É morto Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh

All’età di 72 anni muore un’icona della musica italiana: Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh.

Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh, è morto in ospedale a Roma ieri sera, all’età di 72 anni.

Già malato, le sue condizioni sono peggiorate in seguito al contagio da Covid.

É stato Roby Facchinetti in un post sui social a dare la drammatica notizia. “STEFANO CI HA LASCIATO! Due ore fa… era ricoverato da una settimana e per rispetto non ne avevamo mai parlato. Oggi pomeriggio, dopo giorni di paura, sembrava che la situazione stesse migliorando… poi, stasera, la terribile notizia”, l’addio in un post firmato dagli altri componenti del gruppo, Roby Facchinetti, Red Canzian, Dodi Battaglia, Riccardo Fogli.
“Abbiamo perso un fratello, un compagno di vita, il testimone di tanti momenti importanti, ma soprattutto, tutti noi, abbiamo perso una persona per bene, onesta prima di tutto con se stessa.
Preghiamo per lui. Ciao Stefano, nostro amico per sempre…”.

Con la storica band era tornato sul palco, tra il 2015 e il 2016, per la reunion nel cinquantennale della carriera, con un passaggio con tifo da stadio al Festival di Sanremo. Poi l’abbraccio lunghissimo dei fan suggellato il 31 dicembre dal trionfo alla Unipol Arena di Bologna. Nella notte tra venerdì e sabato il dramma.

(Foto dal profilo Facebook del cantante)