Covid 19, “Migliora la situazione in Italia” Rezza dell’Iss è ottimista

“In Italia stiamo meglio rispetto a uno o due mesi fa. Il numero di casi scende, diminuisce l’afferenza agli ospedali e la congestione delle terapie intensive. Resta ancora piuttosto alto purtroppo il numero dei decessi. Le cose stanno migliorando grazie a questo lockdown che è stato dichiarato l’undici marzo e che sta dando i suoi frutti”.  Giovanni Rezza, direttore del dipartimento di malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, è intervenuto su Rai Radio2 nella trasmissione “I Lunatici”, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

“Certe decisioni di aperture spettano alla politica, non si può tenere un Paese in lockdown per più di due o tre mesi, questo è certo – sottolinea-  Noi come tecnici vorremmo delle garanzie: un aumento dei posti di terapia intensiva, ed è stato fatto. E poi mantenere alcune norme di distanziamento sociale, i dispositivi di protezione per tutto il sistema sanitario, barriere fisiche tipo mascherine nei luoghi pubblici, sono cose basilari. E poi un maggior controllo del territorio, per l’individuazione precoce dei focolai. Serve un tracciamento dei contagi, con conseguente isolamento e quarantena”.