Gp di Singapore, gli organizzatori dicono “no” ad una gara a porte chiuse

A rischio il Gran Premio di Singapore, appuntamento ormai classico nel calendario di Formula 1.  Il Gp quest’anno potrebbe non disputarsi . La causa è come sempre la  pandemia di coronavirus.

Qualora si dovesse riuscire a iniziare a correre, gli organizzatori della gara che va in scena in notturna hanno fatto sapere tramite un portavoce che comunque il rischio annullamento è concreto. “La massima priorità rimangono la salute e la sicurezza dei nostri fan, dei volontari e di tutti gli abitanti – ha dichiarato un portavoce degli organizzatori al quotidiano The Straits Times – Le opere richiedono in genere tre mesi per essere completate e ciò dipenderà dal fatto che tali attività siano consentite ai sensi delle normative governative in vigore. L’unica cosa certa, però, è che sarà impossibile organizzare un evento a porte chiuse“.

Un programma non ufficiale, peraltro, è già stato diffuso in rete e il Gran Premio della città-stato asiatica, in origine fissato a settembre, non è stato inserito.