/A Laigueglia lo spettacolare Sbarco dei Saraceni

A Laigueglia lo spettacolare Sbarco dei Saraceni

A Laigueglia già si respira aria di festa. Venerdì 27 luglio, in uno dei borghi più belli d’Italia, torna lo “Sbarco dei Saraceni” che evoca la storia del terribile comandante Dragut. Prima dello sbarco, accompagnato come sempre da uno spettacolo pirotecnico mozzafiato e ogni anno ricco di sorprese, Laigueglia si anima con feste e eventi che fanno da cornice alla manifestazione del 27 luglio.

Si comincia lunedì 23 luglio con “Costruiamo le marionette dei pirati”, appuntamento alle 21 in piazza Marconi con il laboratorio e l’animazione per i bambini a cura della Pro Loco di Laigueglia. Da lunedì 23 a mercoledì 25 luglio, piazza Marconi, dalle 18 alle 23, farà da cornice alle “Frittelle di Dragut” per assaporare una prelibatezza locale. Martedì 24 luglio alle 21 altro laboratorio a cura della Pro Loco con animazione per i bambini in questo caso impegnati a costruire il veliero dei saraceni. Mercoledì 25 luglio visita guidata nei luoghi saraceni a cura della professoressa Anna Celant Marino con rito alle 18 in via Mazzini nei pressi dell’anfiteatro. In serata “Lo sbarco è dei bambini”, baby dance, trucca bimbi e animazione sempre in via Mazzini a partire dalle 21. Giovedì 26 luglio, vigilia dello sbarco, turisti e residenti saranno coinvolti in una emozionante “Caccia al tesoro dei pirati saraceni” che inizierà alle 17,30 in via Mazzini.

Venerdì, serata dello “Sbarco dei Saraceni”, lo spettacolo piromusicale dal molo centrale inizierà alle 22. Ma lo sgherri sarà in acqua con la battaglia che rievocherà il saccheggio di Dragut del 1546. La lunga notte del saraceno con intrattenimento musicale nelle piazze del centro storico, a cura dell’Associazione commerciale “Mare e Mestieri”, concluderà la giornata di festa nel borgo laiguegliese. Tra l’altro, da qualche anno, lo spettacolo si apre con la rappresentazione del paese, ovvero prima che arrivassero i saraceni, quando ancora regnavano pace e serenità. Mentre gli uomini pescavano in mare il corallo, le donne rammendavano e si occupavano dei bambini.