A settembre torna la Milano Arch Week

Dopo il notevole seguito registrato dalla Milano Arch Week Marathon il 16 maggio 2020, maratona in live streaming dedicata a Milano e alle sfide che la città deve affrontare dopo la pandemia, dal 18 al 20 settembre è in programma la quarta edizione Milano Arch Week che torna con una formula dove la dimensione “live”, nelle sedi di Triennale Milano, Politecnico di Milano e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, dialoga con quella digitale.La manifestazione dedicata all’architettura, alle trasformazioni urbane, agli spazi di cittadinanza e al futuro delle città, con la direzione artistica di Stefano Boeri, metterà questa volta al centro la prospettiva femminile sullo spazio, urbano e non, indagandone potenzialità e limiti rispetto alle sfide epocali del nostro presente: dall’emergenza sanitaria alla crisi climatica, dalla presenza sempre più pervasiva della tecnologia alla trasformazione degli spazi e dei luoghi dove crescere, delle forme di cittadinanza e di comunità.Un’edizione che, dando conto della ricchezza delle prospettive delle donne architetto, mira a far emergere in modo bilanciato esperienze e progetti da tutto il mondo. Tra gli ospiti confermati Izaskun Chinchilla (Spagna), Odile Decq (Francia), Elizabeth Diller (Diller Scofidio + Renfro, USA), Anupama Kundoo (India), Momoyo Kaijima (Atelier Bow-Wow, Giappone), Arjun Appadurai (New York University, USA) che terranno delle lecture in live streaming. A queste va aggiunta la lectio magistralis di Juan Navarro Baldeweg – protagonista indiscusso della scuola madrilena e spagnola – organizzata in collaborazione con Fondazione Brescia Musei.Questa edizione di Milano Arch Week sarà inoltre arricchita da una serie di incontri sulla Strategia di adattamento Milano 2020 – che approfondisce lo scenario della ripartenza della città di Milano e propone alcune azioni, immediate o da programmare, nel post Covid-19 – nell’ambito di Milano Urban Center – Idee per Milano 2020, condotti da Lorenza Baroncelli, direttore artistico di Triennale Milano, e a cura dei gruppi vincitori della call Urban Factor di Milano Urban Center.