Diminuisce il consumo del vino, allarme dal Consorzio del Vino Chianti

Un tracollo nel consumo del vino del 70%, è il costo stimato dell’ultimo decreto del Governo che chiude i locali alle 18. E’ l’allarme lanciato dal Consorzio Vino Chianti, che riunisce 3.000 produttori per 15.500 ettari di vigneto per una produzione di 800mila ettolitri e diffuso via Askanews.

“Il 70 per cento del vino si consuma dall’aperitivo in poi – spiega il presidente del Consorzio, Giovanni Busi – è un colpo durissimo al settore. Tutto questo senza considerare che i ristoratori, i locali e le enoteche si sono adattati puntualmente ad ogni disposizione, accogliendo i clienti in totale sicurezza. Hanno fatto sacrifici economici importanti, anche indebitandosi ulteriormente, pur di restare aperti”.