Skin on: la pelle umana trasformata in cover

Creata da alcuni ricercatori delle Università di Bristol, della Télécom ParisTech e della Sorbona, Skin-On è un interfaccia uomo-macchina, fatta di più strati: ha una membrana di silicone che imita gli strati della cute umana, il primo è una superficie ruvida, il secondo è uno strato di elettrodi e infine uno strato di ipoderma, nonostante l’aspetto del prototipo non sia dei più gradevoli, i ricercatori sostengono che si possano aprire scenari molto interessanti.

Skin-On può essere applicata su smartphone, touchpad e indossabili, anziché limitarsi a interagire toccando schermi bidimensionali e dure superfici sensibili al tocco, la periferica aggiunge una terza dimensione all’interazione.

Sono stati realizzati alcuni prototipi per mostrare le potenzialità: Skin-On è stata applicata su un touchpad di un computer, i ricercatori mostrano come sia possibile interagire affondando un dito nella pelle e a seconda della pressione apportata, l’input che riceve la macchina è differente, ad esempio pizzicandola avremmo la possibilità di stringere una foto.

La cover di pelle artificiale sullo smartphone, ci permetterebbe con un semplice pizzicotto di aumentare e diminuire il volume in base alle esigenze e trasformando cosi le cover da semplici oggetti estetici a strumenti interattivi.

Nel corso della presentazione i ricercatori hanno esposto il loro obiettivo: creare dispositivi “antropomorfi”.

Il principale ideatore, Marc Teyssier si riferisce a “sensazioni tattili”: “Quando parliamo con qualcuno di persona, a volte usiamo il tocco per trasmettere emozioni e, più in generale, per arricchire il discorso. Ora che la comunicazione viene eseguita attraverso i dispositivi, abbiamo perso questa modalità di comunicazione». Con Skin On invece «Una stretta forte trasmette rabbia, solleticare la pelle mostra un’emoji sorridente, picchiettando si crea un’emoji sorpresa».

Alex Sicorello

Condividi la notizia