GT Award Ceremony, al Museo Ferrari di Maranello premiati 40 piloti

Maranello. Serata di gala al Museo Ferrari di Maranello con la cerimonia di premiazione dei piloti e dei rappresentanti dei team che hanno vinto nelle competizioni GT al volante della Ferrari 458 Italia nelle sue diverse versioni. Sono più di cinquanta i piloti che hanno portato in dote alla Casa di Maranello titoli nazionali e internazionali oltre che un gran numero di affermazioni in quattro continenti. Ad accogliere gli ospiti l’ingegner Amedeo Felisa, Amministratore delegato di Ferrari, e il Direttore Commerciale e Marketing, Enrico Galliera. Alla serata di gala erano presenti anche cinque degli otto piloti ufficiali dell’Ente Competizioni GT della Ferrari guidato da Antonello Coletta: Gianmaria “Gimmi” Bruni, Davide Rigon, Andrea Bertolini, James Calado e il nuovo arrivato Sam Bird.

12642854_1521006708195370_3447797573253041824_n
I 40 premiati alla cerimonia di Maranello

E a proposito di invitati speciali c’era anche lei, la nuova 488, che ha esordito a fine gennaio a Daytona nella versione GTE e che a breve debutterà anche in configurazione GT3. Proprio questa particolare tipologia di vettura, destinata a prendere il posto della 458 Italia che pure continuerà a gareggiare anche in questa stagione, era esposta al Museo Ferrari e non ha mancato di attirare l’attenzione di tanti piloti e responsabili di team che l’hanno studiata in tutti i particolari e presto potranno rendersi conto delle sue prestazioni in pista. Tra i team premiati anche l’americano Scuderia Corsa, vincitore del campionato Imsa 2015 nella classe , e AF Corse, storico partner di Ferrari che ha vinto la 24 Ore di Spa-Francorchamps e il campionato Blancpain Endurance Series così come l’International GT Open, classe Am, con Claudio Sdanewitsch. AF Corse nel WEC 2016 gestirà le due 488 che saranno impegnate nella classe GTE-Pro (sulla numero 51 ci saranno “Gimmi” Bruni e James Calado, sulla 71 Sam Bird e Davide Rigon) e metterà anche in pista una 458 Italia per François Perrodo, Emmanuel Collard e Rui Aguas nella classe GTE-Am.

12743918_1521006921528682_1516616039853140203_n
Nella foto Alberto Borgini

I premiati. Sono stati una quarantina i piloti premiati, tra cui anche tre degli ufficiali. “Gimmi” Bruni, vicecampione del mondo WEC 2015 insieme a Toni Vilander e vincitore delle gare di Silverstone e Fuji, è stato celebrato per il successo alla 24 Ore di Spa insieme a Pasin Lathouras, Stephane Lemeret e Alessandro Pier Guidi, mentre Davide Rigon ha ricevuto il premio per il successo alla 12 Ore del Golfo vinta insieme a Michal Broniszewski e a Michael Lyons. Il terzo pilota ufficiale ad essere celebrato è stato Andrea Bertolini. Il ragazzo di Sassuolo ha alzato due premi per la sua stagione 2015 da incorniciare. Insieme ai russi del team SMP Racing, Viktor Shaytar e Aleksey Basov, Andrea si è infatti aggiudicato sia la 24 Ore di Le Mans, una delle poche classiche che ancora mancava nel suo palmares, sia il WEC nella classe GTE-Am.