Domenico Colucci è il miglior imprenditore del web del 2015

Bari. Il ventiseienne pugliese Domenico Colucci è stato premiato a Helsinki come miglior giovane imprenditore del web dell’anno alla terza edizione di Europioneers 2015.Si tratta di un’iniziativa della Commissione europea. Colucci, informatico di Noci, in provincia di Bari, è il cofondatore e chief financial officer di Nextome, startup che si occupa di geolocalizzazione indoor, cioè negli spazi chiusi. Il premio Europioneers, diviso in tre categorie (Web Entrepeneur, Young Web Entrepeneur per giovani sotto i trent’anni, vinto da Colucci, e Female Web Entrepeneur), è promosso dalla Commissione europea. Su 606 candidati sono stati selezionati 60 finalisti: i vincitori delle tre categorie sono stati votati da una giuria di esperti e una giuria popolare.

«Europioneers è un riconoscimento molto ambito per le startup» spiega Colucci da Helsinki. «Siamo molto contenti – aggiunge l’imprenditore a Corriere Innovazione – anche perché abbiamo aperto un canale diretto con le istituzioni europee in vista delle prossime iniziative per le smart cities. Abbiamo parlato a lungo della possibilità di integrare la nostra tecnologia nel settore dei trasporti, per esempio nelle metropolitane».

Il riconoscimento è stato assegnato a Helsinki durante la giornata finale di Slush Conference, evento internazionale per startup. Alla cerimonia hanno partecipato anche Jyrki Katainen, vicepresidente della Commissione europea, e Markku Markkula, presidente del Comitato europeo delle regioni. Nelle scorse edizioni di Europioneers sono state premiate Prezi, Alumn-e School, Cartodb e Paij (2014) e Swiftkey e Soundcloud (2013).

Nextome è un’app che permette di orientarsi all’interno di spazi chiusi dove il gps non funziona (quindi musei, gallerie, fiere, centri commerciali) e non necessita di una connessione a Internet. L’idea nasce nel 2012 dai pugliesi Domenico Colucci, Vincenzo Dentamaro e Giangiuseppe Tateo, tutti provenienti dall’Università di Bari (al gruppo si aggiungeranno Pasquale Ambrosini e Giuseppe Mastrodonato). Il primo prototipo è stato presentato nel settembre 2013 al Salone delle startup e delle imprese creative della Fiera del Levante di Bari. Il primo lavoro è stato realizzato per il Museo diocesano di Bisceglie. Subito dopo arriva il primo investitore, Marco Bicocchi Picchi (attuale presidente di Italia Startup) con il ruolo di «strategic advisor».

La società nasce nel dicembre 2013. Nel novembre 2014 viene premiata come migliore startup dalla giuria popolare al Web Summit di Dublino, nel marzo 2015 è stata l’app ufficiale allo Smau di Berlino. La sede di Nextome è rimasta in Puglia, nel parco tecnologico Tecnopolis di Valenzano, in provincia di Bari.

Tratto da Corriere Innovazione