We are back decolla il Percfest 2021

Un anno di pausa obbligata, ma usata per ricaricare le batterie, studiare le potenzialità e pianificare l’appuntamento del 2021 che porta un numero speciale, la 25ma edizione del festival jazz per eccellenza in Riviera, il Percfest, diventato un punto di riferimento anche oltre i confini italiani, nonché Memorial Naco.

25 anni di grande musica e atmosfera impareggiabile, portati avanti grazie alla tenacia unica di Rosario Bonaccorso, instancabile direttore artistico e noto contrabbassista jazz,  fermato solo (temporaneamente) dalla pandemia che ha messo in pausa il 2020, e dalla lungimiranza dell’amministrazione comunale che ha voluto e sostenuto fortemente l’evento in tutta la sua storia.

Laigueglia – uno dei borghi più belli d’Italia – vedrà finalmente il ritorno di 5 serate di concerti, come d’abitudine, lo spettatore ascolterá ben  due band  per ogni serata… come d’abitudine… unica differenza, i distanziamenti e le normative di sicurezza previste che non permettono, al momento, di pianificare eventi collaterali a quelli clou dei concerti.  Come già nel 2019, per gli spettacoli è previsto un biglietto di ingresso:

Costo del biglietto singolo per una serata con due band : € 20,00

Costo dell´Abbonamento alle 5 serate: € 90,00

Gli appuntamenti musicali, come sempre di altissimo livello sono stati ben bilanciati per rendere ogni serata attrattiva ed imperdibile. La location, come sempre sará  l’immancabile Piazza Marconi, a due passi dal mare.

 

In virtù della riduzione dei posti dovuta alla normativa anti-covid OGNI SERA SI SVOLGERANNO DUE SPETTACOLI, IL PRIMO CON INIZIO ALLE 20:45  E IL SECONDO CON INIZIO ALLE 22:30

IN OGNI SPETTACOLO SI ASCOLTERANNO  DUE BAND, IN SUCCESSIONE.

Piccoli slittamenti di orari sono possibili per la gestione dei protocolli.

 

 

30 Giugno 

Dado Moroni 5th guest Peter Bernstein 

Bil Aka Kora e Mezclando Cuba 6th “Africa, madre terra, madre musica”

 

1 Luglio

Jacky Terrasson & Stephan Belmondo duet  “Mother”

Rosario Bonaccorso, Olivia Trummer , Fulvio Sigurtá   “The Sound of Us “

 

2 Luglio

Jani Mc Pherson presenta il cd  “Piano Solo”

 

3 Luglio

Olivia Trummer   in piano solo  “close to you”

Rosario Bonaccorso Travel notes” 4th   con Fabrizio Bosso “

 

4 Luglio

Emanuele Cisi & Eleonora Strino  “ Tea for Two”

Jesse Davis 4th    A Charlie Parker Tribute “Bird 100 plus one”

 

 

Seguono i dettagli sulle band

 

 

 

Mercoledi 30 giugno       Bil Aka Kora – Mezclando Cuba 6tet    e   a seguire   Dado Moroni 5tet

 

                        Bil Aka Kora e Mezclando Cuba 6tet.                   

.                       Una musica che arriva da lontano, molto lontano nel tempo e nello spazio

Per la commemorazione dei 25 anni dalla tragica scomparsa di “Naco” Giuseppe Bonaccorso, a cui come noto è dedicato il “Percfest Memorial Naco”, abbiamo invitato ad aprire il Percfest 2021 uno straordinario progetto musicale di grande impatto spettacolare, dove le matrici percussive cubana – Africana, sono in primo piano.

Africa, madre terra, madre musica. Da questo richiamo parte questo progetto artistico

interculturale originale che abbraccia Cuba, Africa, Europa e nasce dal desiderio, quasi

esigenza, di andare a scoprire le nostre radici. I protagonist di questo incontro sono: Mezclando

Cuba, sestetto di estrazione cubana composta da rinomati esponenti della musica contemporanea dell’isola caraibica e Bil Aka Kora, cantante e compositore burkinabé. Con: Bil Aka Kora – voce, chitarra, Maria de los Angeles Fernandez Castaneda – voce, Nelson

Patricio Diaz Lauzurica “Mosito” – piano, Janier Isusi – tromba, Hiroito Vargas – timbal,

Marco Giovinazzo – congas, Alessandro Maiorino – bass.

Ispirato da canti e ritmi della propria tradizione, Bil Aka Kora ha inventato un suo stile, lo Djongo, per portare in tutto il mondo i colori della sua terra. Il risultato di questo incontro tra la tradizione cubana e quella Africana, avvenuto in Burkina Faso nel marzo 2020, è rappresentato da uno spettacolo ricco di colori, stili, sfumature che portano lo spettatore a scoprire una musica non etichettatile, caratterizzata dai ritmi ancestrali, melodie ispirate alla tradizione sacra e profana. Nato nel 1971 a Po, Burkina Faso, Bil Aka Kora durante il liceo impara a suonare la chitarra sotto la guida del ghanese Salah Ben. Nel 1997 vince il primo premio a Les Grands Prix Nationaux de la Musique, concorso nazionale per musicisti burkinabé, riconoscimento che lo incoraggia a continuare a sviluppare il suo talento musicale. Si esibisce in televisione e, nel dicembre 1998, registra il suo primo album, Douatou.

Direttore musicale di diversi documentari cinematografici e colonne sonore durante la XVIII edizione del FESPACO, nel 2004 compone la colonna sonora film Sofia del regista Aboubacar Dialloe, pellicola in cui interpreta il ruolo di musicista.

 

A seguire          Dado Moroni Quintet special Guest Peter Bernstein con: Emanuele Cisi, Riccardo Fioravanti, Enzo Zirilli

Il 2021 segna il ritorno a Laigueglia di uno dei beniamini del Percfest: Dado Moroni é senza dubbio uno dei pianisti piú importanti del panorama jazz internazionale, collaboratore di centinaia di star del jazz, ha suonato e registrato con molte leggende della musica come Dizzy

Gillespie, Ron Carter, Winton Marsalis, Ray Brown … Moroni presenta al Percfest un

quintetto straordinario con la partecipazione speciale di Peter Bernstein.

Il chitarrista americano é tra i piú importanti esponenti mondiali del suo strumento, le sue collaborazioni sono centinaia, passando da Sonny Rollins a Joshua Redman, Diane Krall, Brad Meldau. Emanuele Cisi al sax, Riccardo Fioravanti al basso ed Enzo Zirilli, rinomati maestri di livello internazionale, completano questa straordinaria formazione.

Questo concerto sará anche l´occasione per presentare una nuova ed originale avventura che si svolgerá al Percfest a partire dal 2022, la creazione della “Accademia Jazz del Ponente” una collaborazione che porterá una nuova ventata di Cultura della didattica a Laigueglia

 

 

 

 

 

 

 

Giovedì 1 luglio      “Mother” Jacky Terrasson e Stephane Belmondo duo e a  seguire  

                                    “The Sound of us”  Rosario Bonaccorso con Fulvio Sigurtá e Olivia Trummer

                       

                        Mother”    Jacky Terrasson e Stephane Belmondo

Si dice che a volte “meno è meglio” … Questo è il caso !

Per un concerto di jazz in duo, pieno di musicalità, ricchezza di melodie e swing, “Mother” ha bisogno solo di due persone: il pianista Jacky Terrasson e il trombettista Stephane Belmondo.

In un concerto tanto intimo quanto musicalmente concentrato, i due si dedicano pienamente al loro repertorio di canzoni diversificate, di standard classici del jazz e di alcune perle di chanson

francesi. Anche “You Are The Sunshine Of My Life” di Stevie Wonder si inserisce nel concetto estetico generale nell’interpretazione di Terrasson e Belmondo.

Il pianista Jacky Terrasson è da lungo tempo un luminare internazionale che non ha più bisogno di essere presentato a nessun appassionato di jazz. Stephane Belmondo, gode di una grande popolarità nella sua patria francese.

“Il risultato è consapevole della tradizione, è artistico e maturo in termini di rigore musicale.”

(Jazzthing, settembre / ottobre 2016)

“Entrambi comprendono l’arte di ascoltare e interagire, ed è per questo che riescono su questo album con musica che è piacevole ed esigente per l’orecchio.” (Audio, nov. 2016)

 

 

A seguire          “The Sound of us” Rosario Bonaccorso con Fulvio Sigurtá e Olivia Trummer

            Rosario Bonaccorso presenta il suo nuovo Trio “The Sound of us”, al suo fianco troviamo la rivelazione europea Olivia Trummer (piano e voce) e il virtuoso Fulvio Sigurtà (tromba/flicorno).

Il noto contrabbassista ligure di origine siciliana, che per tanti anni ha collaborato stabilmente con tanti grandi nomi del jazz italiano, come Enrico Rava, Stefano Di Battista, Dado Moroni, Fabrizio Bosso, Danilo Rea, Roberto Gatto … e che ha suonato con artisti del panorama internazionale come Pat Metheny, Michael Brecker, Benny Golson, Joe Lovano, Mark Turner…

e molti altri, da oltre dieci anni veste l’abito del Band Leader, facendoci scoprire le sue interessanti formazioni e la sua felice penna compositiva. Questo nuovo e particolare trio drumless che ha un impianto quasi cameristico, è un caledoscopio di suoni ed emozioni, è poetico, brillante, sensibile, vivace, lirico, energetico e ci fa scoprire il suono interiore e le grandi affinità musicali dei tre artisti, che sanno fondersi insieme nelle composizioni del contrabbassista. La talentosa Olivia Trummer porta nel trio il suo pianismo fresco e creativo, una sobrietà espressiva condita da guizzi che mettono in luce le sue grandi capacità sulla tastiera al servizio di un sensibile gusto melodico che ben si fonde con le innate linee guida di Rosario Bonaccorso.  Tra le particolarità del suono del trio, si nota l’utilizzo delle voci, quella di Olivia Trummer e dello stesso Bonaccorso, che in alcuni brani diventano due stimolanti strumenti. La tromba di Fulvio Sigurtà completa il suono perfetto per questa formazione, un suono che affascina per scelta di timbri e dinamiche, per il linguaggio contemporaneo anche intriso di tradizione e per la continua ricerca che l’artista ama sperimentare senza sosta. Sigurtà è anche uno dei componenti del nuovo quintetto di Bonaccorso con cui ha registrato il nuovo cd A New Home, uscito nel maggio 2019. Questo concerto sarà un’occasione imperdibile per conoscere e lasciarsi affascinare dai tre artisti e dal “suono che è in loro”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì 2 luglio           Jany McPherson  solo  e  a seguire  Francesco Fratini Quartet

 

                        Jany McPherson presenta: SOLO PIANO                            

L’affascinante pianista e cantante cubana Janysett Mc.Pherson, porta al Percfest il suo carico di jazz e di suoni e ritmi cubani . Dopo una brillante carriera di studi musicali a Cuba dove riceve il premio Adolfo Guzman e dove collabora con prestigiosi musicisti come Omara Portuondo &

Orchestra Buena Vista Social Club, viene notata dal famoso produttore francese Yves Chamberland (che ha prodotto Nina Simone, Henri Salvador, Michel Petrucciani, Richard Galliano..) Nel 2011 registra il suo primo album in Francia, sostenuto da prestigiosi musicisti come Didier Lockwood, Andy Narell, Michel Alibo, Olivier Louvel. Ospite regolare di Festival

internazionali in USA, Finlandia, Messico, Cina, Pérù, Emirati Arabi, Paesi Bassi, Spagna, è una della più rappresentattive cantanti e musicisti della scena jazz di oggi. Janysett Mc Pherson è una grande donna di spettacolo e straordinaria esecutrice, un potente mix di musica latino americana, jazz e canzoni, al servizio di una cantante di livello mondiale. La sua imponente

padronanza del Strumento (è stata direttrice della sezione classica a Cuba n.d.r.) e la sua capacità improvvisativa, le permettono di spaziare brillantemente nel vasto repertorio della musica jazz e della musica contemporanea. Al Percfest presenterà il suo ultimo lavoro musicale, l´esclusivo cd SOLO PIANO

 

 

A seguire          Francesco Fratini Quartet “The best of all possible worlds”

             (In collaborazione con Jando Music 10 Years Celebration) Francesco Fratini – Tromba, Domenico Sanna  -Pianoforte, Giuseppe Romagnoli – Contrabbasso, Matteo Bultrini – Batteria         

Il trombettista Francesco Fratini presenta il suo nuovo progetto discografico ”The best of all possible worlds” edito dalla rinomata etichetta discografica Jando Music che nel 2021 festeggia i dieci anni dalla nascita.

La musica rappresenta il migliore dei mondi possibili, un territorio di infinita ricchezza che Francesco Fratini esplora senza sosta tra Roma e New York, città diverse e simili che hanno ispirato tutti i brani dell’album. Provenienti da esperienze formative eterogenee, Francesco Fratini e i suoi partner musicali collaborano per anni come sidemen in diverse formazioni, per

ritrovarsi finalmente uniti in questo nuovo progetto. Il gruppo nasce e cresce a Roma e l’idea è quella di un ensemble dove la musica stessa costituisca il fulcro della narrazione, e dove ogni membro del gruppo fornisca, in uguale misura, il proprio contributo al libero sviluppo della  reazione musicale. E ciò grazie alla profonda amicizia e stima che lega i componenti del quartetto e alla varietà delle composizioni proposte. Luoghi, persone, idee: il repertorio rigorosamente originale del gruppo si configura come fortemente evocativo e volto alla comunicazione musicale di tali suggestioni. Ciò che ne risulta è un suono compatto e determinato, espressione della civiltà urbana che fa da scenografia alle nostre quotidianità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sabato 3 luglio  Olivia Trummer solo e a seguire Rosario Bonaccorso Travel Notes 4tet con Fabrizio Bosso

                        Olivia Trummer, pianoforte e voce “Close to You”

La talentuosa cantante e pianista Olivia Trummer, tedesca di Stoccarda formatasi come pianista classica e successivamente avvicinatasi al jazz anche grazie a proficui studi alla Manhattan School of Music di New York è stata già ospite del Percfest, ottenendo un grande successo personale di pubblico e di critica.

La sua musica spazia con naturalezza dalla classica al jazz passando per lasfera del singer-songwriter, emanando un’aria di ottimismo e leggerezza conditi dal grande virtuosismo del suo pianismo. I suoi testi hanno una prospettiva molto particolare e personale, incentrati sull’amore e sulla fantasia. Un concerto che saprà affascinare per intensità e ricercatezza.

 

A seguire          Rosario Bonaccorso Travel Notes Quartet Featuring la Jazz Star Fabrizio Bosso

A dieci anni dalla uscita sul mercato internazionale del Cd “In Cammino” del suo gruppo “Travel Notes”, con Fabrizio Bosso, Andrea Pozza e Nicola Angelucci … Rosario Bonaccorso ha deciso di festeggiare in musica questo importante anniversario!

Nel 2021 continuerà la “Reunion Limited Edition Tour” del suo quartetto Travel Notes, dove si potranno ascoltare di nuovo insieme questi quattro grandi artisti .. “dieci anni dopo”.

Sará una rilettura entusiasmante delle composizioni di Rosario Bonaccorso, suonate, registrate e vissute dieci anni fa col quartetto Travel Notes, con cui il contrabbassista si è presentato con successo alla critica ed al pubblico di tanti Festivalitaliani ed europei, nella sua allora nuova veste di compositore e Band-leader. La presenza di Fabrizio Bosso, grande star del Jazz italiano, arricchisce ancor piú la magica alchimia del quartetto.

Bosso trova nella musica di Bonaccorso complementi espressivi che ne valorizzano la

brillante tecnica e la raffinata sensibilitá. Un quartetto che entusiasma per vitalitá, poesia

e comunicazione.

“ ..Italiani che suonano in italiano, senza scavarsi fosse nel mainstream americano o nell’idioma scandinavo. Il recupero della propria lingua musicale epurata dalle – oramai – noiose anglofonie ed

emulazioni ologrammatiche. Rosario Bonaccorso di viaggi ne ha fatti a bizzeffe: al fianco di buona parte

dell’intellighenzia jazzistica mondiale a tutti nota, sempre mettendosi in luce quale ottimo comprimario..“

“ ..Bonaccorso recupera tutto quanto di bello c’è nella storia italiana, della musica e del jazz: quelle

cadenze così autorevolmente melodiche e ricche di humus italico (“Earth Kiss”; “Mister Kneipp”) senza

copiare nessuno, ma solo attingendo dal proprio passato, dalle radici. Ed è questo il valore aggiunto di questo disco: sincero e bello veramente…” (a cura di Alceste Ayroldi)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 4 luglio           Emanuele Cisi & Eleonora Strino  e   a seguire    Jesse Davis 4tet

 

                        Emanuele Cisi & Eleonora Strino  “Tea for Two”

La formula del duo è particolarmente amata da Emanuele Cisi, sicuramente tra i più apprezzati sassofonisti italiani da tempo inserito nella scena sassofonistica mondiale. Ne esalta le già note qualità, conoscenza della tradizione, un solido e trasparente senso dell’invenzione e dello swing, una tecnica straordinaria. La libertà di una formazione in duo è un terreno ideale che consente al sassofonista di elaborare le proprie improvvisazioni intorno a brani originali  ispirandosi ai grandi song della storia del Jazz.

Per l’occasione del concerto al Percfest, Emanuele Cisi invita al suo fianco la giovane e apprezzata nuova star della chitarra jazz in Italia, la talentuosa Eleonora Strino, che si sta facendo apprezzare da pubblico e critica anche in campo europeo.

 

A seguire          Jesse Davis Quartet feat. Andrea Pozza, Aldo Zunino, Nicola Angelucci

Concerto per celebrare i 101 anni dalla nascita del mito del sassofono jazz Charlie Parker

Jesse Davis proviene da New Orleans, la città del Jazz per antonomasia . Dopo gli studi con Ellis Marsalis ed Ira Gitler si è creato una grande reputazione grazie ai tanti successi consolidati sul campo. Attivo fin dai primi anni ’90 con propri gruppi, oltre ad incidere con Brad Mehldau, Ron Carter e Peter Bernstein, ha collaborato con Jack McDuff, Kenny Barron, Cedar Walton, Phil Woods, Charles McPherson, e Gary Bartz, e, fra i rappresentanti della generazione post bop dei young lions, cui appartiene, Nicholas Payton e Roy Hargrove. Altosassofonista nella tradizione di Charlie Parker e Cannonball Adderley, Jesse Davis possiede un suono profondo e magnetico, sviluppato attraverso un fraseggio articolato che evita gli estremi per concentrarsi sull’intensa espressività.

Per chi ama le notizie parallele, Jesse Davis non è sfuggito a Robert Altman che nel 1996, conquistato dal suo straordinario suono del sassofono, lo ingaggia per il film ‘Kansas City’. Il pianista Andrea Pozza, Aldo Zunino al contrabbasso e Nicola Angelucci alla batteria comple-tano questo quartetto. Per i tre artisti non si contano le collaborazioni di livello internazionale, da Pat Metherny a Jimmy Cobb, Scott Hamilton , Michael Brecker, Clark terry, Benny Golson, Enrico Rava, Stefano Di Battista etc etc… Questo concerto ci riporterà nel suono della New York degli anni 50’ al tempo del Be Bop, Jazz puro, vivo, intenso!

Madre di tutto il Jazz contemporaneo.

 

Sará un’edizione piú che mai attesa  dai tantissimi appassionati del Percfest, amanti del jazz di qualitá.

 

Tutti i dettagli sul sul programma dei concerti e le informazioni sull´acquisto dei biglietti Percfest 2021 sul sito: www.percfest.it

Non resta che pre-ordinarli, per evitare le limitazioni dei posti legati alla normativa vigente.