Porti, i cinesi di Qingdao interessati alla piattaforma Maersk

Vado Ligure. All’Aia, sede della divisione terminalistica Apm Terminal del gruppo Moeller Maersk, i rappresentanti della società danese e dello scalo cinese di Qingdao

hanno firmato un protocollo d’intesa che ha come oggetto l’attività da sviluppare sul terminal contenitori in costruzione a Vado Ligure.

La piattaforma di Vado Ligure sarà completata all’inizio del 2018 e, a regime, potrà movimentare oltre 800 mila contenitori/anno, moltiplicando l’offerta attuale che è limitata ai 300 mila teus degli impianti di Reefer Terminal Vado, acquisiti nei mesi scorsi da Apm Terminals.

La nuova piattaforma disporrà di due accosti che, grazie alla profondità dei fondali (20 metri) saranno in grado di accogliere le super-portacontenitori da 8 mila teus attualmente in costruzione. Qingdao, ovvero Tsingtao (colonia dell’impero tedesco fino al 1918), si trova sul Mar Giallo, di fronte alla penisola coreana, ed è il settimo porto più trafficato al mondo con più di 16 milioni di teu annuali di traffico.