La pandemia Covid-19 avrà un peso enorme sui bilanci del calcio

Una grande abbuffata prima di una delle crisi più gravi della storia. La pandemia Covid-19 avrà un peso enorme sui bilanci del calcio, ma i club possono consolarsi pensando che i guai arrivano dopo un’annata niente male. Secondo la 29° edizione dello studio “Annual Review of Football Finance” redatto dallo Sports Business Group di Deloitte descritta da Italpress, infatti, i campionati europei “big five” hanno generato un fatturato record di 17 miliardi nella stagione 2018/19, in aumento del 9% rispetto all’anno precedente. Il mercato europeo del calcio, nel suo insieme, ha generato un record di 28,9 miliardi di euro.

La crescita è stata trainata dai “big five” dei campionati europei, che hanno beneficiato di ulteriori 700 milioni di euro distribuiti dalla Uefa. In testa sempre la Premier, poi Liga, Bundesliga, Serie A (crescita dei ricavi a 2,5 miliardi di euro) e Ligue 1. I ricavi complessivi dei club della Premier League hanno superato i 5,9 miliardi di euro nella stagione 2018/19, con un aumento su base annua del 7%. In termini di entrate, la Premier League supera del 73% il suo concorrente più vicino, la Liga spagnola.

La crescita delle entrate dei club della Premier League nel 2018/19 ha permesso di spendere risorse aggiuntive per i talenti. Il rapporto salari-ricavi complessivi dei club inglesi è aumentato dal 59% al 61%, mentre gli utili operativi sono diminuiti del 5% nel 2018/19 fino ad arrivare a 935 milioni di euro, comunque il terzo livello più alto mai registrato. Ciononostante, i club della Premier League hanno registrato una perdita al lordo delle imposte di 187 milioni di euro nel 2018/19 – una riduzione di circa 670 milioni di euro rispetto all’anno precedente – a causa della diminuzione degli utili di scambio dei giocatori e delle crescenti spese di ammortamento.

La polarizzazione delle entrate tra e all’interno dei campionati di calcio europei continua a crescere. Questa tendenza sarà probabilmente aggravata dalla pandemia di COVID-19, poiché i club più grandi saranno potenzialmente più protetti dal punto di vista contrattuale rispetto ai club minori, che dipendono molto di più da entrate di giornate di partite e dagli accordi commerciali della singola stagione.

I club della Liga spagnola hanno generato entrate complessive per 3,4 miliardi di euro nel 2018/19. La crescita del fatturato registrata di oltre 300 milioni di euro (10%) nella stagione 2018/19, è la seconda più alta tra i “big five” dei campionati, permettendo a La Liga di superare la Bundesliga (€ 3,3 miliardi) in termini di entrate. I club della Bundesliga hanno conseguito un’impressionante crescita dei ricavi di 177 milioni di euro (6%) per la stagione 2018/19, a seguito dell’aumento dei ricavi delle trasmissioni (19%) poiché la lega ha beneficiato di un aumento delle entrate contrattuali annuali per i diritti interni. Tuttavia, il ritorno precedente alle partite in Bundesliga durante l’interruzione della stagione 2019/20 vedrà probabilmente il campionato tedesco registrare ricavi più alti rispetto alla Liga. Si prevede che la Liga tornerà a essere il secondo campionato d’Europa in termini di entrate dal 2020/21, grazie all’aumento delle entrate per diritti di trasmissione.

In Serie A (2,5 miliardi di euro) e Ligue 1 (1,9 miliardi di euro), si è osservata una forte crescita dei ricavi, con aumenti rispettivamente dell’11% e del 12%. In Italia, l’avvio di un nuovo accordo triennale sui diritti dei media ha comportato un aumento delle entrate delle trasmissioni dell’11%. I club francesi hanno generato ulteriori 110 milioni di euro per le entrate della trasmissione grazie al miglioramento delle prestazioni dei club nelle competizioni Uefa.

L’analisi di Deloitte Sports Business Group prevede che l’interruzione della stagione 2019/20 ridurrà i ricavi dei club della Premier League di circa 1,1 miliardi di euro. Di questi, circa il 50% è definitivamente perso principalmente a causa della perdita di entrate relative alle giornate delle partite e degli sconti sui contratti di trasmissione e commerciali delle gare posticipate e giocate a porte chiuse. Il resto sarà posticipato fino alla stagione 2020/21, a causa del ritardo di quasi un quarto di quella in corso oltre il 30 giugno. Di conseguenza, e nonostante la potenziale interruzione possa continuare nella stagione 2020/21, si potrebbero registrare livelli record di entrate. Dan Jones, partner e capo dello Sports Business Group di Deloitte, afferma: “Prevediamo che l’attuale pandemia di COVID-19 provocherà una significativa riduzione delle entrate e perdite operative nel calcio europeo nei risultati finanziari della stagione in corso. I club devono far fronte a molteplici impatti finanziari, tra cui sconti o ritardi di entrate commerciali e di trasmissione, nonché la perdita di entrate giornaliere e altre entrate relative agli eventi”.

“Il ritorno del calcio – in modo sicuro e ragionevole – è chiaramente importante per limitare l’impatto finanziario che la pandemia ha avuto. I campionati di tutta Europa hanno risposto in diversi modi e con ritmi diversi. Il successo del ritorno di ciascuna lega e la forza delle relazioni di ciascuna con le emittenti e i partner commerciali avranno un impatto potenzialmente significativo e duraturo sulla forza finanziaria di club e leghe. Tuttavia, prevediamo che i piani di riavvio per la Premier League e alcuni suoi pari porteranno a un rapido recupero dei risultati finanziari poiché alcuni ricavi delle trasmissioni 2019/20 verranno spinti nell’esercizio 2020/21, il che potrebbe comportare un anno di entrate eccezionali – continua Jones -. Molto rimane incerto, in particolare per quanto riguarda i tempi e le dimensioni del ritorno dei tifosi negli stadi e l’impatto sulle attività commerciali dei partner commerciali e di broadcaster. L’industria del calcio spera che sia possibile una ripresa V-shape e un ritorno alla relativa normalità finanziaria per la stagione 2021/22”. Oltre ai campionati di calcio europei “big five”, la Premier League russa (RPL) ha mantenuto la sua posizione di sesta lega di calcio più ricca, nonostante un calo delle entrate di 61 milioni di euro (8%).

La turca Süper Lig ha registrato una crescita dei ricavi limitata del 2% in termini di euro e ha marginalmente chiuso il divario con la Premier russa. Le leghe in Belgio, Paesi Bassi e Austria hanno visto aumenti significativi dei ricavi nel 2018/19.

I club belgi della Jupiler Pro League hanno registrato una crescita del 16% a 344 milioni di euro, trainati dalla crescita delle entrate trasmesse dal momento che le società belghe hanno beneficiato di una migliore performance collettiva nelle competizioni Uefa per club rispetto al 2017/18. La stagione 2018/19 ha visto aumentare le entrate del 20% nei club olandesi Eredivisie, mentre la Bundesliga austriaca ha aumentato il numero di squadre concorrenti a 12, incrementando le entrate del 45% a 256 milioni di euro. Tim Bridge, direttore dello Sports Business Group di Deloitte, ha aggiunto: “Mentre la stagione 2018/19 ha visto una crescita in molti dei campionati più piccoli d’Europa, gli impatti di COVID-19, in particolare su quei campionati con una maggiore dipendenza dalle entrate delle giornate di partite, presenta una grande sfida”.