Benvenuta «Manitou», la barca di JFK torna al raduno delle vele d’epoca di Imperia

Il «Manitou» che anche quest’anno partecipa al raduno delle vele d’epoca di Imperia  è uno yawl del 1936 costruito da M.M. Davis & Son yard a Solomans nel Maryland su disegno di Olin Stephens, ma soprattutto fu di di JFK. Una bella signora del mare che fu scelta dal Presidente degli Stati Uniti d’America in persona per rimpiazzare il vecchio yacht a motore di 92 piedi che fu regalato alla Guardia Costiera.

La barca a vela fu persino soprannominata “the floating White House”, ovvero la Casa Bianca galleggiante. “Manitou” è un 62 piedi di lunghezza (19 m). Come detto è stato utilizzato come yacht presidenziale da Kennedy. Originariamente lo scafo era di proprietà privata, apparteneva al pilota automobilistico James Lowe. Una volta varato nel 1937 l’anno dopo ha vinto 1938 la “Chicago Mac Race” nella divisione crociera (in tempo compensato), battendo tutti i record precedenti.

L’anno successivo ha conquistato il secondo posto, ma nel 1940 e nel 1941 ha doppiato la vittoria. Dopo questi successi, Lowe ha venduto Manitou e nel 1955 fu donato alla Guardia Costiera degli Stati Uniti per essere utilizzato come nave scuola al United States Coast Guard Academy a New London, Connecticut.

Dopo essere stato utilizzato dal presidente Kennedy Manitou nel 1968 è finita nella flotta come nave scuola dell’Harry Lundenburg Scuola di Nautica in Maryland. La barca ha assunto il soprannome:. “Floating Casa Bianca”. Nel 1999 è stata venduta a Laura Kilbourne, pronipote del James R. Lowe, il proprietario originale. Manitou è stato poi consegnato per un restauro completo al Chesapeake Marine Railway in Deltaville, Virginia.

Condividi la notizia