HomeLifestyleLivello di vita soddisfacente – Le risposte della Psic LA DOMANDA DI...

Livello di vita soddisfacente – Le risposte della Psic LA DOMANDA DI OGGI è: Che cosa regalare a Natale? – PARTE PRIMA

 

Tanta vicinanza a chi ha subito lutti, a chi ha perso il lavoro, a chi si è ritrovato la vita stravolta. Quella vicinanza delicata, quasi impalpabile, di sapere stare al fianco di chi sta male, dandogli la possibilità di esprimere tutto il malessere senza sentirsi né giudicato né di doversi controllare o contenere.
Generosità, come descritta nel libro <Amare> di Cristina Nunez Pereira, Rafael Romero Valcàrcel, che “consiste nel dare ciò che si possiede senza aspettarsi di ricevere qualcosa in cambio”. Credo che già riuscire a dare non sia così scontato, dare a chi è alla ricerca od ha bisogno senza dover decidere se magari secondo noi sia utile o meno la ricerca o il bisogno. Dare indipendentemente che l’altro ci sia simpatico o ispiri fiducia, o sia degno di ricevere.
“Per far sentire meglio l’altra persona” che ovviamente non essendo uguale a noi avrà parametri di riferimento anche molto diversi, e noi dovremo solamente essere sintonizzati sul suo personale grado di ben-essere, sul suo livello di vita soddisfacente (= che è poi il titolo del mio blog personale).
Regalare generosità presuppone il massimo rispetto per chi abbiamo attorno a noi, e non è per niente semplice!
Per fare dei bei regali viene da chiedersi se occorre essere davvero tanto ricchi. Credo che la risposta sia nell’amore, chi ama riesce a fare regali favolosi.
Nel libro si parla di essere “ricchi di nobiltà di spirito. Quando una persona ama, questo bene si moltiplica”.
Chiunque potrebbe essere in grado di regalare generosità!
Buonumore “tendenza ad essere allegri e bendisposti. Nasce da una sensazione di benessere interiore”. Dipende da noi stessi e poi lo possiamo passare a chi ci sta vicino; oppure attraverso esperienze di vita cercare con curiosità chi ne possa beneficiare.
Se riusciamo a sviluppare il buonumore, a coltivarlo, poi possiamo regalarlo agli altri.
La particolarità del buonumore è quella di essere “contagioso. Anche se non tutti lo vivono con la stessa intensità”. Si va dal sorriso, al cambio di atteggiamento mentale nel corso delle giornate, all’assoluta insensibilità a quello che stiamo cercando di trasmettere. Ma vivere sereni, con bontà d’animo è prima di tutto un atto per sé stessi; poi può essere regalato agli altri.
Esiste anche chi non accetta i regali, chi non ne è capace, chi è spaventato di entrare in relazione con gli altri, chi non l’ha mai sperimentato, chi è sempre stato solo.
Per questo un ottimo regalo può essere la pazienza che “vuol dire prendere le cose con calma”.
Un regalo meraviglioso! Perché sembra che ultimamente non vada molto di moda, non sia più utilizzata, che sia sparita dalla mente umana.
“La pazienza ha conseguenze sul tempo? (Si chiedono nel libro) Non su quello che misura l’orologio. Ma sul nostro tempo mentale, sì.”
Sarà utile allenare a gestire il tempo mentale, la vita interiore, i contenuti nascosti, relegati, abbandonati nelle zone d’ombra: regalare un pacchetto di allenamento completo. Tutti possono riuscirci, ciascuno a modo suo
E poi l’ultimo album dei Måneskin ed il libro di Maria Chiara Gritti <La principessa che voleva amare Narciso. Come uscire insieme dai labirinti del cuore>.

Alla prossima puntata!
Se avete domande mi trovate via e-mail: info@giovannaferro.it
Giovanna Ferro, psicologa-psicoterapeuta

Da leggere

Google search engine