In Italia cresce la vendita di biciclette nel post covid

Un boom nei negozi, nei centri commerciali appena aperti dopo il lockdown, con ordinazioni online che vanno oltre le aspettative.

L’Italia, complice anche la pandemia, riscopre un nuovo modo di spostarsi proiettandosi verso una mobilità più pulita, più rispettosa dell’ambiente. Nei piccoli centri e nelle grandi città «dalla riapertura dei negozi ad oggi, le vendite di bici tradizionali e a pedalata assistita hanno fatto segnare infatti un +60% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso».

Lo riporta in un comunicato l’Ancma, Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori. Nel solo mese di maggio sono stati venduti circa 200mila modelli che complessivamente fanno registrare «circa 540mila biciclette acquistate dagli italiani dopo il periodo di lockdown in tutti i punti vendita presenti sul territorio».

Ad incidere positivamente, segnala Ancma, sono state le misure messe in campo dal Governo che «hanno sicuramente rivitalizzato in modo significativo il mercato e le imprese del comparto che stanno lavorando a pieno regime per rispondere, non senza qualche affanno, in modo adeguato alla crescente domanda che abbiamo registrato in queste settimane».