1976 : Disco Duck di Rick Dees diventa un successo mondiale. In patria procura guai a non finire, l’interprete è censurato e licenziato

Nel settembre 1976, mentre la disco music diventava sempre più popolare, Rick Dees (Rigdon Osmond Dees III, 1950) disc jockey radiofonico di Memphis, “and his cast of idiots”, pubblicò, su etichetta RSO (quella dei Bee Gees), il singolo Disco Duck. Che divenne subito un successo, grazie al simpatico utilizzo della voce da papero.
Per la canzone, Rick Dees non s’ispirò propriamente al personaggio di Paperino, anche se in molti pensarono che la voce nel brano fosse quella di Clarence Nash (1904-1985), doppiatore storico del
personaggio Disney.
In realtà, la voce da papero fu riprodotta da Ken Pruitt, amico di Rick Dees, mentre The Duck, brano del 1965 interpretato da Jackie Lee (Earl Nelson, 1928-2008), fu quello che diede l’idea per Disco Duck.
L’imitazione del papero era simile semmai alla voce dell’anatra Yakky Doodle, conosciuta in Italia come Iacchi Dudu, cartone animato creato negli anni ’60 da William Hanna (1910-2001) e Joseph Barbera (1911-2006).
Disco Duck arrivò in cima alle classifiche di mezzo mondo. Negli Stati Uniti raggiunse, addirittura, il primo posto della Billboard Hot 100 per una settimana, nell’ottobre 1976.
Il disco di Rick Dees ebbe un buon successo anche in Italia, dove raggiunse anche la terza posizione della Hit Parade, fra il dicembre ’76 e il febbraio ’77.
Sfortunatamente, Rick Dees ebbe in patria tutta una serie di vicissitudini causate proprio dal successo di Disco Duck. Disco Duck fu infatti bandito da tutte le radio di Memphis, città del Tennessee dove Rick Dees lavorava, perché cantato dal disc jockey di un’emittente rivale.
La stessa radio WMPS, dove trasmetteva Rick Dees, gli vietò di trasmettere il brano e addirittura di parlarne. Quando lo fece, il disc jockey fu licenziato. La direzione dell’emittente addusse come motivo del licenziamento un non meglio chiarito conflitto d’interessi. La verità era che non esistendo un accordo tra la casa discografica e la radio, quest’ultima dal successo di Disco Duck non ricavava alcun profitto.
Disco Duck, comparve anche in una breve sequenza della celebre pellicola Saturday night fever del 1977, divenuta manifesto della disco music.
Nel 1977 Rick Dees and his cast of idiots, tentò di nuovo il successo con Dis-Gorilla, del tutto simile a Disco Duck, ma con scarsi risultati. Negli anni l’eclettico Rick Dees ha consolidato la sua fama non solo come disc jockey, dedicandosi anche all’attività di attore, comico, doppiatore e personaggio televisivo.
Roberto Davi