André Beaufort sceglie Sail Inn Alassio per una serata dedicata allo champagne

E’ una cantina simbolo nel mondo. Situata in uno dei territori più apprezzati dello champagne. Andrè Beaufort ha scelto in esclusiva il ristorante “Sail Inn” di via Brennero ad Alassio per una serata dedicata alle sue bottiglie conosciute in tutto il mondo. L’evento è in programma il 15 luglio ed occorre prenotare i posti a sedere perchè sono limitati.

Fiumi di inchiostro sono stati consumati per descrivere un uomo semplice, senza fronzoli, che grazie ad una perseveranza unica ha fatto del suo modo di fare vino la missione della sua vita. Da Sail Inn ad Alassio sarà una bella occasione per conoscere più da vicino la storia di questa cantina, vera e propria eccellenza mondiale, che ha deciso di non utilizzare nessun prodotto chimico.

 

La certificazione bio arrivata nel 1994 è stata conservata con grande cura. Il lavoro dell’azienda di André Beaufort si è sviluppato cercando di mantenere invariato l’ecosistema attraverso la pratica, se necessaria di omeopatia e aromaterapia.

Ci sono personaggi unici nel mondo del vino, Beaufort è uno di questi. Unico nella conduzione dei vigneti, unico nella raccolta, unico nella vinificazione, unico nel raccontare i sui vini, e unico anche nel suo stile di vita. I suoi terreni vengono lavorati con zappatura superficiale, impianti di compostaggio vegetali miscelati con prodotti organici facendo vivere tanti organismi differenti che lui definisce “operai senza cassa mutua” perché aiutano a respirare le radici bilanciando la vita delle vigne. André, nel corso degli anni, si è spinto anche a sperimentare l’omeopatia, riducendo al minimo l’uso di rame e zolfo e impiegando olii essenziali, composti vegetali e altri preparati di origine naturale per garantire il massimo rispetto del suolo. 

In cantina le bottiglie dei millesimati vengono lasciate sui lieviti… fino a quando non si vendono con una sboccatura à la volèe per far respirare il vino un’ultima volta, infine il dosaggio, con zucchero d’uva concentrato in modo tale che possano essere prodotti 4 tipi di Champagne, Pas Dosè, Brut, Demi-Sec e Doux.