/Che sapore hanno i nostri Parchi? La proposta italiana ai parchi d’Europa

Che sapore hanno i nostri Parchi? La proposta italiana ai parchi d’Europa

Riomaggiore. Il Consiglio direttivo di Europarc ha accolto la proposta, lanciata da Vittorio Alessandro, presidente del Parco nazionale delle Cinque Terre, in rappresentanza della Sezione italiana Federparchi, di una Carta europea per l’agricoltura sostenibile.

Il progetto consiste nella elaborazione di un protocollo che riconosca e sostenga le attività agricole (e di pesca artigianale) che esaltano le identità territoriali offrendo ai visitatori la qualità del prodotto e il “sapore” dei luoghi raggiunti.

“L’obiettivo è quello di valorizzare, insieme alla qualità delle produzioni locali – dice Vittorio Alessandro – il loro valore economico-sociale, il legame – che esse rappresentano – dell’uomo al territorio e i percorsi di inclusione da esse aperte: storie non da inventare, ma già vive”. A marzo la proposta sarà approfondita a Siggen (Germania), con l’analisi di esperienze come le Cinque Terre in Italia ed altre similari in Francia, Spagna, Estonia, e sarà portata infine all’Assemblea generale di Europarc nel prossimo mese di ottobre.