“Juncker”, la App che ci aiuta a smaltire meglio i rifiuti di casa

La raccolta differenziata è certamente uno degli strumenti che maggiormente contribuisce al riciclo ed allo sviluppo del nuovo modello circolare di economia. Purtroppo il successo relativamente modesto di questa raccolta deriva da aspetti organizzativi nella gestione dei rifiuti; ma anche dai cittadini che o non la rispettano per mancanza di responsabilità civile o per ignoranza. A plastica e vetro ci arriviamo; ma dinnanzi al cartone del latte o alla scatola del panettone restiamo interdetti per la scelta del contenitore per la loro destinazione.

C’è ora una app che ci aiuta moltissimo: in pochissimi e rapidissimi passaggi individua i materiali di cui sono composti i nostri rifiuti e ci indica come smaltire correttamente: così ad esempio il nostro cellulare su cui abbiamo scaricato la app, posto dinnanzi ad barattolo di marmellata invidiare la componente vetro e quella metallica del tappo fornendo anche la mappa dei punti di raccolta. Grazie ad un database di quasi 2 milioni di prodotti; Juncker consente di separare correttamente i rifiuti di casa inquadrano il codice a barre o, in caso di prodotti sfusi, scattando una foto.

Con una combinazione di algoritmi il sistema riconoscerà l’oggetto e risponderà inviando le informazioni sulla composizione del prodotto e quindi sulla sua collocazione come rifiuto differenziato. La app si arricchisce man mano che viene usata giorno dopo giorno le fotografie ed i riscontri degli utilizzatori(circa 2000 l’anno) arricchiscono il patrimonio di dati. Questi ad oggi sono molto incoraggianti: dalla nascita della app 40 milioni di ricerche. Giusto ricordare le fondatrici sorelle De Santis, premiate dal testimonial della noprofit verde Kyoto Club. La app è stata tradotta in 10 lingue ed è accessibile anche ai non vedenti.

da AK Informa “ Quindicinale ”
Clima Ambiente Società