Si riparte? Il Governo impegnato a fornire una serie di protocolli per bar, ristoranti e commercio

Entro mercoledì l’esecutivo si è impegnato a fornire una serie di protocolli tramite l’Inail: su bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti e commercianti al dettaglio. E si metteranno in campo anche misure generali sulla balneazione per le Regioni costiere e per i laghi. Dal 18 in poi sarà responsabilità di ogni singolo governatore decidere il da farsi per il proprio territorio.

Una decisa inversione di tendenza rispetto la centralizzazione delle scelte che ha caratterizzato tutta la fase emergenziale. Roma manterrà la supervisione generale. Giovedì arriveranno i dati del monitoraggio, che verrà effettuato ogni settimana. In base all’andamento del contagio, all’indice di diffusione R0 del Covid-19 e della situazione sanitaria e ospedaliera del territorio verrà fissata una soglia di sicurezza, superata la quale il Governo potrà decidere di intervenire con misure per l’intero territorio regionale o definendo nuove zone rosse.

L’apertura non comprende gli spostamenti interregionali, che dovrebbero essere consentiti a partire dal 25. Resta ancora da valutare se stabilire eccezioni per le Regioni che ancora oggi presentano un alto numero di contagiati.