A caccia dei reati ambientali, da Villanova d’Albenga “decollano” gli 007 del cielo

Villanova d’Albenga. Difesa della qualità dell’ambiente e attività di tipo preventivo. Dall’aeroporto Clemente Panero di Villanova d’Albenga decollano gli 007 del cielo per la difesa del territorio e per il contrasto dei reati ambientali. Sono gli aeromobili a pilotaggio remoto della “Nowlanding” che si è appena insediata nello scalo albenganese.

Saranno avviate quindi operazioni di previsione, monitoraggio e di anche di controllo dei reati ambientali attraverso l’impiego di mezzi aerei in zone difficilmente accessibili dall’uomo. “Basti immaginare colline impervie o boschi impenetrabili dove l’uomo incontrerebbe difficoltà a raggiungerle – spiega Stefano Gagino, responsabile della Nowlanding – Con la nosra strumentazione, invece, sarà più facile avviare attività di contrasto ai reati che danneggiano il patrimonio ambientale e che possono rappresentare un rischio concreto per la salute dei cittadini”.

Così da Villanova d’Albenga prende il volo una nuova forma di controllo e soprattutto un sistema migliorativo nella gestione dei processi a supporto delle attività e delle decisioni degli organi prepoasti nella lotta agli illeciti ambientali.

“La Nowlanding, con i propri piloti specializzati, mette a disposizione le sue capacità professionali ai Comuni o ad altri pubblici che lavorano per la difesa del territorio. Gli aeromobili in volo – dice ancora Stefano Gagino – sono in grado di “scovare” situazioni che all’occhio dell’uomo possono anche sfuggire”.

A bordo, infatti, è installato un occhio elettronico con un livello di dettaglio impareggiabile. Tra l’altro le ispezioni mediante aeromobili a pilotaggio remoto a decollo verticale possono essere eseguite, in modo rapido. Come detto questi mezzi possono raggiungere anche luoghi remoti e filmare video e scattare foto ad alta risoluzione che sono essenziali per prendere delle decisioni immediate e integrarle in sistemi informatici.

Tra l’altro tutti i dati raccolti possono anche essere impiegati per perizie legali per conto dell’autorità giudiziaria sia in fase investigativa che in fase dibattimentale durante un processo.