L’ipotesi della distanza di 4 metri tra i tavoli condannata duramente dalla Fipe

Se le regole fossero così ferree come si vocifera, sarebbe una riapertura quasi dannosa per i ristoranti. Su tutte si scongiura l’ipotesi della distanza di 4 metri tra i tavoli già condannata duramente dalla Fipe (Federazione dei pubblici esercizi) con il presidente Lino Enrico Stoppani che ha annunciato: «Con queste regole è preferibile tenere tutto chiuso. A quel punto lo Stato dovrà aiutare 1,25 milioni di persone che dovranno vivere sulle sue spalle». Secondo la Fipe rischia di chiudere l’80% dei locali, che sono di dimensioni ridotte.

Più attuabile la distanza di 1 metro e 20 ai tavoli, con mascherine da indossare solo alla cassa e per andare in bagno, prenotazione obbligatoria, protezioni per il personale e distanza tra i tavoli idonea a concedere il passaggio dello stesso senza pericoli.