Cento milioni di euro per far ripartire la nautica da diporto

Cento milioni di euro per far ripartire la nautica da diporto, grazie ad un accordo concluso tra l’Associazione Filiera Italiana della Nautica e l’istituto bancario BCC.

ùA concludere il patto il presidente di Afina, Gennaro Amato ed Amedeo Manzo, presidente Banca di Credito Cooperativo di Napoli e della Federazione campana delle banche di credito cooperativo. Spiega Amato: “Ho ereditato la presidenza dell’associazione con 25 iscritti ed un deficit amministrativo, oggi siano oltre 250 e il bilancio associativo è in attivo, ma ho sempre cercato di vedere le cose in un determinato modo, superando le difficoltà e gli ostacoli – afferma Gennaro Amato -. Puntare su alleanze e persone fattive è il principio del mio operato. Questa volta penso di aver centrato un buon risultato, perché con il gruppo bancario Bcc abbiamo trovato, anche grazie al presidente Manzo, un’intesa che ci consentirà di crescere ulteriormente”. I 100 milioni di euro per l’industria nautica campana, che si sviluppa su oltre 500 chilometri di costa con i suoi 29 porti ed oltre 150 aziende costruttrici, giungono proprio all’indomani del lockdown per offrire a tutto il territorio chances di rapida ripresa.

“La nautica è un comparto molto importante, sia in Italia sia in Europa, ma in particolare in Campania, e a Napoli, l’industria nautica è un’industria di assoluto rilievo – conferma Manzo – che raggruppa un movimento economico di assoluto rilievo. Anche grazie al rapporto con la nostra banca corporate Iccrea BancaImpresa vogliamo sostenere tutti i progetti di crescita, quindi acquisti di capannoni, ristrutturazioni, acquisto di macchinari, ma anche circolante per le aziende che si occupano di nautica, sia nella fase costruttiva che nella fase manutentiva, tutto il mondo connesso a quello dei motori, finanziando anche eventuali esigenze di circolante”.