Agrifood: a Smau si valorizza il Made in Italy

Tra tecnologie che migliorano la qualità e la sostenibilità delle coltivazioni, soluzioni per la competitività delle aziende e innovazioni per la tracciabilità dei prodotti, il digitale si fa sempre più strada nel settore agroalimentare italiano. Il mercato italiano dell’Agricoltura 4.0 continua a crescere, la situazione attuale inoltre, sta spingendo con forza la digitalizzazione, amplificandone la necessità in molti ambiti.

A Smau, il 20 e 21 ottobre al Mico, FieraMilanoCity, saranno in programma numerosi eventi e momenti di incontro dedicati al tema. Inoltre, startup e imprese che supportano le aziende nella loro trasformazione digitale saranno le protagoniste dell’area espositiva, oltre ad un programma di Smau Live Show che racconterà esperienze, strategie e premierà le realtà più virtuose con il Premio Innovazione Smau.

Agricoltura sostenibile, blockchain per tracciare la qualità, App per l’etichettatura e IoT al servizio della panificazione

L’eccellenza italiana per l’agricoltura sostenibile vede impegnata Sirti con il caso di successo Planet Farms: il progetto consiste nella realizzazione del più grande e innovativo stabilimento di Vertical Farming in Europa. Lo straordinario mix di tecnologia, innovazione ed expertise impiegati in questo primo impianto consentiranno di coltivare ortaggi in maniera sostenibile ovunque nel mondo, in ambienti puri e controllati, senza pesticidi e a KM 0, traguardando obiettivi di estremo risparmio di risorse naturali. In questo contesto di eccellenza nell’agricoltura, la tecnologia (automazione, IoT, smart lighting, big data analytics e blockchain) rappresenta una piattaforma abilitante e un moltiplicatore di potenzialità, che non solo renderà possibile ottenere prodotti di qualità e purezza senza pari, ma aprirà la strada alla creazione di nuove economie locali, e formazione di nuove figure professionali esperte al contempo di agricoltura e tecnologia.

Garantire la tracciabilità e l’autenticità della filiera produttiva attraverso la tecnologia blockchain: è questa la scommessa (vinta) di Fratelli Corrà, storico salumificio della Val di Non, premiato allo Smau che si è affidato alla startup svizzera Genuine Way. Un progetto sfidante e coltivato proprio negli ultimi mesi: attraverso un semplice QR Code il consumatore può accedere alla carta d’identità del prodotto risalendo l’intera catena della filiera. La blockchain si sta rivelando anche uno strumento prezioso per lo storytelling, perché oltre a offrire informazioni si possono raccontare la storia e i valori di autenticità e ricerca costante della qualità che si celano dietro a ogni prodotto.

Innovare un prodotto come la pasta, che è il piatto principe della dieta mediterranea ed è presente da sempre sulle tavole degli italiani è la mission di Miscusi, premiata quest’anno a Smau. Un grande lavoro di ricerca e sviluppo, dalla ricerca di farine di grani antichi, facilmente digeribili, di legumi ma anche spaghetti di verdure. Miscusi ha esteso questo processo anche ai condimenti scegliendo prodotti stagionali e consigliando abbinamenti non convenzionali. Ma non finisce qui, hanno ampliato il proprio modello di business con Bottega, online e in store, per portare gli ingredienti di Miscusi nelle case dei clienti. Ma tutto questo non bastava e dato vita al progetto di una farm che sarà operativa nella primavera 2021 nella quale faranno ricerca e sviluppo, seminari, incontri e instaureranno un contatto ancora più stretto con i produttori. Un magazzino automatico industria 4.0 per una logistica automatizzata e all’avanguardia per velocizzare e migliorare i processi: questo il caso di successo di Caffè Pellini. La manutenzione predittiva e i nuovi software hanno migliorato la gestione del lavoro, aumentato flussi e rendimenti per un magazzino no-stop. Un’azienda dal respiro internazionale, che offre il suo caffè ad un pubblico sempre più vasto ed esigente.

Una spesa online sicura e conveniente è la risposta di Sole 365: una filosofia di vendita che pone al centro la clientela, anche online, e il rapporto con il territorio. Puntando non solo sui prezzi e sulla qualità dei prodotti, ma anche sull’organizzazione degli spazi fisici e digitali, sugli orari e sull’esperienza di acquisto. Un servizio realizzato in collaborazione con CosìComodo, per fare la spesa online scegliendo se far avvenire la consegna all’interno del punto vendita o a casa. Il tutto con un’interfaccia di acquisto intuitiva, che memorizza gli ultimi acquisti effettuati, favorendo le persone che hanno un’abitudine di acquisto consolidata, ma che può essere utilizzata anche da persone che possono dedicare poco tempo alla spesa, anche online.

Tra le aziende premiate la Rete Ovinicoltori Siciliani che ha deciso di implementare la tecnologia blockchain per tracciare la provenienza di latte e materie prime e favorire l’internazionalizzazione. Il consumatore finale potrà dunque conoscere come vengono nutriti gli animali, dove vengono allevati, la qualità e la quantità delle erbe che compongono i pascoli, che costituiscono la base della razione alimentare. Tutto è inserito in una blockchain pubblica, passaporto digitale immutabile, certo e sicuro.

Molte aziende del settore alimentare sottovalutano l’impatto della fase di etichettatura sui costi e sui tempi di processo. IPSA, anch’essa premiata, ha sviluppato Foodoc, un applicativo che utilizza un editor web per progettare il layout personalizzabile dell’etichetta e posizionare gli elementi all’interno dello spazio di lavoro. Inoltre, gestisce in automatico le scadenze del prodotto, a partire dalla data di produzione e consente di implementare, aggiornare e validare le traduzioni, coinvolgendo direttamente il cliente straniero a cui il prodotto è destinato. I tempi di gestione delle informazioni tecniche di prodotto sono dimezzati, anche in presenza di continui aggiornamenti. La conformità tra i vari documenti cartacei e digitali resi pubblici è garantita, perché le informazioni su etichette, certificati e schede prodotto sono sempre allineate e hanno la medesima fonte.

Connecting Food, grazie alla tecnologia blockchain fornisce in tempo reale la totale tracciabilità dei prodotti e ne verifica la qualità, assicurando che ogni attore della filiera rispetti gli impegni presi. Il sistema viene utilizzato da Coop Italia, caso di successo a Smau Milano, tra le maggiori reti di distribuzione italiana, con più di 1400 punti vendita in tutto il paese, rende possibile associare alla tracciabilità un modulo di controllo qualità digitale, sempre nell’ambito della stessa piattaforma.

Startup innovative in Italia: il meglio dell’ecosistema a Smau

Ampliando lo sguardo all’intero settore, di nuove idee e ricerca continua di soluzioni innovative si occupa Rost con Saturno 2, l’innovativo motocoltivatore per orti e serre. Dotato di una batteria a litio coniuga la modernizzazione con il rispetto per l’ambiente auspicando così un ritorno alla natura e alla tradizione. Il macchinario multifunzione, grazie a questa duttilità, riesce a svolgere una vasta gamma di compiti ed è idoneo all’uso nelle situazioni più disparate: dalle serre ai terreni più impervi e duri, dagli agriturismi ai vivai, lavorando senza emissioni di gas e ad un ridottissimo impatto sonoro.

La vision di Bitblocks è quella di migliorare la qualità della vita e del tempo a disposizione delle persone, grazie alla tecnologia blockchain. Il mercato di riferimento è rappresentato dall’universo di operatori che identificano qualità, trasparenza, tracciabilità e certificazione come elementi distintivi della capacità di penetrazione commerciale di un prodotto agroalimentare. Con l’iniziativa “Pelato in rete” hanno applicato questa tecnologia alla filiera del pomodoro pelato. Offrendo un vantaggio al consumatore finale: potrà verificare le informazioni legate alla filiera del prodotto, dall’origine fino al punto vendita, passando per le varie lavorazioni. La domanda di alimenti sani, alimentazione biologica e sostenibilità ambientale sono i temi affrontati da HORTObot, startup proveniente dalla Valle d’Aosta. Opera nel settore dell’orticoltura di precisione 4.0, con macchinari altamente specialistici, la sua multidisciplinarità risponde alle priorità degli operatori, del mercato e dei consumatori. Smartisland ha sviluppato Smart Farm, un sistema informatico dedicato alle industrie agroalimentari, capace di prevenire eventuali malattie, stress idrici e di monitorare lo stato di salute delle coltivazioni grazie a fotocamere multispettrali.

L’innovativo software di vision farming fornisce alle imprese informazioni su: rese, consumi energetici, analisi dei processi, controllo delle risorse umane e controllo delle risorse finanziarie. Tra le realtà innovative con la missione di rendere smart il mondo della panificazione non industriale troviamo MasterBiga una startup innovativa proveniente dalla Regione Marche. Dotata di un innovativo software per la gestione di impasti integrati in una app con la quale è possibile gestire in modo ottimale il proprio composto senza l’uso di attrezzatura professionale.

L’applicazione è inoltre integrata con un sensore IoT per il calcolo in tempo reale della maturazione degli impasti al variare delle condizioni ambientali. La versione gratuita dell’app ha già registrato circa 30 mila download in 138 Paesi. Per aiutare le persone con intolleranze alimentari e bisogni specifici dalle Marche arriva Lactosolution: basta una sola compressa prima di un pasto contenente lattosio per digerire bene senza manifestare i sintomi dell’intolleranza al lattosio. Attualmente in sviluppo hanno Nutry, una app che sarà in grado di offrire integratori personalizzati sulle singole esigenze sfruttando l’analisi dei dati per suggerire una dieta corretta e uno stile di vita sano.

Completamente automatici per l’irrigazione e l’illuminazione, dotati di una speciale lampada brevettata con tecnologia spaziale: sono gli orti urbani di Biopic. Facile, versatile e super ecologico per godersi il piacere del profumo delle erbe aromatiche e dei fiori in casa o ufficio tutto l’anno. Un frantoio siciliano è l’artefice di BioSpremi®, un innovativo sistema di estrazione olearia economica e sostenibile. AMV Idealab punta alla valorizzazione delle risorse storico-artistiche, naturalistiche ed enogastronomiche dell’Italia tramite “Ttattà Go”, la chatbot (disponibile su Telegram e Facebook Messenger) che, tramite l’impiego di intelligenza artificiale, machine learning e data analysis, risponde in maniera immediata e geolocalizzata alle richieste dell’utente su cosa fare, vedere e mangiare.  Innovare la strumentazione disponibile per favorire l’export nel settore agrifood è la mission di Wade World Network che porta sul mercato Tigle, la piattaforma per la consulenza e il matching tra produttori italiani e importatori stranieri. Soonapse si occupa di Intelligenza Artificiale e di IoT. Nel settore AgTech presenta il suo servizio Ploovium® per la Smart Irrigation, permettendo di risparmiare fino al 50% di acqua e dei costi generali di irrigazione.

Espace Elab si occupa di ricerca in campo agrifood e medicale. L’unita di ricerca Heart nasce con l’intento di ampliare le conoscenze scientifiche di base in ambito agroalimentare e nutraceutico. Usando la tecnologia di ultima generazione per aumentare la produttività agricola, riducendo l’impatto ambientale e garantendo un uso sostenibile (e ottimizzato) delle risorse.

Inventu con l’applicazione Zappami, permette a tutti coloro che dispongono di un terreno nel quale sono presenti delle risorse agricole incolte o non manutenute di renderle disponibili condividendole con persone, gruppi, scuole, associazioni, altre aziende agricole. L’offerta non è limitata ai terreni, e si estende a macchine agricole, attrezzature, impianti, capanni, pozzi.

Momenti pubblici di rilascio e tavoli di lavoro dedicati alle soluzioni innovative al servizio dell’agricoltura si avvicenderanno per tutto il corso della manifestazione per riunire tutti i potenziali attori dell’innovazione presenti nel territorio e favorire occasioni di co-innovazione. Si condivideranno esperienze in corso e si discuterà delle strategie di innovazione e sviluppo, al fine di facilitare incontri one-to-one tra i protagonisti.