Prigionieri per tutta la vita, ecco il #CoronavirusConfinementChallenge

“Ti senti in prigione perchè da qualche settimana non puoi uscire dal comfort della tua casa? Pensa ad un maiale, una mucca, una pecora un agnello o a qualsiasi altro animale da allevamento che passa tutta la vita costretto in pochi metri quadri !!”

Così è iniziata la chiacchierata con Simone Scampoli, attivista di Animal Save Italia, che insieme ad altri attivisti presenti in tutto il mondo, lottano per far valere i diritti di queste povere anime, vegliando davanti ai mattatoi, facendo informazione nelle piazze e conferenze all’interno delle scuole.

Continua Simone: “Giorni, mesi, anni passati in condizioni disumane, in spazi ristrettissimi magari con i piedi nell’acqua costretti a camminare tra i propri escrementi. In questo momento di emergenza dov’è impossibile essere presenti fisicamente sul territorio era necessario trovare un modo per continuare il nostro lavoro.

Da qui nasce l’idea #CoronavirusConfinementChallenge una campagna di sensibilizzazione dove invitiamo il popolo social a provare anche solo per un’ora quello che gli animali provano per una vita intera e

che ci auguriamo grazie al contributo di tutti gli attivisti o meno diventi virale nel mondo”.

E così Simone ha deciso di aprire lui stesso questa challenge restando per più di due ore nudo in una bacinella piena d’acqua per provare sulla sua pelle anche se solo in minima parte quello che prova un animale da alleva

mento per una vita intera.

Domani alle 11,30 in diretta dal Santuario Capra Libera Tutti ( altra meravigliosa realtà gestita da un altro straordinario attivista, Massimo Manni, di cui parleremo presto) sulla pagina di Animal Save Italia Simone ci spiegherà nel dettaglio come partecipare alla challenge ed aiutare lui e tutti gli attivisti a diffondere questo nobile messaggio.

Se ancora non lo hai fatto metti like alla pagina di Animal Save Planet Italia per seguire tutti gli aggiornamenti https://www.facebook.com/animalsaveitalia

Barbara Cibelli