E’ arrivata l’estate ed è tornata anche l’operazione Mare Sicuro della Capitaneria

Tremila uomini e 300 mezzi navali della Guardia Costiera. Parte questa estate l’operazione “Mare Sicuro”, presentata oggi dal ministro dei Trasporti Graziano Del Rio, insieme al ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina e a quello dell’Ambiente Gian Luca Galletti. «L’esodo estivo porta milioni di italiani e turisti stranieri sulle nostre coste. Se si confermano i dati dello scorso anno ci sono 37 milioni di passeggeri sui trasporti marittimi», ha dichiarato Del Rio. Ma ci sono anche i migranti, che scelgono la bella stagione per sbarcare nelle coste italiane.

Come funziona? Con interventi di soccorso nei confronti dei bagnanti, di chi pratica sport nautici con mezzi a motore e imbarcazioni, e dei subacquei. Senza dimenticare i controlli da parte della Guardia Costiera su tutte le attività svolte in mare: navi e infrastrutture.

Oltre alla sicurezza in mare, l’obiettivo dell’operazione è anche di preservare dal punto di vista ambientale le acque che bagnano gli 8mila chilometri quadrati di coste. Secondo Galletti, «l’operazione è strategica perché interviene in un periodo dell’anno che, per l’afflusso turistico, richiede un’attenzione ancora maggiore verso l’ecosistema» – e, continua il ministro – «Oggi grazie all’istituzione degli ecoreati, abbiamo gli strumenti giusti per fermare e colpire con la massima durezza».

Un occhio di riguardo lo merita anche il settore alimentare. «L’intensificazione dei controlli su tutta la filiera ittica – spesso soggetta a frodi e contraffazioni – è una delle caratteristiche più importanti dell’operazione “mare sicuro”» ha dichiarato il ministro Martina.