosamente chiamata “la Zacke”, dal gusto retrò. Inaugurata nel 1884, è uno dei pochi esemplari ancora esistenti in Germania e l’unico utilizzato ancora per il trasporto pubblico regolare, con partenza dalla bella Marienplatz. Una volta giunti alla meta, si gode di un bellissimo panorama sulla città e sui suoi vigneti.

Il gelato più buono in città
Si mangia probabilmente all’Eisdiele Pinguin, che offre anche il gelato al gusto Mercedes – un omaggio alla famosa casa di Stoccarda. Nella città dell’automobile, un vero must.

Stoccarda

Killesbergturm @ Stuttgart Marketing GmbH, Werner Dietrich

Un tempio neoclassico per la regina
Sul promontorio dove un tempo si ergeva la fortezza del padre fondatore della dinastia dei Württemberg si trova oggi l’elegante mausoleo neoclassico voluto nel 1820 dal re Guglielmo I per la giovane moglie Caterina, morta prematuramente. Il mausoleo, oggi sotto protezione delle belle arti, è un capolavoro di armonia di scorci e di proporzioni che si ispira ai templi dell’arte classica, così come al genio del Palladio.

Ugualmente bella e armoniosa è la vista che si gode dal mausoleo – che era particolarmente cara alla regina Katharina – e che spazia sui vigneti circostanti e sulle incantevoli valli dell’affluente del Reno, il fiume Neckar. Chi giunge qui non può rinunciare a una passeggiata fra le vigne, particolarmente suggestiva all’ora del tramonto.

La visita al mausoleo può essere combinata con il Tour del Vino di Stoccarda, che in formula drop-on, drop off e con il caratteristico bus scoperto rosso elettrico, conduce attraverso gli incantevoli paesaggi coltivati a vite, al Museo della Viticultura di Stoccarda, a diverse cantine e, appunto, al mausoleo, per un totale di nove tappe. Il tour, idealmente combinabile con il tour classico della città “Blaue Tour”, è ideale per scoprire la cultura vinicola del luogo, visitare vigne e poderi.

La Strada del Vino di StoccardaPer chi ha un po’ più di tempo e vuole avventurarsi a piedi: la Strada del Vino è un tour circolare ottimamente segnalato, da percorrere anche in autonomia, iniziando da una tappa a propria scelta.

Torri con vista
Archetipo per quelle successive di Düsseldorf, Francoforte, Johannesburg e Wuhan, quella di Stoccarda è stata la prima torre della televisione al mondo, realizzata nel 1956 dall’ingegnere Fritz Leonhardt in calcestruzzo. “L’ago più bello del mondo” è, al tempo stesso, ristorante, museo e punto d’osservazione privilegiato, dal quale la vista spazia lontano, fino alle alture del Giura Svevo e alla verde Foresta Nera.

Sulla terrazza panoramica della Torre della Televisione si sale a 150 metri di altezza, dalle 10.00 del mattino fino alle 22.00 della sera, dal martedì alla domenica. Per la visita è disponibile anche l’app Fernsehturm in lingua inglese, scaricabile gratuitamente su Apple Store e Goolge Play.

Vero rifugio verde urbano, il parco del Killesberg offre tutto quello che si può desiderare da un’oasi cittadina immersa nella natura – comprese fontane, aiuole fiorite, aree giochi per bambini e zoo con gli animali da fattoria.

La cifra del parco è data dalla torre del Killesberg, una sinuosa costruzione alta 42 metri e composta da scalinate in acciaio intrecciate tra loro, senza balaustra. La ricompensa dopo aver salito i tanti gradini è il verde panorama che si gode dall’alto, sulle alture intorno alla città.

Il trenino
Comodo e divertente, il trenino a vapore Killesbergbahn conduce attraverso il parco, in particolare per la gioia dei più piccoli.

Stoccarda

Wilhelma Ninfee @ Stuttgart Marketing GmbH Martina Denker

Wilhelma, sogno esotico del re
Oggi orto botanico, parco faunistico e il secondo zoo più visitato di tutta la Germania, il Wilhelma è stato concepito nell’Ottocento come sfarzoso giardino all’orientale dal re Guglielmo I. Esteso su una superficie di 280.000m2, il Wilhelmag è una delle mete preferite per il tempo libero dai cittadini di Stoccarda e da chi viene da fuori.

Moltissime sono le specie animali che qui si possono ammirare – ma anche il patrimonio floreale, con circa 8.500 tipologie di piante, è prezioso. Il volto del parco cambia ogni anno con il mutare delle stagioni: magnolie, azalee, ninfee, arbusti mediterranei, palme e bellissimi alberi secolari fanno parte del paesaggio mutevole del parco, mentre nelle serre gli appassionati di botanica possono ammirare piante provenienti da tutto il mondo.

Il Giardino Moresco
Tra il Maurisches Landhaus e l’odierno acquario si trova il cuore del Wilhelma e, per molti, il luogo più bello del parco: il Giardino Moresco. Gli storici lampadari, l’ampia scalinata esterna, le numerose sculture e la disposizione paesaggistico-architettonica dei vialetti, delle fontane e delle piante ne fanno un vero gioiello.

Informazioni Covid-19
Nelle strutture culturali e ricreative di Stoccarda, come musei, bagni termali, zoo, ristoranti e hotel, è stata abolita la regola del 3G/2G (vaccinati o guariti). Tuttavia le strutture potranno continuare a prescrivere una mascherina a propria discrezione. Sui mezzi di trasporto pubblici continua ad essere obbligatorio indossare la mascherina FFP2 o medica.

Stoccarda, capoluogo del Land tedesco sud-occidentale del Baden-Württemberg, è una metropoli moderna e vibrante, ancorata al tempo stesso alla sua storia. Famosa per l’alta qualità della vita, Stoccarda – circondata da vigneti e immersa nel verde – è anche la città dell’automobile, sede di Porsche e Mercedes-Benz, della cultura, grazie a musei ed eventi di prim’ordine, e del bien-vivre, con un’incredibile palette di proposte gastronomiche, che vanno dai ristoranti stellati alle trattorie tradizionali. Dall’Italia, Stoccarda è facilmente raggiungibile con voli diretti dai principali aeroporti della Penisola, oppure in treno o in automobile. Per ulteriori informazioni, e per prenotare pacchetti e soggiorni, visitare il sito.

Nella foto in alto: Killesbergturm @Stuttgart Marketing GmbH, Werner Dietrich

A Firenze torna il Festival dell’Italia Gentile dal 17 al 23 maggio 2022

Firenze torna a essere “capitale” della Gentilezza. Prenderà il via il 17 maggio, fino al 23 maggio, il Festival dell’Italia Gentile, con eventi diffusi in tutti e 5 i quartieri e a Palazzo Vecchio.

Volto ad approfondire il tema della gentilezza nei più diversi ambiti, dal mondo dell’economia e dell’impresa a salute, benessere, educazione, dialogo interreligioso, arte, cultura e ambiente, il Festival presenta ospiti del calibro di Daniel Lumera, autore bestseller, ideatore del metodo My Life Design®, il disegno consapevole della propria vita personale, professionale, sociale, fondatore dell’Associazione My Life Design ONLUS e del Movimento Italia Gentile, Immaculata De Vivo, docente di Medicina alla Harvard Medical School e di Epidemiologia alla Harvard School of Public Health, fra le massime esperte al mondo nel settore dell’epidemiologia molecolare, della genetica del cancro e nello studio dei telomeri, padre Guidalberto Bormolini, presidente dell’ODV TuttoèVita ETS, Donatella Bianchi, giornalista e presidente del WWF Italia, Sebastiano Somma, attore, Guido Stratta, direttore People and Organization del Gruppo Enel, Cristiana Capotondi, attrice, Lorenzo Baglioni, cantautore, e poi esperti, psicologi, architetti, filosofi, scrittori, studiosi, e tante altre sorprese.

Festival-dell-Italia-Gentile-2021

Festival dell’Italia Gentile 2021

Fulcro della kermesse sarà il Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, ma panel e momenti esperienziali e di confronto animeranno location dislocate in tutti i quartieri, dal Museo Novecento al parco di San Donato, passando per il Teatro della Compagnia, BibliotecaNova, Chiostro di Santa Maria Novella, le Murate.

«Dopo il debutto dello scorso anno, con questa seconda edizione coinvolgiamo tutti i quartieri. Obiettivo è alzare l’attenzione sulla gentilezza come valore, e sul suo impatto sociale, promuovendo una riflessione a 360 gradi sugli ambiti più svariati, economia, salute, scienza, cultura, sostenibilità ambientale», sottolinea la vicesindaca Alessia Bettini.

È la seconda edizione della manifestazione organizzata da Comune di Firenze e MUS.E, assieme all’Associazione My Life Design ONLUS e all’ODV TuttoèVita ETS. L’anno scorso, al suo debutto, il capoluogo toscano è entrato a far parte della rete dei Comuni Gentili promossa dal Movimento Italia Gentile, progetto della My Life Design Onlus.

Il programma dettagliato dell’evento verrà comunicato nei prossimi giorni sul sito.

Festival dell’Italia Gentile

Enrico Vanzina ai Martedì Letterari di Sanremo

 

Prosegue la stagione primaverile dei martedì letterari  con un incontro prestigioso, anteprima di un nutrito programma che si snoderà sino a giugno per culminare con la cerimonia del Premio Letterario Internazionale Casinò di Sanremo Antonio Semeria.

Venerdì 6 maggio ore 17.00 nel Teatro del Casinò di Sanremo il regista Enrico Vanzina maestro della cinematografia italiana presenta il suo nuovo libro: “Diario Diurno ( HarperCollins) . Partecipa Carlo Sburlati con Marzia Taruffi. L’ingresso a teatro è libero sino all’esaurimento dei posti disponibili con mascherina FFp2.

Diario Diurno

Nella storia della letteratura il diario occupa un posto speciale. Sono diari, in fondo, le Confessioni di Sant’Agostino e i Saggi di Montaigne, due dei libri più letti e amati di sempre. E venendo a tempi più recenti il Diario dei fratelli Goncourt è un testo imprescindibile per comprendere la grande Francia ottocentesca, e, a modo suo, è un monumentale diario in più volumi l’acclamato “La mia lotta” di Karl Ove Knausgård. E lo è, ovviamente, il “Diario notturno” di Ennio Flaiano, libro che illumina il nostro dopoguerra e gli anni del boom. Proprio da Flaiano, che ha conosciuto personalmente quando era bambino, parte Enrico Vanzina per questo suo “Diario diurno”. Un diario adulto, iniziato da un uomo di 62 anni che non ne aveva mai tenuto uno. Un diario che racconta undici anni, racchiusi da due grandi crisi sociali, quella economica del 2011 e quella che stiamo ancora vivendo ed è legata alla pandemia. E in mezzo: la vita, le gioie, i dolori, gli attimi solo in apparenza insignificanti ma in realtà decisivi, la politica, i libri, il cinema, certo, il cinema, gli amici che si ritrovano o se ne vanno, gli incontri casuali, le strade prese o perse. Perché un diario, se scritto da un grande autore, è molto di più del mero succedersi degli accadimenti, pubblici e privati che siano, è un’opera letteraria che sa far commuovere, sorridere, riflettere, rivelando verità spesso nascoste sul cuore umano.

Sceneggiatore e produttore Enrico Vanzina, figlio di Steno, insieme al fratello Carlo è vissuto nel mondo del cinema fin dall’infanzia, frequentando abitualmente personaggi del calibro di Totò, Ugo Tognazzi, Mario Monicelli, Ennio Flaiano, Mario Camerini e Dino Risi, i cui figli Marco e Claudio sono loro amici d’infanzia. Dopo aver frequentato la scuola francese Chateaubriand di Roma, diplomandosi nel 1966, si è iscritto a Scienze Politiche all’Università di Roma laureandosi nel 1970. L’esordio nella carriera cinematografica risale al 1974 come aiuto regista del padre nel film “La poliziotta”. Nel 1976, ha iniziato a scrivere sceneggiature e da allora ha collaborato con i maggiori esponenti della commedia all’italiana. Nel corso degli anni ’80 e ’90 ha firmato insieme al fratello i più grandi successi al botteghino italiano, film molto amati dal pubblico ma spesso stroncati dalla critica. Nel 1986 ha fondato, sempre con il fratello Carlo, la casa di produzione Video 80 e da allora oltre alla produzione cinematografica si è dedicato anche a quella televisiva (“I ragazzi della III ^ C”, 1986; “Amori”, 1987; “Anni ’50”, 1998; “Anni ’60”, 1999). Nei primi anni ’90 ha collaborato con la Penta Film. Ma il cinema non è la sua unica occupazione. Ha scritto la pièce teatrale “Bambini cattivi” portata in scena da Giuseppe Patroni Griffi. Ha collaborato per diversi anni con Il Corriere della Sera e Il Messaggero, ha portato in stampa i libri “Le finte bionde”, “Colazione da Bulgari” e “La vita è buffa” e tiene corsi di sceneggiatura.

 

Albenga ha di nuovo il Teatro Ambra

“Albenga ha di nuovo il Teatro Ambra!” con queste parole il sindaco Riccardo Tomatis annuncia l’accordo raggiunto tra la proprietà e l’associazione Teatro Ingaunia che ha portato, nella giornata di ieri, alla stipula del nuovo contratto di locazione tra le parti.
Il primo cittadino di Albenga si è speso in prima persona per il raggiungimento di questo importante obiettivo e, con grande soddisfazione, sottolinea: “L’Ambra è, ed è sempre stato, un punto di riferimento per la nostra Città e per il territorio.
La nostra Amministrazione ha sempre riconosciuto nella cultura un valore irrinunciabile, per questo abbiamo cercato di dare il nostro contributo affinché si potesse giungere alla soluzione di questa complessa vicenda”.

Affermano gli avvocati Alessandro Aschero e Margherita Gallo che hanno seguito l’associazione Teatro Ingaunia: “Dopo una lunga e complessa trattativa nella quale fondamentale è stata la collaborazione del Comune in particolare nella persona del sindaco Riccardo Tomatis, ieri c’è stata la firma del contratto di locazione tra le parti. Possiamo dire con soddisfazione che l’Associazione Teatro Ingaunia potrà tornare a svolgere la sua attività”.

Mario Mesiano direttore artistico dell’Associazione Teatro Inaunia afferma: “Nonostante le difficoltà che abbiamo incontrato ho voluto fare un altro gesto di amore per Albenga, per il teatro e per la cultura.
In Collaborazione con il sindaco Riccardo Tomatis, gli avvocati Margherita Gallo e Alessandro Aschero che hanno seguito la nostra vicenda e grazie alla preziosissima collaborazione di Nicola Circosta commercialista e vicedirettore dell’Associazione Teatro Ingaunia che, da sempre, ha un ruolo fondamentale nelle sorti dell’Ambra, siamo riusciti a trovare un accordo che porterà alla riapertura del Teatro Ambra.
Adesso è indispensabile lavorare tutti insieme – Comune, associazioni del territorio e cittadini – per fare in modo che il Teatro rimanga aperto.”

Il Giro d’Italia è sempre più digital

La piattaforma digitale del Giro d’Italia si è consolidata negli ultimi anni grazie ai numeri molto importanti. Anche per l’edizione 105 si potrà seguire la Corsa Rosa sul sito e sull’app ufficiale del Giro d’Italia, grazie ad una cronaca scritta puntuale in quattro lingue (italiano, inglese, spagnolo e francese), con curiosità, statistiche e tanto altro. Nella sezione web, la partnership con 3BMeteo – il meteo ufficiale del Giro d’Italia – fornirà nel live della corsa l’andamento climatico (compreso vento e temperatura), nei punti più interessanti.

Oltre al podcast in lingua italiana, quest’anno per la prima volta il Giro d’Italia grazie ad una partnership con El Maillot avrà i podcast anche in lingua spagnola.

Scarica la APP per IOS e per Android.

IL PIÙ COMBATTIVO DI OGNI TAPPA VERRÀ VOTATO E SCELTO SU TWITTER
Da quest’anno il premio combattività del Giro d’Italia verrà deciso tramite votazione social. La votazione si svolgerà sull’account ufficiale di Twitter del Giro d’Italia dalle 19.00 alle 7.00 del mattino successivo. Saranno indicati un massimo di 4 nomi entro le 18.30 di ciascuna tappa. Il nome più votato indosserà il dorsale (rosso) della classifica combattività il giorno dopo.

IL GIRO E TIKTOK
Giro d’Italia è pronto a coinvolgere la community TikTok per commentare, seguire e partecipare con la creatività che la contraddistingue alla 105 edizione del Giro. Da venerdì 6 maggio la community di TikTok potrà seguire con l’hashtag #giroditalia la Corsa Rosa durante tutte le sue 21 tappe. I creator, insieme all’account @giroditalia, racconteranno le tante realtà imperdibili che si possono incontrare in viaggio lungo tutto lo stivale, esploreranno le curiosità più inaspettate, le tradizioni e il folklore locale, il tutto utilizzando il caratteristico linguaggio comunicativo della piattaforma costituito da suoni, trend e tanta creatività.

IL GRANDE ARRIVO: IL ROUND FINALE DEL GIRO D’ITALIA VIRTUAL HOSTED BY BKOOL
L’ultimo round del Giro d’Italia Virtual hosted by BKOOL comprende 8 frazioni del Giro ricostruite in 3D.
Il Giro d’Italia Virtual hosted by BKOOL giunge alla sua fase finale in concomitanza con il Giro d’Italia 2022. Dal 6 maggio al 10 luglio qualsiasi ciclista in qualsiasi parte del mondo può partecipare all’ultimo blocco di tappe dell’edizione virtuale ufficiale del Giro d’Italia, organizzata da BKOOL e RCS Sport.
Tutto ciò che serve per godersi l’esperienza è uno smart trainer o una smart bike e un computer o tablet con l’app gratuita BKOOL.
Chris Froome e il team EOLO Kometa hanno già confermato la loro partecipazione.
Le iscrizioni sono aperte sul sito www.girovirtual.com.
Le tappe della terza fase del Giro d’Italia Virtual hosted by BKOOL:
Torino TISSOT: 8.3km / 14m+. Monte Zoncolan: 8.5 km / 806 m+. Alpe Motta: 8.7 km / 630 m+. Ravenna-Verona: 30 km / 96 m+. Fedaia Pass: 11.1 km / 819 m+. Perugia-Montalcino: 25 km / 540 m+. Monte Rest: 11 km / 626 m+. Milano TISSOT: 25 km / 13 m+.
Come nei due round precedenti, tutti i partecipanti alla fase Grande Arrivo guadagneranno punti in vista della lotteria finale, dove verranno assegnati più di cento premi.

ITALIANFT AL GIRO D’ITALIA: LE MAGLIE, IL TROFEO E I SIMBOLI DELLA CORSA ROSA DIVENTANO BENI DIGITALI DI VALORE
ItaliaNFT, primo marketplace italiano di vendita di NFT del Made in Italy, è Official Partner del Giro d’Italia. I primi non fungible token della leggendaria Maglia Rosa e degli altri simboli della Corsa Rosa saranno disponibili dal 6 maggio nel rivoluzionario formato delle collezioni digitali certificate dalla Blockchain all’interno del grande marketplace dei non fungible token dedicati al Made In Italy.

L’iniziativa, frutto di un accordo fra ItaliaNFT e RCS Sport, rappresenta solo il primo passo di una serie di attività congiunte per creare nuove iniziative di valore – sia in ambito fisico che digitale – legate al mondo delle massime competizioni sportive. I primi NFT del Giro d’Italia saranno disponibili dal prossimo 6 maggio, data che segna l’inizio della kermesse ciclistica, ma la lista dei collezionabili digitali si arricchirà durante il corso di tutta la manifestazione. Fra questi, anche le quattro maglie del Giro (Rosa, Bianca, Azzurra e Ciclamino), le maglie rare, le locandine storiche e il Trofeo Senza Fine,quest’ultimo disponibile in un’asta finale esclusiva.

Gli NFT non sono semplici miniature digitali ma vere e proprie opere uniche ed esclusive, rese autentiche dall’associazione alla Blockchain.

IL GIRO D’ITALIA E LA PROMOZIONE DEL CICLOTURISMO
Grazie ad una partnership con komoot, il Giro d’Italia lancia un’importante sezione in lingua italiana e inglese sul cicloturismo. Oltre 50 itinerari in tutta Italia di bassa media e alta difficoltà per tutti gli appassionati che vogliono percorrere le strade dei grandi del ciclismo.
La partnership con komoot consentirà agli spettatori del Giro di rivivere l’esperienza dei pro ripercorrendo i percorsi di gara su komoot o ridisegnandoli in base alle proprie esigenze e abilità.
La raccolta di percorsi ciclabili regionali selezionati con cura per il Giro d’Italia 105 su komoot è il risultato di una stretta collaborazione tra ENIT (Agenzia nazionale italiana del turismo), l’organizzazione per le infrastrutture stradali ANAS (Azienda Nazionale Autonoma delle Strade) e komoot. I percorsi possono essere scaricati per la navigazione offline su smartphone o sincronizzati con dispositivi GPS. Inoltre, i percorsi possono essere modificati per iniziare e finire in qualsiasi luogo.
https://www.giroditalia.it/cicloturismo/

Dal 6 maggio in radio “Fulmine nero” feat. Davide Borri

Dal 6 maggio 2022 sarà in rotazione radiofonica “Fulmine nero” feat. Davide Borri, il nuovo singolo de Il Metz, disponibile sulle piattaforme digitali dall’8 aprile.

Fulmine Nero” è una canzone che parla della voglia di evadere dalla città. Il Fulmine nero è un fenomeno fisico unico che qui rappresenta l’unicità delle persone, una potenza così forte da cambiare colore al cielo. I suoi occhi illuminano il buio se li guardi nella notte.

Spiega l’artista a proposito del brano: “Viviamo in una società globale dove ogni tanto ci dimentichiamo quanto la singola persona sia importante per il bene di tutti gli altri”.

Ascolta ora il brano

Nel videoclip di “Fulmine nero”, Il Metz, con la direzione artistica di Luca Passerotti, ha voluto rappresentare proprio con quel fulmine nero le azioni semplici che possono accadere tutti i giorni, come una semplice passeggiata, il recarsi a lavoro la passione di una donna e guardare la tv, il tutto accostato anche ai luoghi comuni di Milano per rendere il racconto più veritiero.

Guarda qui il videoclip su YouTube

Biografia

IL METZ nasce a Milano nel maggio 1983. Dopo anni di militanza in svariate band, nell’anno 2014 decide di creare il progetto solista che fonde un mood elettronico e moderno alla canzone italiana d’autore, mai banale e con radici solide. La sua musica è influenzata dagli artisti con cui è cresciuto come Michael Jackson, Depeche Mode, Battisti, Tenco, Modugno, Battiato, ma anche da artisti degli anni ‘90 come Radiohead, Chemical Brothers o italiani come Bluvertigo e La Sintesi.

Inizia così un percorso con la Platinum Label pubblicando i singoli “Elettricità”, “Confuso” ,”Anche meno” e d’ora “Fulmine nero”, disponibile sulle piattaforme digitali dall’8 aprile 2022 e in rotazione radiofonica dal 6 maggio.

Instagram