Con Airnb un mese sabbatico in Antartide per diventare ambasciatori dell’ambiente

Si chiama “Antarctic Sabbatical”. E’ una spedizione di ricerca in uno dei luoghi più isolati della terra.

Airnb lancia un’iniziativa singolare, ma occorre fare in fretta. “Unisciti ad altri 4 volontari e parti per una spedizione scientifica unica nel suo genere con la scienziata ambientale Kirstie Jones-Williams. Raccoglierete informazioni e dati sulla presenza di microplastiche nel continente più isolato della Terra: l’Antartide”.

Ci si può candidare entro le 23:59 dell’8 ottobre 2019 (ovvero le 6:00 del 9 ottobre, orario italiano). L’offerta è soggetta ai termini di partecipazione.

Settimane 1 e 2

La preparazione avverrà in Cile: incontrerai i tuoi compagni di squadra e la leader della spedizione, Kirstie Jones-Williams. Dopo le presentazioni, trascorrerai due settimane di training, sia fisico che psicologico, per prepararti a condurre ricerche nel rigido ambiente dell’Antartide. Qui ti abituerai al linguaggio scientifico, controllerai l’attrezzatura, incontrerai partner locali ed esplorerai la natura selvaggia del Cile.

Settimana 3

Ricerca in Antartide: una volta arrivati all’Union Glacier Camp, trascorrerai dieci giorni di lavoro ed esplorazione. Avrai la possibilità di visitare il Polo Sud ed esplorare la bellezza di siti antartici come Drake Icefall, Charles Peak Windscoop ed Elephant’s Head. Tra una corsa in motoslitta e una in mountain bike, trascorrerai gran parte del tempo lavorando fianco a fianco con il tuo team, raccogliendo campioni di neve da studiare in laboratorio e sviluppando la tua ricerca per vedere se le microplastiche sono presenti all’interno dell’Antartide.

Settimana 4
Organizzazione dei dati: dopo il tempo trascorso sulla terra ferma, tu e il tuo team farete ritorno in Cile per trascorrere alcuni giorni a elaborare quanto appreso, così da poter mostrare l’impatto che gli uomini hanno avuto su una delle regioni più remote della Terra. Collaborerete con Ocean Conservancy per diventare ambasciatori per la protezione degli oceani, condividendo con il mondo i metodi con i quali ridurre al minimo la propria impronta collettiva in termini di utilizzo della plastica e non solo.

Condividi la notizia