Massimiliano, 32 anni, ha battuto la quarantena suonando la batteria

Massimiliano, 32 anni, è un ottimo batterista e percussionista. La sua passione è nata molti anni fa. La sua disabilità intellettiva non gli ha mai impedito di esaudire i suoi sogni. Nonostante l’isolamento di questi mesi ha continuato a suonare il suo strumento preferito per la gioia di papà Sebastiano.

Da undici anni è la batteria la sua grande passione. Superati i 20 anni ha iniziato a frequentare un’accademia artistica aperta a tutti. Ma anche il padre è musicista. «Ci siamo creati in casa uno spazio tutto nostro. La musica è una parte fondamentale della nostra quotidianità».

Gli angeli custodi di Massimiliano sono gli operatori dell’Anfass di Ostia. «Volti amici che hanno evitato l’isolamento e proseguito il percorso di socializzazione di Massimiliano» spiega Giada Capogna, coordinatrice del servizio di assistenza domiciliare di Anffas Ostia, associazione di famiglie e persone con disabilità intellettiva e del neurosviluppo del litorale di Roma.