Smau Milano il 20-21 ottobre a Fieramilanocity

Con una nuova edizione, fisica e digitale, Smau torna a fianco delle imprese italiane che hanno confermato la loro presenza con entusiasmo e partecipazione, riconoscendo l’evento come la principale piattaforma di business matching in Italia e riaffermando l’evento in presenza come il canale preferenziale per fare business.

Open innovation e co-innovazioneinternazionalizzazione e formazione (tutta digitale): l’edizione in programma il 20 e 21 ottobre al Mico, FieraMilanoCity, parla soprattutto agli Innovation Manager e a quelle figure che si occupano di innovazione in azienda, perché sono loro che in questa fase delicata hanno in mano le redini del cambiamento.

Quest’anno a Smau incontrerete imprese che si occupano di sanità, mobilità, economia circolare, efficientamento energetico, cultura, salute e benessere, fintech, risorse umane e nuove modalità di approccio nei confronti dell’innovazione. E realtà dal calibro di Acea, E.ON, Hera, fra le multiutility, la mobility con FS Italiane, SAGAT – Torino Airport, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio – Porto di Taranto, Trenord e Mercedes-Benz. E poi ancora Angelini, Chiesi Farmaceutici, Corden Pharma Latina e Sanofi, il food con Barilla, Caffè Pellini, Coop Italia, MiScusi e la manifattura con Elica, Faber, Simonelli e SCM Group. E il retailer QVC ma anche i player tecnologici Cisco, Olivetti e Sirti attivi in più ambiti innovativi.

Con la presenza, inoltre, di ICE-Agenzia e l’evento Italia RestartsUp, un incoming di operatori internazionali interessati ad entrare in contatto con l’ecosistema italiano dell’innovazione: corporate e abilitatori che operano sui mercati esteri e desiderano conoscere startup e player dell’innovazione del nostro Paese.

A sostegno dell’ecosistema dell’innovazione dei loro territori, insieme alle Regioni, a Smau saranno presenti le migliori 100 startup provenienti da Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Trentino e Valle D’Aosta.