In una sola App nove canali dedicati allo sport, la novità di Sportitalia

Sportitalia, emittente televisiva presente sul digitale terrestre che offre sport H24 ha deciso  i lanciare la sua applicazione gratuita per smartphone Android e iOS. E’ possibile vedere ben 9 canali gratuiti dedicati allo sport, con alcuni verticali su motori e sulle notizie, disponibili in ogni momento della giornata tramite il proprio dispositivo portatile.

Un’app che permette la visione di ben 9 canali gratuiti dedicati allo sport, con alcuni verticali su motori e sulle notizie, disponibili in ogni momento della giornata tramite il proprio dispositivo portatile.

L’applicazione riprende il layout del sito e permette agli appassionati di guardare in diretta streaming gratis 9 canali dedicati interamente allo sport (e al calcio in particolare): Sportitalia HD,  Sportitalia Solo Calcio, Sportitalia Motori, Sportitalia Live 24 (il canale all news attivo H24), Udinese TV,  Be.Pi Tv,
Radiobianconera.com, Radio nerazzurra e  TmW Radio. L’app di Sportitalia è disponibile gratis sul Google Play Store e App Store.

Una pinzetta anti-contagio in ottone per distribuire le ostie

Una pinzetta anti-contagio in ottone per distribuire le ostie al momento della comunione, in chiesa. L’idea, riproposta oggi a pochi giorni dal ritorno dei fedeli a messa, non è nuova e viene dal passato.

Proprio le pinzette venivano utilizzate infatti fino al XIX secolo in tempi di epidemia, per evitare di trasmettere la malattia insieme al “corpo di Cristo”. E oggi che siamo alle prese con il coronavirus, quell’antico uso torna di attualità e viene rilanciato da un’azienda. Le pinzette dorate per la distribuzione dell’eucarestia ai fedeli evitano il contatto con le dita del celebrante.

Numerosi sono poi i nuovi articoli religiosi che, a partire dalla prossima settimana, inizieranno ad essere diffusi nelle chiese italiane. Saranno disponibili diverse linee di mascherine per la partecipazione a riti e celebrazioni, da quelle semplici bianche con il monogramma “IHS” che richiama il nome di Gesù, consigliate ad esempio per i bambini delle Prime Comunioni, a quelle policrome che riproducono immagini sacre, come il crocifisso, la Vergine Maria e molti santi.

Turismo di prossimità e soprattutto “lento”, un’estate per scoprire il territorio

Questa estate dovremo privilegiare mete vicine a casa, possibilmente poco affollate.  Favoriti quindi i borghi e il “turismo lento” e quello in solitaria. I lunghi spostamenti e i viaggi all’estero, d’altronde, non saranno verosimilmente possibili, soprattutto in queste vacanze estive considerando le frontiere chiuse o i periodi di quarantena che gli Stati d’arrivo potrebbero chiedere di rispettare. Sarà una valida occasione per scoprire anche i paesi dell’entroterra lontano dalla costa, ma ricchi di storia e di tradizioni culturali. Un modo nuovo per vivere il territorio senza fretta, ma con gusto.

Per il bonus vacanze, sotto forma di tax credit, ricordiamo che sarà di 500 euro a famiglia (300 euro per i nuclei di due o più persone, e 150 per la singola persona) con un reddito Isee non superiore a 40mila euro, da spendere presso attività turistiche sul territorio nazionale. Il credito, si legge nel decreto Rilancio, è “utilizzabile dal 1° luglio al 31 dicembre 2020”.

Le modalità di utilizzo del bonus sono spiegate al comma 3: “Il credito di cui al comma 1 è fruibile nella misura del 90% in forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dai fornitori presso i quali la spesa è stata sostenuta, e per il 10% in forma di detrazione di imposta in sede di dichiarazione dei redditi da parte dell’avente diritto”.

Massimiliano, 32 anni, ha battuto la quarantena suonando la batteria

Massimiliano, 32 anni, è un ottimo batterista e percussionista. La sua passione è nata molti anni fa. La sua disabilità intellettiva non gli ha mai impedito di esaudire i suoi sogni. Nonostante l’isolamento di questi mesi ha continuato a suonare il suo strumento preferito per la gioia di papà Sebastiano.

Da undici anni è la batteria la sua grande passione. Superati i 20 anni ha iniziato a frequentare un’accademia artistica aperta a tutti. Ma anche il padre è musicista. «Ci siamo creati in casa uno spazio tutto nostro. La musica è una parte fondamentale della nostra quotidianità».

Gli angeli custodi di Massimiliano sono gli operatori dell’Anfass di Ostia. «Volti amici che hanno evitato l’isolamento e proseguito il percorso di socializzazione di Massimiliano» spiega Giada Capogna, coordinatrice del servizio di assistenza domiciliare di Anffas Ostia, associazione di famiglie e persone con disabilità intellettiva e del neurosviluppo del litorale di Roma.

Per raccolta differenziata degli imballaggi in plastica Italia tra i Paesi virtuosi

L’Italia si distingue per aver fatto passi da gigante sul fronte della raccolta differenziata degli imballaggi in plastica e si conferma uno dei Paesi europei più virtuosi, con un recupero dei rifiuti che raggiunge il 90% degli imballaggi immessi nel mercato. Dalle prime stime si prevedono infatti, per il 2019, numeri da record, che evidenziano una crescita del 13% sull’anno precedente con circa 1.378.000 tonnellate di imballaggi in plastica raccolte dal sistema consortile.

Ma nel mondo solo il 15% dei rifiuti in plastica viene riciclato e si disperdono 0,45 mega tonnellate di plastica in natura ogni anno. Numeri allarmanti che per essere contrastati richiedono l’impegno di tutti. Per questo, Procter & Gamble, in collaborazione con Corepla, il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli imballaggi in plastica, promuove nei punti vendita Carrefour Italia l’iniziativa “Riciclare la plastica è un gioco da bambini” a favore di Federparchi, la Federazione Italiana dei Parchi e delle Riserve Naturali.

L’iniziativa, che ha come ambassador la pluricampionessa olimpica Valentina Vezzali, l’atleta italiana più medagliata di tutti i tempi, appartenente al Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro, prevede che per ogni 3 prodotti dei marchi P&G (Dash, Lenor, Unstoppables, Swiffer, Fairy, Viakal, Gillette, Pantene, AZ e Oral B) messi nel carrello della spesa fino al 30 settembre in uno dei supermercati Carrefour aderenti, Procter & Gamble doni 6 euro a Federparchi con l’obiettivo di acquistare arredi urbani in plastica riciclata per le aree picnic di 11 parchi regionali e nazionali. Con la plastica raccolta e riciclata da Corepla, grazie al comportamento responsabile dei cittadini che differenzieranno adeguatamente i rifiuti, sarà possibile produrre tavoli, panchine, porta bici e tutto ciò che serve per trascorrere piacevoli momenti di ristoro all’aria aperta, nel pieno rispetto della natura.

Gli arredi in plastica riciclata, di produzione al 100% italiana, saranno donati al Parco Nazionale Gran Paradiso in Valle D’Aosta, alle Aree Protette Po Torinese in Piemonte, al Parco Agricolo Milano Sud in Lombardia, al Parco Regionale dei Colli Euganei in Veneto, al Parco Regionale delle Prealpi Giulie in Friuli, al Parco Regionale del Beigua in Liguria, al Parco del Ducato in Emilia Romagna, al Parco Regionale della Gola Rossa e Frasassi nelle Marche, al Parco Regionale della Maremma in Toscana, all’Area Marina Protetta Tavolara in Sardegna e al Parco RomaNatura nel Lazio.

P&G rafforza così il proprio impegno per generare un impatto positivo sull’ambiente e sulla società, come previsto dal programma “Ambition 2030” con cui si è data obiettivi di sostenibilità molto stringenti, come rendere il 100% degli imballaggi riciclabili o riutilizzabili entro il 2030. “L’emergenza Coronavirus non pone in secondo piano l’impegno verso la sostenibilità ambientale ma anzi la rilancia. Con l’iniziativa “Riciclare la plastica è un gioco da bambini” intendiamo produrre benefici diretti sia per l’ambiente – facendo leva sul principio della circolarità e dando nuova vita ai materiali plastici usati – che per l’intera comunità a cui vengono donate nuove aree picnic immerse in bellissimi parchi regionali e nazionali in cui poter trascorrere del tempo a contatto con la natura” – dichiara Paolo Grue, Direttore Commerciale di P&G in Italia.

A ribadire l’importanza di un impegno concreto in favore dell’ambiente è Valentina Vezzali, volto della campagna, ex schermitrice e atleta italiana più medagliata di sempre, nonché mamma di Pietro, 14 anni, e Andrea, 6 anni. I parchi sono da sempre amati dagli italiani, come luogo in cui trascorrere il tempo libero o fare sport, anche con tutta la famiglia. “Preservare l’ambiente è il dono più bello che possiamo fare ai nostri figli e alle future generazioni. Educare i bambini fin da piccoli al rispetto dell’ambiente è fondamentale. I ragazzi di oggi sono molto sensibili a questi temi, capiscono subito il senso dei comportamenti “corretti” e sostenibili e li adottano con più facilità degli adulti. Lo sport in questo ci può aiutare, perché si basa su valori chiave come il rispetto delle regole e del prossimo e ci dimostra come, solo attraverso l’impegno si raggiungono risultati. Sono orgogliosa di essere il volto di un’iniziativa così importante che unisce la tutela ambientale con la voglia di condivisione sociale, sensibilizzando tantissime persone verso un tema, quello della sostenibilità e della circolarità, che non può più essere ignorato”.

“Lavoriamo quotidianamente per assicurare la sostenibilità del nostro business e garantire impatti positivi delle nostre attività in senso sociale e ambientale. Perseguiamo questo impegno attraverso la nostra strategia di Transizione Alimentare, che si traduce in diverse azioni concrete per la lotta agli sprechi in ogni loro forma, dalle risorse energetiche a quelle alimentari, e per un packaging sempre più eco-compatibile e riutilizzabile, coinvolgendo direttamente anche i nostri consumatori, per accrescere la loro consapevolezza rispetto alla tutela dell’ambiente. Per questo siamo molto felici di essere al fianco di P&G in questa campagna a favore di Federparchi: siamo convinti che la grande distribuzione possa avere un ruolo determinante in termini di sostenibilità e che possa fare molto per migliorare, concretamente, la vita dei suoi consumatori” – commenta Roberto Simonetto, Direttore Commerciale di Carrefour Italia.

“La nostra missione è la salvaguardia dell’ambiente attraverso la raccolta e il riciclo degli imballaggi in plastica, con risultati sempre più importanti come dimostra il livello di riciclo medio annuo per abitante superiore ai 22 kg/persona anno raggiunta nel 2019 – afferma il Presidente di Corepla Antonello Ciotti. Numerose sono le iniziative che portiamo avanti per sensibilizzare i cittadini e le imprese a procedere concretamente verso l’economia circolare ed è un onore per noi essere tra i protagonisti di questo progetto. La sostenibilità è un gioco di squadra tra imprese, istituzioni, cittadini e Sistema Paese al fine di raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu e solo operando di concerto potremo tradurlo in beneficio diffuso”.

“La ripresa dopo la pandemia deve essere all’insegna della sostenibilità, è una strada obbligata per ripartire con maggiore vigore. In questo quadro il tema del recupero e dei materiali è di particolare rilievo e l’iniziativa di Procter & Gamble insieme al Consorzio Corepla. per il riciclaggio della plastica va nella direzione giusta. Dare l’opportunità ai cittadini di sostenere, con i loro acquisti, la Federparchi per offrire a undici aree protette arredi in materiali riciclabili, è un sostegno concreto al mondo dei parchi, modello da sempre di sviluppo sostenibile, e allo stesso tempo sollecita la consapevolezza della necessità di un’economia più a misura d’uomo” – dichiara il Presidente di Federparchi Giampiero Sammuri

Veneto e Emilia hanno adottato il protocollo Fipe per ripartire

Del protocollo adottato in Regione è fiera l’Emilia Romagna, è convinta che funzionerà. Lo dice chiaramente Gaetano Callà, presidente provinciale di Fipe Confcommercio Rimini, in un’intervista al Corriere locale. «Le regole che contiene sono buone. Bisogna sperare che il Governo non le inasprisca». Qui il menu diventa digitale, le mascherine saranno obbligatorie sia al momento dell’ingresso che dell’uscita, si leverà solo a tavola. E «naturalmente si potrà approfittare dello spazio esterno messo a disposizione dal Comune». Una scelta «utile» quindi questa del protocollo regionale, «perché altrimenti l’80% dei locali, a causa delle ridotte dimensioni, sarebbe stato costretto a chiudere».

In Veneto il governatore Luca Zaia ha già deciso di prendere altre misure: la distanza tra tavoli da 2 a 1 metro, per rendere più “limitato” il sacrificio di una percentuale di coperti. Un motivo c’è. Un sondaggio della Fipe – Federazione italiana pubblici esercizi proposto agli esercenti ha messo in luce una situazione allarmante: il 43,5% degli operatori ha detto che, con la previsione di distanze minime di 2 metri tra i tavoli, non ci sarà ripartenza lunedì; il 16,8% sostiene che è impossibile rispettare le norme volute dal Governo e che quindi chiuderà per sempre. Significa dire addio a 3.300 locali.

Una decisione, quella di Zaia, similmente adottata in Regioni come «la Liguria, la Calabria, l’Emilia Romagna e le Marche».

La Galleria Borghese è tra i primi musei italiani a riaprire al pubblico

La Galleria Borghese è tra i primi musei italiani a riaprire al pubblico da martedì 19 maggio. Il Museo ha riorganizzato i servizi e gli spazi e ha attivato tutte le misure necessarie per migliorare la fruizione e rendere l’esperienza dei visitatori piacevole e sicura. Le visite, solo su prenotazione a partire da lunedì 18 maggio, si svolgeranno secondo l’orario consueto dal martedì alla domenica dalle 9 alle 19.

I turni di visita saranno sempre di 120 minuti per accogliere in modo sicuro il pubblico negli spazi museali e gestire in maniera ottimale i flussi di ingresso e di uscita al museo. Il Museo riapre tutte le sale, dove i visitatori saranno accolti in piena sicurezza e nel rispetto delle normative e delle misure anti-contagio. All’interno del Museo sarà d’obbligo l’uso della mascherina.

A garanzia del mantenimento della distanza tra i visitatori, è stato ridotto il numero complessivo limitandolo a 80 persone per turno. Una necessità, questa, che diventa un’occasione straordinaria e irripetibile per ammirare le sale apprezzandone le meraviglie in piena tranquillità. I servizi di accoglienza – biglietteria, guardaroba, bookshop – sono situati nei box lungo il viale esterno della Galleria in modo da limitare la permanenza dei visitatori all’interno dell’edificio per il tempo strettamente necessario alla visita del museo.

“Globetrotter 4 Friends”, Italia dell’enogastronomia e dell’accoglienza

L’iniziativa prevede due giorni no-stop di contenuti che attingono al mondo del vino, dell’economia e della comunicazione trasmessi sulla web TV di Globetrotter Gourmet e sui canali social di Adua Villa.

E’ “Globetrotter 4 Friends”, Italia dell’enogastronomia e dell’accoglienza che andrà in scena sabato 23 e domenica 24 maggio, dalle 11 alle 21, con Adua Villa, imprenditrice digitale e sommelier.
Sono previste 4 rubriche tematiche che si alterneranno nella due giorni: Retro Etichetta pone al centro le storie dei produttori raccontate in prima persona, attraverso interviste, incontri, chiacchiere sul vino e su quanto sta accadendo in vigna e cantina. Si passa all’intrattenimento con Digital Label, un gioco tra produttore e consumatore mediato da Adua.

Il cliente finale, infatti, degusta un’etichetta e procede con la sua personale valutazione ignaro del fatto che il produttore sia in ascolto, con reazioni tutte da scoprire. Vicini di casa, invece, è lo spazio dedicato al turismo fuori porta. Invita alla scoperta dei borghi a pochi chilometri da casa, dell’azienda vitivinicola nella campagna appena fuori l’area metropolitana, della caletta sul lago o sul fiume dove rigenerarsi nel fine settimana. Adua Villa si confronterà con le realtà dell’accoglienza e tutti gli attori dell’enoturismo che stanno elaborando nuove soluzioni e proposte turistiche adattate al periodo.

Infine, Si starà meglio quando si starà meglio, il format che sogna un mondo sostenibile, smart, identitario: qui si presenteranno nuovi progetti e si darà voce ad iniziative che si occupano di chi è più in difficoltà in questo momento.

Decreto legge su riapertura, Confcommercio: “Incertezza disastrosa, non si fa così”

“L’incertezza è sempre negativa, in una crisi drammatica come quella che viviamo è disastrosa. Non si fa così. Si attende per lunedì la “riapertura” del Paese. Ma ancora non si sa come. Le bozze di provvedimento, che come è ormai consuetudine stanno già largamente circolando, prevedono quale condizione il rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida, idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di esercizio o in ambiti analoghi, adottati a livello nazionale”.

Ad affermarlo è Confcommercio. A loro volta, “le singole regioni – fa notare l’associazione – possono adottare propri protocolli nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali. La domanda (come si dice) nasce spontanea: di grazia, è possibile sapere oggi (venerdì) di quali protocolli nazionali e regionali si sta parlando, posto che lunedì le saracinesche dei negozi dovrebbero tornare ad alzarsi? Centinaia di migliaia di imprese attendono con urgenza una risposta”.

Spray sotto le suole delle scarpe, lavaggio delle mani, termoscan così si va a scuola in Cina

Spray disinfettante sotto le suole delle scarpe, lavaggio delle mani, misurazione della temperatura e sanificazione di grembiulino e zainetto saranno per qualche tempo precauzioni che gli allievi cinesi dovranno assumere per scongiurare il ritorno dell’epidemia di Covid-19. Così si va a scuola in Cina.

In Cina le scuole hanno riaperto, segno che l’epidemia e’ stata superata, ma per evitare il ritorno dei contagi sono state assunte molte precauzioni: e’ stato ridotto il numero di alunni per classe e l’orario delle lezioni, mentre ai genitori e’ chiesto di accompagnare i figli, per evitare l’uso dei mezzi pubblici.

In una scuola elementare è stato realizzato un video, condiviso poi sulla piattaforma TikTok, in cui il “processo” viene mostrato passo dopo passo: da quando il bambino lascia la mano della mamma che lo ha accompagnato a quando riesce finalmente a guadagnare l’aula. Le insegnanti e le assistenti – munite di guanti e mascherina – lo attendono lungo il viale d’ingresso per svolgere tutte queste operazioni, tra inchini e direttive per far rispettare al piccolo tutte le norme igienico-sanitarie. E per la presa della temperatura, ci pensa un robottino colorato.

L’Emilia, il piccolo mondo di Giovanni Guareschi

Prosegue senza sosta il tour virtuale di Carlo Aonzo, “L’Italia del mille mandolini” che questo sabato planerà in Emilia, la bassa padana, uno stralcio di terra che corre da Pavia a Mantova, da Bologna a Ferrara, attraversata dal Po, tra nebbie e buona cucina, il brio del Lambrusco e del temperamento delle persone. Luoghi dove la musica è patrimonio, persino quella dei motori.

E con la stessa visione ironica del parmense Giovanni Guareschi, il celebre autore della saga di Don Camillo, Carlo Aonzo ci proporrà questa volta un viaggio in una storia fatta di donne e di uomini, di gente anche comune, capace di ritrovarsi in quella Italia di provincia, espressione di una cultura che va a braccetto con la tradizione popolare. E come l’istrionico scrittore Guareschi – il quale peraltro vanta nel suo trascorso universitario anche l’impegno di “istruttore” di mandolino – Aonzo altrettanto teatralmente ci condurrà in una Ferrara rinascimentale, quando il casato degli Estensi vantava a corte la star Pietrobono Burzelli, detto dal Chitarino, non a caso. La sua notorietà fu tale che tra le varie onorificenze gli venne attribuito anche il titolo di ‘nobiluomo’.

La narrazione storica che fa da spalla in ogni diversa città ha il preciso obiettivo di documentare, puntata, dopo puntata, il grande patrimonio musicale e culturale della nostra penisola. Fulcro centrale il mandolino che con le sue sonorità ha accompagnato culture e tradizioni diverse unite dalla stessa passione.

Grazie all’occhio di un drone virtuale si passerà a volo radente sopra Codigoro, Parma, Agazzano, toccando e omaggiando le realtà che, con impegno e dedizione dedicano il loro tempo alla musica e alla didattica, come Mutinae Plectri e l’Ensemble Mandolinistico Estense o come l’Orchestra A Plettro Gino Neri che vanta una tradizione secolare. Intanto scorrono documenti e foto d’archivio: le immagini del concerto di celebrazione per i 120 anni dalla sua nascita e che per l’occasione mise insieme ben 150 musicisti al Teatro Comunale di Ferrara.

L’anima Rock di Aonzo torna a farsi sentire anche questa volta: in chiusura arrivano infatti i Modena City Ramblers e il loro mandolinista ‘Fry’, con il brano “I 100 Passi”. Su queste note Carlo Aonzo si congeda dai fan sino alla prossima puntata. Guardando e ascoltando i mille mandolini diventa evidente: la musica siamo noi.

L’informazione continua ogni sabato alle ore 12 sulla pagina Fb: Carlo Aonzo mandolin

Testo a cura di Communiqué

https://carloaonzo.com/home

https://www.facebook.com/carloaonzomandolin/

 

Il Dj Francesco Fontes annuncia la cancellazione del tour estivo 2020

“Ci ho creduto fino all’ultimo per voi, che mi seguite dal 1998. Ma il coronavirus COVID-19 mi ha fermato, ha fermato tutti noi, bloccando per la prima volta in 22 anni il mio tour estivo.

Sono triste. Niente dj set nelle piazze italiane, niente km in autostrada, niente giornate sotto il sole a preparare il palco per la sera, niente cartelloni, niente messaggi sui social, niente musica dance. Quest’anno DJ FRANCESCO FONTES NON ACCOMPAGNERA’ la vostra estate, il mio camion resterà fermo e gli strumenti spenti.

Una frase che per me è difficile da pronunciare, considerato che non vedevo l’ora di presentare il mio nuovo spettacolo a cui stavo lavorando da tutto l’inverno dall’atmosfera unica, dove musica, immagini e luci per la prima volta erano una cosa sola, un programma che sarebbe stato davvero straordinario anche grazie agli investimenti fatti negli ultimi tempi.

Eppure, nonostante manchi una presa di posizione ufficiale da parte delle istituzioni, che come categoria ci hanno completamente abbandonato da inizio emergenza, non solo economicamente ma anche moralmente, ho fatto un passo avanti, ho deciso con razionalità che la salute delle persone è al momento prioritaria e che l’idea, anche se improbabile, di vedervi davanti al mio palco distanti, con la mascherina o peggio ancora senza poter ballare vicini al mio palco come sempre mi fa rabbrividire, perché le mie serate oltre che di musica sono fatte di persone che stanno insieme, che socializzano, io sono il loro collante.

Organizzare eventi quest’anno, qualora anche venga concesso in zona cesarini, cosa che dubito fortemente, equivale oggettivamente a realizzare qualcosa di rabberciato, con chissà quali limitazioni che porterebbe organizzatori e artisti scontenti per il risultato finale. Meglio conservare idee e risorse per quando sarà possibile garantire che una festa sia una vera festa, a quel punto IO CI SARO’, sarò pronto a riaccendere le luci.

Purtroppo è così, questa è la mia scelta, mi fermo per 1 anno, ma nella mia mente sono già alla prossima estate dove la voglia di divertimento e di ospitare qualcosa di bello nella propria piazza mi auguro sarà concreta, sia per tutti quegli organizzatori che già mi avevano scritturato per quest’anno, sia per quelli nuovi che avranno modo di scegliere un professionista, una storia lunga 22 anni, una struttura seria, affidabile, uno show a produzione completa sinonimo di qualità.

Nei miei pensieri voglio immaginare piazze gremite, facce sorridenti e cuori danzanti. Tutto ciò che quest’anno non mi è permesso realizzare. Brinderemo alla vita e allo stare insieme Ci vediamo in tour nell’estate 2021! Grazie per la vostra pazienza e affetto”.

Francesco Fontes

per info :

official web site www.francescofontes.it

official facebook www.facebook.com/djfrancescofontes

official You Tube http://www.youtube.com/user/DJFrancescoFontes/videos

official Twitter https://twitter.com/FrancescoFontes

official Instagram https://www.instagram.com/djfrancescofontes