Aria buona, sport e relax, estate alla scoperta dei piccoli borghi

Aria buona, sport e relax. In questa strana estate, arrivata dopo mesi di ansie e lockdown, sono tanti gli italiani che hanno optato per vacanze diverse dal solito, in montagna, nel verde e alla riscoperta dei piccoli borghi. Dall’Abruzzo alla Basilicata fino al Friuli Venezia Giulia, i paesi più piccoli stanno registrando un vero e proprio pienone.

A Villetta Barrea, nel cuore del parco nazionale d’Abruzzo, la sindaca Giuseppina Colantoni è quasi incredula: “Da diverse settimane siamo presi d’assalto. L’anomalia, sicuramente dovuta al Covid, è che il solito pienone delle due settimane centrali di agosto è iniziato con largo anticipo. Gli abitanti di Villetta Barrea sono 600, in questo momento in paese ci saranno 3.500/4.000 persone”. Attorno al lago di Barrea la convivenza stretta con la natura si misura nella possibilità, non rara, di “imbattersi” in daini, cervi, o addirittura orsi o lupi. Tra le attività più praticate, oltre alle camminate in montagna, ci sono le passeggiate a cavallo nella Camosciara (non prima di essersi disinfettati le mani e indossato una protezione sotto il casco).

A Pietrapertosa, in Basilicata, a sbancare è stato “il volo dell’angelo”, il percorso sospesi a una fune tra le dolomiti lucane per chi vuole provare il brivido delle altezze: “Rispetto all’anno di massima presenza – il 2017 – le prenotazioni di luglio sono state maggiori di gran lunga e quelle di agosto sono già il 25% in più rispetto a tre anni fa. Numeri impressionanti che non ci aspettavamo, anche perché mancano i turisti stranieri”, riferisce il sindaco Nicola Valluzzi. Per accogliere tutti il campo sportivo del paese è diventato un parcheggio ed è stato creato un servizio di navette per gestire i passeggeri delle “400-500 macchine che ogni giorno arrivano al paese”.