La storia di Roberto Baggio diventa un film

Roberto Baggio avrà una storia a lui dedicata. Sarà rodotta da Mediaset e Netflix. Un biopic vero e proprio che uscirà quest’anno e ripercorrerà le tappe salienti della carriera del più trasversale e del più amato dei campioni italiani di questi ultimi cinquant’anni.

La pellicola si chiamerà «Divin Codino», perché quello è stato il soprannome più famoso di super Roby. Il film coprirà i ventidue anni di carriera di Baggio, dagli inizi nel Lanerossi Vicenza (Roby è nato in un paese della campagna veneta: Caldogno) fino all’addio, con la maglia del Brescia.

Nel mezzo la sua straordinaria avventura che ha reso felici noi «mendicanti di bellezza», e quindi le stagioni con la Fiorentina, il primo amore, con la Juve degli anni ’90, con il Milan e l’Inter, con il Bologna nell’anno della rinascita. E ovviamente ci sarà il capitolo dedicato alla nazionale.

Baggio ha giocato tre Mondiali: nel 1990 è stato la stella delle «Notti Magiche», nel 1994 ha calciato alle stelle il rigore decisivo nella finale con il Brasile e nel 1998 si è consegnato alla Storia del Calcio con un tramonto da campione assoluto, nonostante una squadra non all’altezza della sua fama.