“La montagna a casa”, riflettori puntati sulle Apuane

Dallo scempio dell’ambiente di pregio delle Apuane causato dall’escavazione del marmo alla storia della Capanna Regina Margherita, fino ad arrivare a due nuovi video-itinerari nel Parco Nazionale dello Stelvio e al racconto di una spedizione “artistica/naturalistica/esplorativa” sulle Alpi. Anche questa settimana è ricca di spunti interessanti la rassegna cinematografica on line “La montagna a casa”, promossa dal Club alpino italiano in collaborazione con Sondrio Festival, Museo nazionale della montagna e Parco Nazionale dello Stelvio.

Sul canale Youtube del Cai andranno in onda quattro film nell’arco di tre giorni. Si inizia oggi (mercoledì 27 maggio) alle 21 con Aut out di Alberto Grossi, al quale seguirà, alle 21:30, Il cantiere sopra le nuvole di Adalberto Frigerio (repliche il giorno dopo alle 17:30 e alle 18). Giovedì 28 maggio full immersion nel Parco dello Stelvio, con i video-itinerari Il giro ad anello in Valle dei Forni alle 21 e Il ghiacciaio della Sforzellina: un laboratorio a cielo aperto alle 21:30, entrambi di Alessandro Rigamonti e Donato Moretti (repliche il giorno dopo alle 17:30 e alle 18). Infine venerdì 29 maggio, sempre alle 21, toccherà a Parasol Peak di Johannes Aitzetmuller.

 

Aut out, film del 2010 ma sempre attuale, intende testimoniare lo scempio patito dal territorio delle Apuane, con quattro milioni di metri cubi di montagna asportati ogni anno, mentre Il cantiere sopra le nuvole(prodotto dalla Commissione cinematografica centrale del Cai, nome precedente dell’attuale Centro di cinematografia e cineteca del Sodalizio) racconta le tre estati (1978, ’79 e ’80) necessarie a costruire l’attuale rifugio, il più alto d’Europa. I video-itinerari sullo Stelvio questa settimana si concentrano entrambi sui ghiacciai, quello dei Forni e quello della Sforzellina, tra segni della Grande Guerra e regresso delle fronti a causa dell’emergenza climatica. Infine Parasol Peakè realizzato in presa diretta con una ensemble di musicisti impegnati in una spedizione sulle Alpi per registrare una serie di brani a varie altitudini e all’interno di diversi ambienti, unendo il suono degli strumenti a quello degli elementi naturali.

Tutti i titoli in programma saranno disponibili sul canale Youtube del Cai in prima visione, a partire dalle ore 21.00 del giorno indicato e fino a trenta minuti dopo la fine del film. Il giorno successivo saranno disponibili in replica a partire dalle ore 17:30, fino a trenta minuti dopo la conclusione. Ogni giorno alle ore 12.30 sui canali social del Cai e su loscarpone.cai.it sarà ricordato il film in programmazione alle ore 21.00 e quello in replica.