“Di efferati delitti e d’altre storie macabre” il nuovo libro di Fabrizio Ghilardi

“Di efferati delitti e d’altre storie macabre” di Fabrizio Ghilardi, uscito a luglio per Idrovolante Edizioni, non è solo una raccolta di racconti a metà tra l’onirico e il magico, è anche un compendio: nelle storie dalle atmosfere gotiche raccolte da Ghilardi entriamo in contatto con molti aspetti culturali spesso poco battuti nella narrativa.

Storie a tinte fosche che hanno per protagonisti gli ultimi soldati rimasti alla corte del Papa nei giorni immediatamente precedenti alla presa di Roma da parte dei garibaldini, guerre di cui ormai si è persa la memoria ed altre di cui invece si hanno poche istantanee inedite, chiese capitoline – e non solo – descritte nel minimo dettaglio e con piacevoli digressioni sulle origini delle tradizioni religiose, il tutto in un’atmosfera che ricorda molto il “gotico americano” di Robert Bloch. Insomma, tra i racconti di “Di efferati delitti e d’altre storie macabre” l’occulto si apre ad altre forme di conoscenza.