“Redzone”, Francesca Baraghini racconta il mondo che cambia e la vita che scorre

Stile caustico e ritmo incalzante. Francesca Baraghini è protagonista di Redzone“,episodi della durata di circa 15 minuti che offrono un punto di vista inedito e soprattutto originale su ciò che accade nel mondo.

Un modo interessante per riflettere sulla vita che scorre velocemente anche in tempi di emergenza pandemica. E Francesca Baraghini, giornalista ligure, ci riesce benissimo. Uno sguardo circolare per una giornalista ligure appassionata di esteri e di attualità. Francesca Baraghini, da alcuni mesi conduce un nuovo tg su TV8, il TG8 alle ore 12, racconta i fili nascosti che legano economia e geopolitica e che toccano – o toccheranno – la vita di tutti noi.

L’ultimo episodio è disponibile dal 9 febbraio è Hey you: come cantano i Pink Floyd. Su Redzone la giornalista racconta la “Guerra del lavoro” che cambierà il mondo e il futuro di tutti, perché l’automazione accelera e mangia posti di lavoro.

Francesca Baraghini prima di trasferirsi a Milano e Roma, ha lavorato a Primocanale, al Secolo XIX e a Radio Babboleo. Ma Francesca ha anche lavorato a La Gazzetta dello Sport con “Gazzetta Tv”, Sky Sport e “Tiki Taka News”, a Mediaset.

Red Zone” è prodotto da Dopcast, produttore di podcast e vodcast nato dalla sinergia tra Sony Music e MNcomm, ed è disponibile sui principali canali di distribuzione: Apple, Podcasts, Spotify, Google Podcasts, Castbox, Overcast, Pocket Casts, Podcast Addict e Stitcher.