Il Prix 2015 si terrá a Torino, lo ha deciso la Rai

prix italia

Torino. Si terrà dal 19 al 24 settembre 2015 la prossima edizione del Prix Italia, la 67a e la settima consecutiva a Torino. La decisione, presa dalla Rai, è stata accolta con soddisfazione dai soci internazionali visto che con Torino c’è un rapporto consolidato ed è una città che offre molteplici opportunità.

“Sette anni a Torino, nel 2015 capitale dello sport, sono un bel record.” – dichiara la Presidente Rai Anna Maria Tarantola – “Testimoniano la vitalità di un rapporto che è cresciuto nel tempo all’insegna di quella voglia di fare cultura che il capoluogo piemontese manifesta con convinzione e continuità in tutti i campi. L’innovazione nel settore dei media si metterà ancora una volta in vetrina durante la 67esima edizione del Prix Italia. Il confronto tra i tanti delegati che arriveranno da ogni parte del mondo consentirà di mischiare tradizione e futuro permettendo a tutti i Servizi Pubblici di evidenziare contenuti che soddisfino un pubblico sempre più esigente ed evoluto e che richiedono innovazioni anche di linguaggio”.

“Il tema dell’edizione 2015 – annuncia Paolo Morawski, Segretario Generale del Prix Italia – sarà il Laboratorio della creatività che è gemella dell’innovazione, tema conduttore di quest’anno”. “Ho accolto con grande piacere la notizia della conferma di Torino come sede del Prix Italia – prosegue Morawski – perché adesso abbiamo davanti quasi un anno per costruire una edizione ancora migliore di quella passata che ci ha regalato, come azienda, il plauso della comunità internazionale, sia per i temi trattati sia per le iniziative collaterali. Il prossimo anno voglio dare spazio alle storie, alla costruzione del racconto televisivo e radiofonico, e alla nuova qualità delle esperienze cross-mediali in Rete. Perché l’innovazione passa appunto attraverso la creatività”. “La città di Torino – conclude Morawski – merita questa conferma perché ci ha omaggiato della sua presenza ed in alcuni casi abbiamo dovuto raddoppiare gli eventi per la grande risposta da parte del pubblico. Si può dire che l’edizione di quest’anno ha capitalizzato tutto il lavoro fatto nelle sei precedenti che si sono tenute sempre nella città sabauda. Per il futuro stiamo pensando a rafforzare le sinergie a livello territoriale, nazionale e internazionale, in particolare euro-mediterraneo. La dimensione globale è fondamentale per la crescita della manifestazione. Lavoreremo molto sul concreto (programmi e progetti) e sulla contaminazione di generi e ambiti che soprattutto il Web favorisce: dalla musica allo sport, dalle news alla fiction alle performing arts. La sfida é ragionare sulle nuove forme di offerta dedicate ai giovani in senso lato (canali, programmi, piattaforme, app). Questa sarà forse la parte più innovativa del Prix Italia 2015: proporsi come momento e luogo di facilitazione, di raccolta e sviluppo di proposte creative editorialmente interessanti”.

Per il 67? Prix Italia è inoltre allo studio un evento speciale di chiusura, venerdì 25 settembre 2015, in sinergia con Expo 2015 di Milano, ai cui temi il Prix Italia è legato da anni con un premio speciale dedicato.

Condividi la notizia